Società > Persone

Libri digitali e tecnologia a scuola: siamo pronti?

I libri digitali sono adatti ad un pubblico di piccoli lettori? Come per qualsiasi mercato, anche quello degli e book ha aperto le porte al mondo dell'infanzia. Come porsi di fronte a questo tipo di situazione? E soprattutto, perchè alcuni considerano un pericolo o comunque un problema realizzare ebook per i bambini?

Sarà possibile per i bambini una scuola con gli ebook?

Sorvolando sulla sterile polemica per cui andrebbero vietati gli ebook ai bambini, lasciando loro il piacere di sfogliare i libri (come se fosse vietato acquistare un lettore ebook E contemporaneamente un libro normale), utilizzare un dispositivo digitale può essere molto utile specialmente in luoghi come la scuola.

Sfruttando le potenzialità dei dispositivi tecnologici come tablet o ebook reader, sarebbe possibile immaginare uno scenario della didattica italiana notevolmente differente. Pensate la comodità di fare compiti o esercizi e questionari direttamente sui tablet, oppure studiare in maniera interattiva le materie di base, cliccando nei vari riferimenti grazie ad applicazioni create apposta per lo studio.

Oppure, visto che oramai molti ragazzi hanno la possibilità di acquistare uno smartphone, perchè non usarlo in positivo, magari offrendo ai ragazzi dei file audio per lo studio della lingua straniera...? Le soluzioni sono tante, basta applicare la tecnologia correttamente. Uno degli ostacoli potrebbe essere il costo dei dispositivi, ma le scuole potrebbero usufruire di finanziamenti e acquistare tablet e cellulari online e metterli a disposizione dei ragazzi.

A che punto è il mercato ebook per bambini?

Discorso a parte invece merita il mercato degli ebook per bambini e ragazzi, ovvero come la letteratura per l'infanzia è stata "tradotta" nel formato digitale. Alcuni siti e blog di settore hanno effettuato un sondaggio online su questa tematica, per capire aspettative e timori di insegnanti, genitori e bibliotecari nei confronti dei libri digitali per bambini.

Attraverso questa ricerca si vuole arrivare a capire la mentalità degli "adulti" italiani di questo nuovo decennio, per poter capire come orientare il mercato editoriale legato agli ebook per bambini.

Letteratura per l'infanzia su ebook

E qual è la vostra opinione in merito alla letteratura per l'infanzia in formato digitale? Siete pronti a cogliere le innovazioni e le facilitazioni portate da questa nuova tecnologia, o siete di quei nostalgici che ancora non riescono a dividere la lettura fra cartaceo e digitale?


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rovazzi diventa un Lego

Il cantante ha pubblicato una foto di sé e dei suoi amici in versione Lego.

Dopo le sue ultime collaborazioni, sembrava che Fabio Rovazzi non potesse diventare un personaggio più pop di così.
E Invece è riuscito a superarsi, pubblicando sul suo profilo Instagram una immagine di sé e dei suoi amici sotto forma di miniature Lego: oltre al cantante, sono presenti anche Fedez, Chiara Ferragni, J-Ax e Gianni Morandi, tutti curati nei minimi particolari (come la maglietta con la scritta “Mi fa volare”).
Com’era prevedibile, le [...]

Continua a leggere

Legamento d'amore

Un rituale antico e potente

Quando si parla di magia e incantesimi per quel che riguarda la sfera personale, si fa riferimento ad una precisa serie di rituali che sono in grado di produrre degli effetti concreti sulla vita di una persona.
Le ragioni per le quali una persona può decidere di rivolgersi a qualcuno in grado di praticare tali rituali possono essere le più disparate, ma solitamente si va alla ricerca di questo tipo di soluzione quando si parla di quella che è la [...]

Continua a leggere

Cena aziendale e team building: coinvolgere i dipendenti

La cena aziendale può dimostrarsi un’eccellente risorsa per il team building. Ecco come sfruttare l’evento per lo spirito di squadra.

Le cene aziendali sono ricorrenze tipiche che, in molte imprese, precedono il congedo per le vacanze natalizie e/o estive.
Spesso, però, l’evento di chiusura è accompagnato da scarso entusiasmo e indifferenza, se non addirittura reticenza, da parte dei dipendenti chiamati a prendervi parte.
La ragione principale è che, non di rado, tali occasioni si trasformano in fastidiose cene formali in cui i commensali sono chiamati a mantenere un comportame [...]

Continua a leggere