Economia e Lavoro > Marketing

Marketplace virtuale: in 10 anni è triplicata la presenza delle aziende Made in Italy

Nel 2009 meno di 6mila aziende vendevano online. Alla fine del 2018 erano salite a 20mila

L'ultimo decennio ha segnato il boom del commercio online. Se i colossi globali come Amazon, eBay o Alibaba hanno tracciato la direzione, le imprese di ogni genere e dimensione hanno raccolto la sfida, tuffandosi nel "marketplace" virtuale.

Sempre più aziende nel marketplace virtuale

In realtà, la vera sfida l'hanno lanciata i clienti. La perdurante crisi dei consumi e i veloci cambiamenti nelle abitudini di spesa hanno infatti modificato il luogo "prediletto" per i propri acquisti. Dal negozio fisico si passa sempre più a quello digitale. Il marketplace virtuale ha spinto un esercito di imprese made in Italy a tuffarsi nel web. La saracinesca virtuale si è aperta per ogni genere merceologico, a cominciare dall'abbigliamento e dal cibo, passando per l'arredamento, i casalinghi e anche i prodotti farmaceutici. Perfino i servizi di pompe funebri.

Secondo gli ultimi report di InfoCamere e Unioncamere, alla fine del 2018 le imprese del commercio che erano dedite alla vendita al dettaglio su internet erano oltre 20mila unità. Nel 2009 erano solo 5.933, per cui nel frattempo sono più che triplicate. Il dato risulta ancora più interessante se si pensa che nel frattempo, il numero complessivo delle imprese del commercio al dettaglio è sceso di oltre 16mila unità (passando da 866mila a 850mila).

La vitalità del Meridione

A livello territoriale, il marketplace virtuale è sempre più apprezzato dagli imprenditori del Sud. In Campania e Calabria (assieme al'Abruzzo) si registra infatti l'incremento in termini relativi più cospicuo, pari al 35%. In termini assoluti la regione più virtuosa è la Lombardia (+2.634), ma dietro di lei c'è ancora la Campania (+2.018). Segue il Lazio (1.555 unità). La vitalità del Meridione si coglie anche a livello provinciale, dove Foggia e Ragusa sono in cima alla classifica.

Il tema è quanto mai attuale in Italia, dove è in corso una aspra polemica dal momento che il Governo vuole cambiare le regole dello shopping online. L'obiettivo è di porre un freno allo strapotere dei colossi delle vendite su internet.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

DreamSposa.it abiti da sposa a Roma firmati dalla stilista Sabrina Maietta

Dream Sposa Atelier abiti da sposa Roma su misura - Negozio vestiti da sposa e accessori

Sin dalle sue prime armi la celebre stilista di abiti da sposa Sabrina Maietta si è posta come obiettivo professionale la personalizzazione delle sue creazioni, in grado di interpretare il carattere specifico di ogni donna, la sua essenza.
Dream Sposa Atelier ha saputo rimanere sul mercato in una posizione di leadership, interpretando le esigenze e le inclinazioni stilistiche delle spose moderne al passo con i tempi, con abiti da sposa sexy e mai [...]

Continua a leggere

Franchising di successo: tutti i settori in cui aprire un'attività

Franchising di successo: su quali settori investire?

Il franchising in Italia negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale: è la scelta giusta? Sempre più spesso l'imprenditore che decide di mettersi in proprio e aprire una sua azienda, sceglie di aprire un franchising.
Molti però si chiederanno: esattamente che cos'è un franchising? Un franchising è un contratto tra due due soggetti giuridici indipendenti, come due società, in cui una delle due pagando una somma verso l'altra riceve una seri [...]

Continua a leggere

Cosmoprof Asia 2018, un’edizione da record

Numeri record per la 23esima edizione di Cosmoprof Asia: i principali settori cosmetici e le aziende di tutto il mondo si sono messi in mostra a Hong Kong, uno dei mercati più importanti del mondo.

Si è chiusa con numeri da record l'edizione 2018 di Cosmoprof Asia: Cosmoprof Asia e Cosmopack Asia (svoltesi rispettivamente dal 13 al 15 novembre all’AsiaWorld-Expo e dal 14 al 16 novembre all’Hong Kong Convention & Exhibition Centre), hanno registrato 87.284 partecipanti da 135 Paesi e 3.030 aziende espositrici provenienti da 53 paesi: la formula “One Fair, Two Venues” si è dimostrata, quindi, di successo! Rispetto al 2017, l’aumento di pubbli [...]

Continua a leggere