Economia e Lavoro > Professioni

Olio d’oliva in Italia: la situazione del mercato interno

L'olio d'oliva in Italia resta risorsa cruciale. Il Belpaese è la seconda potenza al mondo per produzione ed esportazioni ma il 2016 è stato un anno nefasto.

L’Italia si conferma da diversi anni seconda potenza al mondo per ciò che riguarda produzione ed esportazioni di olio di oliva, alle spalle della Spagna e davanti alla Grecia. I tre Paesi dell’area mediterranea controllano, da soli, una buona parte dell’olio mondiale e,  anche nel 2016, hanno confermato la loro posizione di leadership. A parte la Spagna, però, che con le sue 1.400 tonnellate di olio generato ha mantenuto gli standard dell’anno precedente, Italia e Grecia hanno fatto segnare una flessione non di poco conto: -20% gli ellenici e addirittura -37% il Belpaese. Una flessione in parte fisiologica, dopo l’abbondante raccolto del 2015 e che trova parziale riscontro a livello globale, dove il calo complessivo è stato però ‘solo’ del 9% annuo.

La situazione a livello regionale

Il Sud Italia si conferma area di riferimento per ciò che concerne la coltivazione degli ulivi, ma fa segnare le perdite più sostanziose. L’olio pugliese è ancora il più diffuso del Paese ma perde il 40% della produttività; ancora peggio hanno fatto Sicilia (-49%) e Calabria (-53%), rispettivamente terza e seconda forza del Paese; male anche la Campania, in calo del 50%. Nel complesso, il Mezzogiorno ha visto la propria produttività calare del 50%, contro il 40% delle regioni del Centro e la stabilità delle produzioni del Nord, dove il Veneto fa registrare un sorprendente +30%. In positivo anche Trentino e Friuli.

Salgono i prezzi, scendono le esportazioni

Come naturale e inevitabile conseguenza del crollo delle produzioni, i prezzi dell’olio hanno segnato un significativo incremento. Alla borsa merci di Bari, la più rappresentativa del contesto nostrano, l’olio extravergine d’oliva costa il 14% in più rispetto al 2015.

L’aumento dei prezzi crea inevitabili tensioni sui mercati esteri e una sostanziale perdita di competitività; le esportazioni sono diminuite del 15%, passando dai 3 milioni di tonnellate del 2015 si è passato ai 2,7 attuali.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Sedute operative ergonomiche, massima efficienza

Una buona seduta in ufficio consente effettivamente di poter raggiungere un livello di soddisfazione veramente unico, dettaglio che non si deve per nessun motivo sottovalutare.
Occorre ovviamente puntare su delle particolari tipologie di sedute che non devono essere per nessun motivo sottovalutare: quelle ergonomiche risultano essere piacevoli da sfruttare al massimo e che riescono a garantire la possibilità di poter avere la schiena rilassata a [...]

Continua a leggere

Vantaggi e Svantaggi di Web Recruitment

Lo sapete bene che è davvero importante dare una buona immagine di te stesso ed utilizzare tutti gli strumenti online nella ricerca del lavoro: ormai molte aziende infatti dedicano una parte sempre più rilevante al web recruitment, ovvero al reclutamento online.
Ma vediamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi sia per le aziende che per i candidati.
Dal lato delle aziende i vantaggi sono molteplici e trovano fondamento sia tra motivi organizzativ [...]

Continua a leggere

Prodursi da soli i biglietti da visita

Nell'era di internet è possibile svolgere in autonomia una serie di operazione che sarebbero state impensabili soltanto quindici anni fa: ormai, sempre più persone senza una qualifica specifica hanno accesso a software e servizi che garantiscono un risultato professionale anche fronte ad un esperienza minima.
È il caso ad esempio della produzione di biglietti da visita: se fino ad alcuni anni fa era necessario affidarsi direttamente ad un profess [...]

Continua a leggere