Cucina > Cibi

Miele, zucchero e gli altri dolcificanti

Quanti tipi di “zucchero” esistono? L’industria alimentare è andata ben oltre la semplice classificazione tra zucchero raffinato e zucchero di canna; nel panorama alimentare attuale la quantità di zuccheri è enorme: saccarosio, fruttosio, dolcificanti di ogni tipo, stevia, miele e una quantità di altri simili. Per addolcire un cappuccino ci si trova dinanzi a una varietà di “dilemmi” persino nutrizionali tra cui barcamenarsi. I dolcificanti, poi, si vendono ovunque nei supermercati e persino online in concorrenza con la vendita di miele online, su cui però è bene fare attenzione e selezionare accuratamente solo rivenditori di autentico e buon miele artigianale come Rifugio Delizia. Ma quali sono le differenze – anche nutrizionali – tra il miele, lo zucchero e gli altri prodotti dolcificanti?

Differenze tra gli zuccheri

Lo zucchero di barbabietola – ovvero il classico zucchero bianco – e lo zucchero di canna dal colore ambrato non hanno alcuna differenza nutrizionale in quanto sono entrambi composti di saccarosio ossia un dolcificante naturale composto a sua volta da glucosio e fruttosio. Entrambe le tipologie forniscono 20 calorie per 5 gr, vale a dire lo stesso valore energetico. In questo caso, dunque la scelta tra zucchero bianco o zucchero di canna è solo una questione di gusti.

In genere tutti gli zuccheri semplici apportano 4 kcal per grammo di sostanza.

Il saccarosio presente nello zucchero bianco o di canna fornisce le stesse calorie del fruttosio che, invece ed erroneamente, viene considerato meno calorico e più adatto nelle diete. Si tratta di un falso mito, un equivoco probabilmente generato dal fatto che il potere dolcificante del fruttosio è maggiore rispetto a quello del saccarosio, per cui la percezione di dolcezza che si prova sul palato induce – come unico vantaggio – quello di utilizzarne di meno e, solo in questo caso, ridurre le calorie. Tuttavia, il fruttosio viene metabolizzato diversamente dal saccarosio/glucosio: mentre quest’ultimo stimola la secrezione di insulina, il fruttosio in piccole quantità non induce il rilascio di questo ormone; se da una parte è consigliato a chi soffre di diabete per non rinunciare al sapore dolce delle bevande o delle pietanze, dall’altra parte il fruttosio viene metabolizzato nel fegato che a sua volta lo converte in glucosio con gravi conseguenze proprio per i diabetici. Studi recenti hanno dimostrato che il fruttosio potrebbe svolgere un ruolo negativo sui trigliceridi e sull’accumulo dei grassi nel fegato, oltre a sviluppare un’eccessiva sensibilità verso l’insulina.

Il valore nutritivo del miele

Il miele – a differenza di altri zuccheri e dolcificanti – ha una composizione più complessa che dipende dai metodi di estrazione e dalle caratteristiche del fiore e dei pollini di provenienza. Il miele contiene al suo interno tutti gli zuccheri: saccarosio, glucosio, fruttosio, acqua, piccole quantità di vitamine, minerali e proteine. Proprio il contenuto di acqua in percentuale maggiore comporta il fatto che il miele ha meno calorie di saccarosio e fruttosio, ossia circa 15 calorie per 5 gr., ma possiede un potere dolcificante inferiore e per questo motivo si tende ad usarne di più.

In conclusione non è possibile dire quale zucchero prediligere. Ognuno presenta delle valide specifiche nutrizionali a parità di calorie, l’importante è assumerne sempre in quantità moderata – non più di 20 gr. al giorno – indipendentemente che si ricorra al saccarosio o al fruttosio, anche se quest’ultimo è meglio consumarlo con parsimonia


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Adoro

Il ristorante champagneria in zona Ponte Milvio

Non c'è bisogno di cercare una buona motivazione per cenare fuori con altre persone.
Mangiare in compagnia, soprattutto in locali carini e accoglienti dove non soltanto si è serviti, ma il cibo è cucinato da professionisti che sanno come fare, è sempre un'attività piacevole e merita di essere vissuta tutte le volte che si può.
Ci sono però delle occasioni un po' più particolari, momenti e celebrazioni importanti, giorni che segnano la vita intera [...]

Continua a leggere

A Parma la pasta fresca tradizionale solo da "I Du Reazdòr"

Da "I Du Rezdòr" tortelli, anolini, gnocchi e passatelli secondo la tradizione parmigiana

Se siete a Parma e dintorni non potete non provare almeno uno dei piatti tipici del posto.
Non solo prosciutto e Parmigiano Reggiano, la tradizione culinaria emiliana è ricca di piatti a base di pasta fresca.
Ma quali sono quelli che non potete assolutamente perdervi? I TORTELLI- Chiamati così per la loro forma che ricorda quella di una piccola torta, sono da sempre al centro di una disputa tra Parma, Mantova e Reggio Emilia sull'originalità dell [...]

Continua a leggere

La carne di cavallo in cucina

Magra, ricca di ferro e proteine, priva di colesterolo: in virtù dei suoi elevati valori nutrizionali, la carne di cavallo è un cibo particolarmente indicato per la dieta di sportivi, bambini durante l’età della crescita, anziani e donne in gravidanza; inoltre, essa è perfetta per le persone affette da anemia.
Alimento nobile e alleato della salute, la polpa equina è un prodotto che si presta a una molteplicità di usi in cucina ed è importante te [...]

Continua a leggere