Economia e Lavoro > Professioni

Olio d’oliva in Italia: la situazione del mercato interno

L'olio d'oliva in Italia resta risorsa cruciale. Il Belpaese è la seconda potenza al mondo per produzione ed esportazioni ma il 2016 è stato un anno nefasto.

L’Italia si conferma da diversi anni seconda potenza al mondo per ciò che riguarda produzione ed esportazioni di olio di oliva, alle spalle della Spagna e davanti alla Grecia. I tre Paesi dell’area mediterranea controllano, da soli, una buona parte dell’olio mondiale e,  anche nel 2016, hanno confermato la loro posizione di leadership. A parte la Spagna, però, che con le sue 1.400 tonnellate di olio generato ha mantenuto gli standard dell’anno precedente, Italia e Grecia hanno fatto segnare una flessione non di poco conto: -20% gli ellenici e addirittura -37% il Belpaese. Una flessione in parte fisiologica, dopo l’abbondante raccolto del 2015 e che trova parziale riscontro a livello globale, dove il calo complessivo è stato però ‘solo’ del 9% annuo.

La situazione a livello regionale

Il Sud Italia si conferma area di riferimento per ciò che concerne la coltivazione degli ulivi, ma fa segnare le perdite più sostanziose. L’olio pugliese è ancora il più diffuso del Paese ma perde il 40% della produttività; ancora peggio hanno fatto Sicilia (-49%) e Calabria (-53%), rispettivamente terza e seconda forza del Paese; male anche la Campania, in calo del 50%. Nel complesso, il Mezzogiorno ha visto la propria produttività calare del 50%, contro il 40% delle regioni del Centro e la stabilità delle produzioni del Nord, dove il Veneto fa registrare un sorprendente +30%. In positivo anche Trentino e Friuli.

Salgono i prezzi, scendono le esportazioni

Come naturale e inevitabile conseguenza del crollo delle produzioni, i prezzi dell’olio hanno segnato un significativo incremento. Alla borsa merci di Bari, la più rappresentativa del contesto nostrano, l’olio extravergine d’oliva costa il 14% in più rispetto al 2015.

L’aumento dei prezzi crea inevitabili tensioni sui mercati esteri e una sostanziale perdita di competitività; le esportazioni sono diminuite del 15%, passando dai 3 milioni di tonnellate del 2015 si è passato ai 2,7 attuali.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Macchine indispensabili per l’ufficio

In un ufficio ci sono delle macchine che sono assolutamente indispensabili affinché si possano svolgere differenti attività in modo estremamente professionale ed efficace.
Vediamo insieme quali sono.
  Le stampanti: quale scegliere? Oltre ai personal computer e relativi programmi software che al giorno d'oggi non possono mancare in un ufficio, le macchine da ufficio ad essi collegate ed indispensabili per gestire i loro output, sono le stampanti. [...]

Continua a leggere

Compro Oro le Attività Commerciali che hanno segnato un' Epoca per l' Economia

La diffusione di queste attività commerciali su tutto il territorio nazionale è stato il sintomo di un economia che è cambiata

I compro oro sono attività commerciali che a volte sono state additate con accuse che solo in alcuni casi si sono rivelate veritiere, in realtà l'avvento di questo settore in italia come in altre parti del mondo è soltanto il frutto dei tempi.
I negozi compro oro come qualsiasi altra attività commerciale possano essere condotte in modo regolare o meno, è certo che la diffusione di queste attività in modo capillare su tutto il territorio nazionale [...]

Continua a leggere

Il gestionale cloud che semplifica la vita a commercialisti

L’obiettivo primario è stato quello di creare gestionale assolutamente innovativo, un software capace di raccogliere materiali, dati, deadeline, documenti.
Il tutto in un’unica dashboard semplice ma assolutamente intuitiva.
Un software interamente cloud, all’avanguardia in termini di sicurezza utilizzabile da più dispositivi, anche mobili.
SkyAccounting Commercialisti è una piattaforma pensata per il commercialista e per i suoi clienti, dove cond [...]

Continua a leggere