Cucina > Cibi

Miele, zucchero e gli altri dolcificanti

Quanti tipi di “zucchero” esistono? L’industria alimentare è andata ben oltre la semplice classificazione tra zucchero raffinato e zucchero di canna; nel panorama alimentare attuale la quantità di zuccheri è enorme: saccarosio, fruttosio, dolcificanti di ogni tipo, stevia, miele e una quantità di altri simili. Per addolcire un cappuccino ci si trova dinanzi a una varietà di “dilemmi” persino nutrizionali tra cui barcamenarsi. I dolcificanti, poi, si vendono ovunque nei supermercati e persino online in concorrenza con la vendita di miele online, su cui però è bene fare attenzione e selezionare accuratamente solo rivenditori di autentico e buon miele artigianale come Rifugio Delizia. Ma quali sono le differenze – anche nutrizionali – tra il miele, lo zucchero e gli altri prodotti dolcificanti?

Differenze tra gli zuccheri

Lo zucchero di barbabietola – ovvero il classico zucchero bianco – e lo zucchero di canna dal colore ambrato non hanno alcuna differenza nutrizionale in quanto sono entrambi composti di saccarosio ossia un dolcificante naturale composto a sua volta da glucosio e fruttosio. Entrambe le tipologie forniscono 20 calorie per 5 gr, vale a dire lo stesso valore energetico. In questo caso, dunque la scelta tra zucchero bianco o zucchero di canna è solo una questione di gusti.

In genere tutti gli zuccheri semplici apportano 4 kcal per grammo di sostanza.

Il saccarosio presente nello zucchero bianco o di canna fornisce le stesse calorie del fruttosio che, invece ed erroneamente, viene considerato meno calorico e più adatto nelle diete. Si tratta di un falso mito, un equivoco probabilmente generato dal fatto che il potere dolcificante del fruttosio è maggiore rispetto a quello del saccarosio, per cui la percezione di dolcezza che si prova sul palato induce – come unico vantaggio – quello di utilizzarne di meno e, solo in questo caso, ridurre le calorie. Tuttavia, il fruttosio viene metabolizzato diversamente dal saccarosio/glucosio: mentre quest’ultimo stimola la secrezione di insulina, il fruttosio in piccole quantità non induce il rilascio di questo ormone; se da una parte è consigliato a chi soffre di diabete per non rinunciare al sapore dolce delle bevande o delle pietanze, dall’altra parte il fruttosio viene metabolizzato nel fegato che a sua volta lo converte in glucosio con gravi conseguenze proprio per i diabetici. Studi recenti hanno dimostrato che il fruttosio potrebbe svolgere un ruolo negativo sui trigliceridi e sull’accumulo dei grassi nel fegato, oltre a sviluppare un’eccessiva sensibilità verso l’insulina.

Il valore nutritivo del miele

Il miele – a differenza di altri zuccheri e dolcificanti – ha una composizione più complessa che dipende dai metodi di estrazione e dalle caratteristiche del fiore e dei pollini di provenienza. Il miele contiene al suo interno tutti gli zuccheri: saccarosio, glucosio, fruttosio, acqua, piccole quantità di vitamine, minerali e proteine. Proprio il contenuto di acqua in percentuale maggiore comporta il fatto che il miele ha meno calorie di saccarosio e fruttosio, ossia circa 15 calorie per 5 gr., ma possiede un potere dolcificante inferiore e per questo motivo si tende ad usarne di più.

In conclusione non è possibile dire quale zucchero prediligere. Ognuno presenta delle valide specifiche nutrizionali a parità di calorie, l’importante è assumerne sempre in quantità moderata – non più di 20 gr. al giorno – indipendentemente che si ricorra al saccarosio o al fruttosio, anche se quest’ultimo è meglio consumarlo con parsimonia


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Osteria di Mezzo

L'osteria oggi è moderna e chic

Osteria di Mezzo: qualità ed eleganza.
Se siete alla ricerca di una cucina di qualità e di un ambiente raffinato, chic e confortevole, il ristorante Osteria di Mezzo fa proprio al caso vostro.
Grazie ad un personale qualificato e attento alle esigenze della clientela, l'Osteria di Mezzo propone una cucina regionale moderna e tradizionale allo stesso tempo, realizzata con ingredienti semplici e genuini.
La scelta delle carni, tutte attentamente se [...]

Continua a leggere

Pausa Pranzo Panino o Pasto Completo al Ristorante o con Catering

La pausa pranzo di mezzogiorno nel nostro paese non è solo un modo per spezzare la giornata lavorativa ma anche un momento per prendere il giusto ristoro alimentare che permetta di nutrirsi in modo adeguato per sostenere le attività del resto della giornata.
Alcune persone preferiscono ridurre l minimo il pasto della pausa pranzo limitandosi a mangiare un panino in modo da poter rientrare velocemente al lavoro per poi finire prima la giornata di [...]

Continua a leggere

Ristorante spagnolo al centro di Roma?

Principe Tapas Gourmet

La cucina italiana è riconosciuta con merito come una delle migliori al mondo e da tantissime persone.
Un turista straniero che si troverà a passare del tempo nel nostro paese avrà voglia di assaggiare tutte le nostre specialità, alle quali noi siamo piacevolmente abituati.
Ma chi si troverà a soggiornare in una città ricca di possibilità come Roma potrà variare tra cucina italiana e internazionale a suo piacimento e quindi non rischierà di mangi [...]

Continua a leggere