Economia e Lavoro > Finanza

Malta è un paradiso del fisco

Malta: piccola isoletta nel bel mezzo del Mar Mediterraneo, piccolo paradiso fiscale, meta preferita non solo dagli italiani, ma anche da tantissimi altri investitori stranieri.

La terra promessa di chi vuole liberarsi di tassazioni

Il paradiso fiscale Malta non è così nuovo per gli italiani, che nella vicina isoletta hanno spesso trovato il terreno fertile per istituire e far crescere il proprio business. Molti degli investitori non hanno mai messo piede nello staterello mediterraneo e sfruttano la fiscalità favorevole maltese per ridurre ai minimi termini i conti delle tasse. E' il governo stesso, d'altronde, ad agevolare gli investitori stranieri desiderosi di creare una società sull'isola. L'aliquota sui profitti d'impresa, ufficialmente al 35 %, può arrivare a scendere fino al 5 %, oltre all'esenzione sugli interessi incassati sui prestiti o le royalties ottenute da brevetti o marchi. Pure gli yacht dei ricchi, intestati a società maltesi, possono navigare quasi del tutto liberi dal Fisco.

Investire a Malta

Basta quindi trasferire il reddito dalla società madre italiana a quella registrata a Malta, per tagliare le pesanti imposte italiane. Il paradiso fiscale Malta non fa parte della black list dei paradisi fiscali, ma fa parte a tutti gli effetti dell'Unione Europea e dal 2008 ha pure adottato l'euro. Le ditte iscritte crescono al ritmo di 4 mila /5 mila all'anno, fino ad arrivare a quota 70 mila nel 2016, il Pil cresce del 4% annuo, il costo delle abitazioni aumenta costantemente, la disoccupazione è quasi del tutto assente e il bilancio pubblico sempre positivo. 

Paradiso o non paradiso fiscale?

Recentemente, l'etichetta di paradiso fiscale è stata messa in discussione: è stata la negazione di questa reputazione a far sì che Malta non fosse inserita nella Black List dei Paradisi Fiscali, visti come il male dalla Commissione PANA: Malta infatti non risulta avere una fiscalità privilegiata, a causa della sua aliquota al 35% e quella fiscalità di vantaggio è vista per lo più come incentivo fiscale riconosciuta a chi voglia investire nello stato maltese. In termini di trasparenza fiscale, Malta opera nel pieno rispetto di tutte le direttive, oltre a essere perfettamente in regola con lo scambio automatico delle informazioni finanziarie, oltre ad aver sottoscritto ben 70 trattati a doppia imposizione. L'OCSE ha individuato le caratteristiche che fanno di un paese un paradiso fiscale (la mancanza di imposte sui redditi, la poca trasparenza in ambito legislativo e amministrativo, assenza di pubblicazioni riguardanti lo scambio di informazioni tra i vari Stati) e ciononostante il paradiso fiscale Malta sembra non annoverare nessuna di queste caratteristiche. Di conseguenza, chiamare paradiso fiscale un paese trasparente e con una fiscalità agevole e snella non è esattamente corretto, oltre che denigratorio nei confronti di chi si affida a Malta per gestire i propri interessi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Erronea segnalazione alla centrale dei rischi della Banca d'Italia

Cosa fare per risolvere e accedere nuovamente al credito

Tutti sanno che la centrale dei rischi della Banca d'Italia ha il compito di acquisire e fornire le informazioni relative alle posizioni debitorie e rischi creditizi di coloro i quali ti chiedono di accedere al credito.
Questo è dunque un enorme sistema che racchiude tutte quelle informazioni relative ai rapporti tra gli enti finanziari e i propri clienti.
Tale scambio di informazioni, tra gli intermediari e la Banca Centrale d'Italia, avviene su [...]

Continua a leggere

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere