Economia e Lavoro > Finanza

Le banche svizzere

I vantaggi di un conto in Svizzera

Il sistema bancario svizzero è noto in tutto il mondo perché le banche svizzere non elargiscono facilmente informazioni e la privacy è gestita in maniera eccellente.
Questi Istituti bancari offrono l'opportunità di depositare in franchi svizzeri o in qualsiasi altra moneta, a patto che si depositi un determinato capitale per aprire il conto.
Ogni banca adotta le proprie regole ed è necessario informarsi su quali siano le più convenienti per ogni esigenza.
Chiunque può aprire un conto in Svizzera anche se, nell'immaginario collettivo, si tende a pensare che i depositari siano degli evasori fiscali.
Il mito è da sfatare perché le banche svizzere offrono molti più vantaggi degli altri sistemi concorrenziali.
Bisogna sottolineare che le banche selezionano accuratamente i propri clienti e si riservano la facoltà di non accettare fondi che ritengono poco limpidi.
Questa procedura avviene perché la banca deve mantenere un livello di reputazione accettabile e non può rischiare di prendere capitali che provengono da atti illeciti o criminali.

La documentazione da presentare

Le banche svizzere sono severissime e per accedere all'apertura di un conto vengono chiesti dei documenti e delle informazioni aggiuntive.
E' necessaria l'identità di chi vuole aprire un conto e il certificato dei propri beni patrimoniali.
Per aprire un conto occorre che si presenti il diretto interessato, ma è possibile anche farlo tramite posta elettronica o per corrispondenza.
Le banche svizzere non adottano le stesse regole ed ogni Istituto bancario ha delle norme che lo caratterizzano.
Molti di essi permettono di aprire un conto online, ma sempre con la richiesta specifiche informazioni, al fine di preservare la reputazione della banca stessa.
Ci sono varie alternative per aprire un conto in Svizzera e la più seguita è quella di recarsi personalmente sul posto.
E' possibile, però, andare in una filiale presente in Italia, oppure affidarsi ad un'agenzia intermediaria che si occuperà di tutta la procedura.
Quest'ultima alternativa consente di adottare tattiche personalizzate a seconda delle esigenze di ogni cliente.

Aprire un conto in Svizzera è legale

Contrariamente a come si tende a credere, l'apertura di un conto in Svizzera è del tutto legale.
Non bisogna essere per forza degli evasori se si depositano i propri soldi in un Istituto bancario svizzero, dove vigono regole rigorose.
Le banche svizzere, per legge, hanno l'obbligo di richiedere tutta la documentazione necessaria e si avvalgono del diritto di non accettare clienti che ritengono poco trasparenti.
L'dentificazione viene effettuata da un funzionario che appartiene alla filiale italiana della stessa banca residente in Svizzera oppure da una persona che sia legalmente nominata dalla banca stessa.
Le banche svizzere non accettano conti anonimi che ritengono illegali e per evitare disguidi, ogni conto è enumerato.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come aprire un conto in Austria

Chi espatria e si trasferise in Austria troverà un passaggio senza intoppi.
L'Austria è una nazione ricca e conosciuta per la sua ospitalità e il multiculturalismo.
Vienna, la capitale austriaca, detiene un quarto della popolazione del paese.
Una delle prime cose che ti serve quando arrivi è un conto bancario austriaco.
  Quali documenti servono per aprire un conto corrente in Austria? L'apertura di un conto bancario in Austria è abbastanza sempl [...]

Continua a leggere

Conto online svizzero

Molti si chiederanno come aprire conto un corrente online in Svizzera.
Questo è molto semplice, basta contattare una banca svizzera e chiedere di aprire un conto presso di loro, tutte hanno l'e-banking che permette anche di risparmiare sui costi di gestione dello stesso.
Solamente si può fare solo da residenti.
Quindi se si risiede in Svizzera o se si ha una ditta in Svizzera si può tranquillamente procedere all'apertura di un conto come si fa an [...]

Continua a leggere

Società offshore a Panama

Ogni paese per conformarsi al cartello OCSE dei paesi con tasse elevate ha installato lo scambio automatizzato di informazioni come obbligo per le banche, che funzionerà almeno in Europa, così come in alcuni mercati emergenti.
Naturalmente, il costrutto può anche - in alcuni casi - non riuscire.
Poi ci sono gli accordi internazionali in materia di reciproca assistenza in materia fiscale - la cosiddetta "assistenza amministrativa reciproca in mate [...]

Continua a leggere