Servizi

Le penne a sfera, strumento indispensabile

Scuola, ufficio o casa: se dobbiamo prendere appunti non importa in quale contesto siamo, le penne a sfera sono uno strumento indispensabile che non può mancare.
L'esigenza di scrivere, sentita sin dai tempi più antichi, ha portato all'invenzione di diverse modalità di scrittura che si sono evolute nel tempo fino alla nascita della cosiddetta penna a sfera, conosciuta anche come ""biro"", dal nome del suo creatore.

La nascita casuale della penna a sfera
Forse non tutti sanno che le nostre utilissime penne a sfera sono nate in un contesto tanto casuale quanto originale. Il giornalista Lásló József Bíró, di origine ungherese, non sapeva ancora che sarebbe diventato l'inventore di uno degli accessori più funzionali dell'era moderna quando, circa 70 anni fa, guardava in strada dei bambini che si divertivano a lanciare delle biglie. La scia che queste palline lasciavano dopo aver attraversato una pozza d'acqua gli diede l'idea, probabilmente incentivata dalla sua fobia per la sporco che inevitabilmente lasciavano i classici penna e calamaio.

Come funziona la penna a sfera
Nella nostra quotidianità non si potrebbe più fare a meno delle biro, utilizzate ormai per qualsiasi cosa, dalla semplice lista della spesa alla tesina universitaria. Nonostante ormai l'era digitale in cui viviamo impone l'uso dei computer anche per la videoscrittura, le penne a sfera non hanno mai perso il loro primato di strumento indispensabile per la scrittura. Ma, nonostante la sua importanza, in pochi conoscono realmente il suo funzionamento. Il concetto di base è molto semplice e parte da una piccola sfera che, rotolando, distribuisce l'inchiostro sulla carta. Quest'ultimo, però, deve avere una densità tale da non risultare troppo liquido, in modo tale da potersi conservare nel tempo e non lasciare macchie al suo passaggio.

Tipologie di penne a sfera
Nel corso degli anni le penne a sfera si sono evolute ed oggi ne conosciamo diverse varianti, che si differenziano in base al tipo di inchiostro utilizzato.
Le penne gel, dalle diverse sfaccettature cromatiche, hanno un inchiostro il cui pigmento si trova all'interno di un gel a base d'acqua. Rispetto alle altre tipologie di penne a sfera hanno il vantaggio di utilizzare una vasta gamma di colori e si conservano in modo quasi indelebile nel tempo, ma, l'inchiostro ha una durata più breve delle classiche biro e se non sono ben conservate rischiano di asciugarsi ancora prima e non essere più utilizzabili.
Le penne rollover, simili alle penne stilografiche, hanno un inchiostro liquido che permette un tipo di scrittura più scorrevole ed un tratto più deciso, ma attenzione al cappuccio che deve sempre essere ben chiuso per evitare l'evaporazione del liquido. Inoltre, è preferibile utilizzare un tipo di carta che non sia troppo leggero perché l'eccessiva fluidità dell'inchiostro potrebbe creare l'effetto spiacevole di trapanare lasciando delle tracce fastidiose sul retro del foglio. 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Uscite di sicurezza: le manutenzioni indispensabili

Scegli Farma per un servizio completo e affidabile

Gli incidenti e gli infortuni sono eventualità negative che non si vorrebbe si verificassero mai nelle attività produttive e sui luoghi di lavoro e, per non lasciare nulla al caso e scongiurare anche il minimo rischio, occorre puntare al massimo sulle attività di prevenzione.
Tali attività riguardano in particolare la formazione dei dipendenti, affinché essi sappiano cosa fare in caso di necessità, ma anche la messa in sicurezza degli impianti, l [...]

Continua a leggere

Strumento per la verifica banconote false

Le banconote sono stampate su carta speciale, quindi assicuratevi di controllare come appare la carta se avete il dubbio di trovarvi di fronte a un falso.
Una banconota autentica ha una sensazione simile a quella del tessuto, mentre una nota falsa si sentirà più simile alla carta.
Se non avete lo strumento per la verifica banconote false passate il dito sulla carta e, se è autentica, dovreste sentire la stampa sollevata su aree come la parola "Ba [...]

Continua a leggere

Come leggere un preventivo per impresa di pulizie

Quando si decide di affidare la casa, l’ufficio, il condominio alle cure di un’impresa di pulizie, oltre alla qualità del servizio, ai materiali impiegati e alla sicurezza, si guarda con particolare attenzione anche al prezzo.
In Italia, nel 76% dei casi, i prezzi delle imprese di pulizia oscillano tra € 120 e oltre € 650.
Perché una forbice così ampia? Cosa fa la differenza? Una cosa è certa: i listini sono sempre molto indicativi e il prezzo è [...]

Continua a leggere