Economia e Lavoro > Finanza

Le bande di Bollinger: cosa sono e la loro utilità

Quello della Borsa è da sempre un ambiente molto particolare, dove i dettagli fanno la differenza e anche una sola mossa sbagliata potrebbe comportare perdite di patrimoni di un certo rilievo. Non è un caso, infatti, che gli esperti del settore negli ultimi anni stanno cercando di rendere sempre più semplice l’ingresso in questo contesto, cosi da coinvolgere il maggior numero di persone.  Si può leggere sotto questo profilo la nascita del trading online, termine che deriva dall’inglese ‘trade’ ossia commercio.  In questo articolo, però, noi ci concentriamo in particolar modo sulle bande di Bollinger. I molti che si stanno avventurando soltanto adesso, o che lo hanno fatto da poco tempo, si staranno chiedendo cosa siano queste bande di Bollinger. Ebbene si tratta di alcune funzioni grafiche di livello avanzato tra le più utilizzate dagli esperti del settore. 

Come detto in precedenza, le bande di Bollinger sono degli strumenti grafici che si basano sulla volatilità di un titolo, ossia la sua deviazione standard. Due termini, questi, abbastanza specifici del settore che è meglio cercare di riassumere per capire qualcosa in più. In economia la volatilità altro non è che la variazione della percentuale dei prezzi. In poche parole, permette di calcolare il cambiamento subito da un prezzo  in un determinato lasso di tempo. La deviazione standard, invece, è un indice di dispersione delle misure sperimentali, ovvero una stima calcolata sulla variabilità di alcuni dati o su una variabile casuale. Tornando alle bande di Bollinger, per poterle calcolare necessitano alcuni fattori, tra cui una media mobile a G giorni, alla quale si deve sottrarre o aggiungere il valore della deviazione standard  moltiplicata per un determinato fattore chiamato F, che solitamente assume il valore di 2 o 3 e rappresenta il moltiplicatore della deviazione standard che viene applicato alle serie storiche dei prezzi. 
Detto ciò, cerchiamo di capire adesso a cosa servono queste bande. All’inizio abbiamo notato che esse possono essere utilizzate per misurare la volatilità, un elemento fondamentale che serve per calcolare la percentuale di rischio di una determinata operazione, di modo tale che siano più facilmente riconoscibili il trend e la congestione dei prezzi.  Queste bande, inoltre, possono offrire anche segnali di acquisto o di vendita a seconda se si verificano determinate condizioni. Il segnale di vendita si verifica quando un prezzo subisce un rapido aumento e un successivo rallentamento, mentre quello di acquisto si materializza quando un prezzo subisce un rapido calo sino ad arrestarsi e a invertire il trend.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere