Arte e Cultura

Michelangelo Vita ed Opere

Le Opere di Michelangelo sono ritenute come traguardi irraggiungibili dall'ingegno umano.

Michelangelo è stato un artista che ha realizzato opere d'arte di una bellezza unica, le sue opere hanno sono talmente significative ed apprezzate che vengano ritenuti traguardi irraggiungibili dall'ingegno umano.
Michelangelo è stato un artista che fu riconosciuto un genio già ai suoi tempi, questo grandissimo artista fu conteso dai vari potenti dell'epoca per realizzare opere in luoghi importanti come la cupola di San Pietro e la cappella Sistina.
Tra le sue opere più significative ci sono la Pietà e il David che è tuttora uno de maggiori simboli del rinascimento ed anche uno dei Florence tours più seguiti dai turisti in visita a Firenze.  

Michelangelo preferiva la scultura alle altre arti forse perché cresciuto a Settignano dove all'epoca si estraeva e si lavorava la pietra serena che veniva usata a Firenze per la realizzazione delle case più prestigiose.
La formazione artistica di Michelangelo cominciò nella bottega del Ghirlandaio che era considerato uno degli artisti più famosi di Firenze, Michelangelo fu mandato nella bottega del Ghirlandaio dal padre per contribuire alle spese della famiglia.
Sembra che la famiglia  Buonarroti pur derivando da un ceto sociale di una certa importanza stesse attraversando un periodo di grossa difficoltà economica, da qui la decisione del padre di indirizzare Michelangelo ad una bottega in considerazione anche del fatto che il giovane Michelangelo aveva già manifestato una spiccata inclinazione artistica. 
In quell'epoca il lavoro artistico era considerato un lavoro manuale ritenuto non consono ai membri di famiglie importanti.
Presso la bottega del Ghirlandaio Michelangelo apprese tecniche pittoriche e si mise subito in luce per la sua abilità che lo portò subito ad essere considerato uno dei migliori artisti della bottega nonostante la sua giovane età.
Dopo pochi anni Il Michelangelo comincio a frequentare il Giardino di San Marco che all'epoca era una sorta di accademia dell'arte sostenuta e finanziata da Lorenzo de Medici.
Anche nel giardino di San Marco Michelangelo riuscì velocemente a mettere in luce le proprie innate doti artistiche, il suo successo presso Lorenzo de Medici fu tale che il giovane artista fu ospitato presso uno dei palazzi medicei.
Ben presto Michelangelo fu considerato come un membro adottivo dell'importante famiglia de Medici, questo permise al grande artista di conoscere tutta la dinastia de Medici. 
In breve molti membri della famiglia de Medici  ricoprirono importanti ruoli in politica e nella chiesa e furono tra i maggiori committenti delle opere straordinarie di Michelangelo Buonarroti.
Le vicissitudini politiche e sociali che si verificarono a Firenze con l'arrivo del Savonarola portarono Michelangelo ad allontanarsi da Firenze dopo la cacciata de Medici, in questo periodo il grande artista ebbe modo di lavorare in altre città come Bologna, Roma e Siena.
Con il ritorno al potere della famiglia de Medici Michelangelo tornò nella città fiorentina dove riprese a realizzare le grandi opere che avrebbero reso lui e Firenze famosa nel mondo, fu in questo periodo che il grande artista realizzò la gigantesca statua del David.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

A proposito di Barnie.

Barnie Sanders

Il senatore del Vermont ,Barnie Sanders ,ha inscritto il suo socialismo democratico nel cuore della tradizione americana.
Una storia che ha il suo perno nella filosofia politica di F.
D.
Roosevelt e nel suo scontro con alcuni dogmi del libero mercato, pur restando in un'ottica liberale:dal salario minimo alla settimana lavorativa di 40 ore, dalla contrattazione collettiva ai sussidi di disoccupazione e alla regolamentazione delle banche (si pensi [...]

Continua a leggere

Di che colore è li il cielo.

Pensando alla Siria

Pensando alla Siria oggi, al volto rigato dalle lacrime e dal sangue che mostra al mondo, la tendenza è quella di dimenticare o di ignorare la bellezza che quello stesso volto possedeva prima che un conflitto quasi decennale interessasse i suoi territori.
Prima del conflitto, in ogni angolo del paese, era possibile ammirare resti di una cultura millenaria, resti di una serie di dominazioni (fenici, civiltà mesopotamiche, romani, arabi, mongoli e [...]

Continua a leggere

La banalità del male

Lo straniero

Una persona può fare del male senza essere malvagia? Era questa la complessa domanda che assillava la filosofa Hannah Arendt mentre, nel 1961, seguiva per il New Yorker il processo per crimini di guerra ad Adolf Eichmann, il funzionario nazista responsabile di aver organizzato il trasporto di milioni di ebrei – e non solo – nei campi di concentramento per la Soluzione Finale.
Arendt pensava che Eichmann fosse un burocrate ordinario, se non addiri [...]

Continua a leggere