Economia e Lavoro > Finanza

Offshore definizione

Cosa sono le società offshore
 
Il termine offshore, utilizzato con accezione economico/finanziaria, fa riferimento alle società registrate in uno Stato estero con rispetto delle leggi dello stesso (quindi sotto quella giurisdizione), che però conduce la propria attività al di fuori di quello Stato.
Chiaramente il vantaggio è quello di creare la propria impresa in centri finanziari con livelli di imposte particolarmente bassi e favorevoli rispetto al Paese dove viene effettivamente svolta l'attività. Spesso viene utilizzato il termine ""paradisi fiscali"" facendo riferimento propèrio a quei Paesi dove la tassazione è favorevole all'imprenditore o all'investitore.
Il vantaggio nell'aprire una società offshore non è eslusivamente quello di pagare imposte particolarmente basse, ma anche quello di avere la possibilità di proteggere un patrimonio, aver diritto ad una particolare riservatezza dei propri conti e semplificare le procedure burocratiche che spesso nel Paese dove viene svolta l'attività sono lunghe e complicate da gestire.
Anche se aprire società offshore provoca degli ammanchi alle entrate fiscali del proprio Paese, aprire società in un paradiso fiscale è assolutamente legale, qualsiasi individuo può creare la sua società offshore nonostante risieda in un altro Paese. Non sempre però vengono costituite società offshore solo per i vantaggi nella bassa tassazione, ma anche perchè determinati Paesi godono di scarsi controlli fiscali ed è quindi possibile effettuare operazioni illecite o vietate, come nascondere ammanchi in bilancio o effettuare speculazioni finanziarie. Vengono inoltre utilizzate per coprire riciclaggio di denaro sporco e per occultare i veri proprietari della società poichè, godendo del diritto alla riservatezza, questi restano segreti e le autorità non sono tenute a fornire informazioni qualora qualcuno ne facesse richiesta.
Tuttavia, in Italia la normativa in fatto di offshore è piuttosto severa: la norma sulla tutela del risparmio del 2005 consente al Ministero della Giustizia italiano di imporre determinati offlighi informativi da parte delle aziende che controllano società con sede in un paradiso fiscale o sono collegate a società con sede in quegli Stati. Esse infatti devono documentare i propri movimenti fiscali: pagamenti delle tasse, dove e come sono stati realizzati gli utili e come vengono movimentati i patrimoni della società.
I Paesi a tassazione agevolata sono vari e numerosi: Antigua, Aruba, Isole Cayman, Isole Vergini inglesi, Principato di Monaco, Svizzera, Isole Cook, Mauritius, Bahamas, Seychelles. Come si può notare si tratta molto spesso di isole, ma non solo. Spesso si tratta di Paesi che basano la loro economia quasi esclusivamente sulla presenza appunto di capitali esteri e sulla gestione delle operazioni finanziarie ad essi associate.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere