Scienza e Tecnologie

Le varie tonalità delle lenti per occhiali

Le lenti degli occhiali hanno diverse tonalità a seconda dello scopo per cui sono realizzate, e se sono per occhiali da vista o da sole.

Le tonalità

Una tonalità può essere chiara per le persone sensibili alla luce, può essere variabile in base alla luce e ai raggi UV per un comfort visivo interno ed esterno, può essere "speciale" per esigenze legate a patologia oculare o un'attività specifica (sport ecc...).

La gamma di colori

La maggior parte degli obiettivi correttivi oggi offre un'ampia gamma di colori e intensità:

bianco, cioè senza tonalità
lieve ombra: la scelta dell'intensità va da 0 a 4, cioè da molto chiaro a molto scuro. La scelta dei colori è: marrone, grigio, verde ...  
sfumature "sportive" per attività specifiche come golf, tennis, tiro a segno, alta montagna ...
Tinte sul giallo o arancio per gli occhiali con speciali lenti anti luce blu da gaming o per chi sta molto tempo davanti ad un monitor a led, o per chi viaggia molto in auto sopratutto di notte.
tinte "speciali" per esigenze speciali nel contesto di apparecchiature "ipovedenti" relative a una situazione di ipovisione
tonalità "effetto moda": rosa, blu ...

Tonalità variabile

Tonalità "variabile": tecnologia innovativa che varia l'intensità della tonalità del vetro a seconda della quantità di UV, e recentemente, anche in base alla luminosità di alcune marche di occhiali. Questa ultima novità ti permette di ottenere l'oscuramento dei tuoi occhiali anche dietro un parabrezza dell'auto.
Un vetro a tonalità variabile che è trasparente all'interno e diventa più o meno scuro all'esterno. Questi occhiali non sono destinati a sostituire gli occhiali da sole in condizioni estreme: spiaggia, montagna ...
 
Una tinta delle lenti può essere prescritta dall'oculista per ragioni mediche.

Può essere consigliato dal tuo ottico per motivi di comfort come una maggiore sensibilità all'abbagliamento, esigenze specifiche e, naturalmente, per la tua montatura solare.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere