Scienza e Tecnologie

Le telecamere per controllare i bambini

Scopri a che cosa servono i video baby monitor

Che siate a casa con il vostro bebè o lasciate che sia qualcun altro a prendersene cura perché voi dovete lavorare, avrete bisogno di un baby monitor.

I baby monitor permettono di stare in contatto con i vostri neonati sia attraverso la modalità audio che con quella visiva. Si tratta di apparecchi pratici dalle prestazioni ogni volta più elevate per far sì che la comunicazione con i bambini sia sempre più efficace. Si tratta di uno strumento estremamente utile soprattutto per i genitori dei neonati dato che vi permetterà di riposare o, al contrario, fare altre cose senza però mai distogliere la vista dai vostri piccoli; a maggior ragione se vivete in una casa grande o con vari piani.

Digitali, con videocamera, con batteria ricaricabile, bidirezionali, con luce notturna e musica… ce ne sono veramente di ogni tipo. Qui di seguito ve ne presentiamo alcuni per capire quale tra tutti più si adatta alle vostre necessità.

L’offerta di telecamera per bambini è numerosa e il mercato ne mette a disposizione parecchi: dai più semplici a quelli più sofisticati, anche se ne esistono principalmente due tipologie.

Interfono: così si chiamano i dispositivi audio, quelli più semplici che esistono ormai da secoli. Si tratta di una specie di walkie talkie con cui è possibile ascoltare il bebè, principalmente dentro casa. Possiedono un’unità di emissione e una di ricezione, ma sono unidirezionali, il che significa che è possibile soltanto ascoltare il bambino e parlargli affinché si calmi sentendo la vostra voce. Questo tipo di baby monitor si è evoluta cercando di fornire migliori prestazioni per quando riguarda la qualità del suono (eliminando le interferenze) e aggiungendo delle prestazioni “extra” come la attivazione a causa di un rumore, per esempio.

Queste telecamere per bimbi rappresentano una buona opzione se avete bisogno di qualcosa di semplice, per controlli sporadici poiché la maggior parte del tempo la passate con il vostro bambino. Risultano molto utili quando andate in vacanza o quando lasciate il piccolo solo in stanza mentre dorme.

Dispositivi video: non solo permettono di ascoltare il piccolo ma anche di vederlo dato che la videocamera lo mette a fuoco e l’unità ricettrice ritrasmette le immagini in tempo reale (alcuni addirittura registrano). Sempre più popolari, permettono di zoomare, vedere il bambino anche di notte, forniscono immagini ad alta definizione, ecc.

Per quanto invece riguarda i prezzi, i più economici sono sicuramente quelli che utilizzano solo la modalità audio il cui prezzo varia dai 30 ai 70 euro. Mentre i più evoluti arrivano a costare fino a 300 euro. Chiaramente, più prestazioni avranno, più cari saranno.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Matrici per presse piegatrici: chi le produce a Parma

Scopri l'ampio catalogo di Mora Costruzioni Meccaniche

In numerose aziende del settore meccanico e manifatturiero vengono attualmente impiegate le presse piegatrici, delle particolari tipologie di macchine utensili che – come dice il nome – schiacciano e piegano il materiale di partenza per mezzo di una pressione elevata.
Queste lavorazioni consistono, in pratica, in una deformazione controllata che ha come target la lamiera di metallo.
A tale materiale, che inizialmente è allo stato piano, per mezzo [...]

Continua a leggere

Scale mobili vs. ascensori: qual è l’impianto più efficiente?

In diversi contesti pubblici si possono incontrare simultaneamente due tipi di impianti destinati al trasporto verticale delle persone: gli ascensori da una parte, e le scale mobili dall’altra.
Ognuno può avere le sue preferenze personali nei confronti dell’uno o dell’altro impianto, ma a livello gestionale qual è il sistema di trasporto più efficiente per fare in modo che le persone possano arrivare comodamente dal punto A al punto B nel più bre [...]

Continua a leggere

Pompe sommerse per i pozzi artesiani: ecco le tecnologie più evolute

Sin dagli albori della sua storia l’uomo ha sempre sfruttato le risorse idriche superficiali, come fiumi e laghi, per soddisfare i propri fabbisogni; le civiltà antiche furono le prime a mettere a punto i pozzi per accedere all’acqua presente nel sottosuolo, una fonte ben più stabile di quella legata alle precipitazioni atmosferiche e all’andamento delle stagioni.
Per estrarre l’acqua da questi pozzi occorreva un intenso impegno fisico, oppure si [...]

Continua a leggere