Economia e Lavoro > Professioni

Monitoraggio del freddo: l’importanza dell’umidità relativa

Durante il monitoraggio del freddo è importante considerare anche l’umidità relativa, elemento fondamentale nella conservazione dei prodotti freschi.

 

 

Quando si parla di monitoraggio del freddo, spesso si pone troppa poca attenzione su un fattore che risulta invece essere determinante, in particolare nel trasporto di prodotti freschi, come frutta e verdura: l’umidità. O meglio, l’umidità relativa.

Con questo termine si intende il tasso di umidità espresso come rapporto tra il livello attuale e quello massimo. Dal momento che l’aria fredda può contenere molta più umidità rispetto all’aria calda, l’umidità relativa è strettamente collegata alla temperatura.

Ma perché essa è così importante? Scopriamolo subito.

 

Gli effetti dell’umidità relativa sui prodotti freschi

Per i prodotti che contengono molta acqua, l’umidità relativa può essere dannosa, con effetti differenti quando troppo bassa o troppo alta.

 

Umidità relativa bassa

Disidratazione, raggrinzimento, perdita di lucentezza, maggiori possibilità di malattia, perdita di peso (e quindi di valore) sono solo alcuni degli effetti che una bassa umidità relativa ha suoi prodotti.

Pelle, superficie e integrità del prodotto sono tutti elementi che dipendono fortemente dalla presenza di acqua, quindi è facile capire come l’abbassamento dell’umidità possa essere cosi efficace.

 

Umidità relativa alta

Se l’umidità relativa raggiunge il livello di saturazione, ossia il 100%, il vapore acqueo inizia a condensarsi sulla superficie, creando problemi di condensazione: la presenza di condensa può infatti favorire lo sviluppo e la diffusione di malattie, con un grosso rischio di perdere il prodotto.

I valori dell’umidità relativa alta non sono uguali per tutti i prodotti. Per molte tipologie di prodotti freschi un livello di umidità raccomandato è dell’85-95%, mentre per articoli come le cipolle secche, la frutta secca, l’aglio e le noci, il livello dovrebbe essere del 65-70%.

 

Come monitorare l’umidità relativa

Air Sea Italia propone registratori per il monitoraggio del freddo dotati di rilevatori per l’umidità, con registrazioni che vanno dal 10% al 100% dell’umidità relativa e temperature da -30°C a 70°C.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come avere un magazzino efficiente: la guida completa

Gestire in maniera corretta un magazzino è uno dei primi passi per poter avere un’azienda che lavora in maniera efficiente. Vediamo quali sono i passaggi da seguire per raggiungere tale scopo.

Può essere considerato un aspetto marginale, ma il magazzino è per un’azienda uno dei luoghi cuore dell’intera organizzazione.
Molti però sono le disattenzioni e gli errori che spesso vengono commessi quotidianamente e che possono influire sul rendimento dell’intera attività.
Ma quali sono allora gli accorgimenti fondamentali? Prima di tutto, ordine e pulizia.
Sono gli aspetti fondamentali da cui partire.
Rendere il magazzino pulito, ben ordinato [...]

Continua a leggere

Sicurezza sul lavoro: guida per gli imprenditori

Come assicurare, secondo normativa, la sicurezza ottimale sul luogo di lavoro

La legge chiede la piena tutela della sicurezza e della salute dei tuoi lavoratori: sei in regola con tutti gli adempimenti previsti per la tua tipologia di attività? La nuova e più recente normativa (D.Lgs 81/2008 ex 626/94) relativa alla Sicurezza del Lavoro, sottolinea come la salute e la sicurezza dei lavoratori debbano essere requisito irrinunciabile e imprescindibile per ogni azienda.
Per questo, un’impresa che intenda essere competitiva e [...]

Continua a leggere

Lavorare nelle Investigazioni : Tutto ciò che c'è da sapere

Come diventare investigatore privato

Fare indagini è molto eccitante e consente di risolvere misteri, per questo in tanti si chiedono come diventare investigatore privato.
C’è un percorso preciso da seguire per poter svolgere questo compito in maniera professionale ed è bene conoscerlo prima di scegliere di indirizzarsi verso questa direzione.
Richiesta di autorizzazione e requisiti necessari Facendo riferimento al D.M.
269/2010, per diventare investigatore privato è necessario otte [...]

Continua a leggere