Economia e Lavoro > Finanza

Oro di Banca di Italia, Come Sono State Accumulate le Riserve Auree Italiane

Le riserve d'oro italiane ammontano a circa 2450 tonnellate di lingotti d'oro, una quantità che pone l'italia ad essere il quarto paese al mondo per quantità d'oro

Oro di Bankitalia, alla fine della seconda guerra mondiale poteva contare solo su poche decine di tonnellate di lingotti, una quantità che toccò i minimi storici a causa delle spese dello sforzo bellico e di alcune confische che i tedeschi fecero dopo la firma dell'armistizio.
Da questo si evince che la stragrande maggioranza delle attuali 2450 tonnellate di oro sono state accumulate dal dopoguerra ad oggi.
Nell'attuale situazione in cui versa l'economia italiana dall’inizio dell’euro molto si è parlato di queste riserve d'oro e come queste possano sostenere il paese nei casi di bisogno.
Ad oggi ciò che viene affermato dalla Banca di Italia è che le riserve d'oro siano una sorte di garanzia con la quale lo stato mantiene la propria credibilità a livello internazionale.
Da queste affermazioni viene da pensare che come sorta di assicurazione per la credibilità internazionale ben poco sia servita negli ultimi dieci anni visti i risultati ed in considerazione del fatto che la quantità delle riserve d'oro italiane siano tra le più grandi al mondo.
Questa enorme quantità, che rende l'italia uno dei maggiori detentori di riserve d'oro, è stata accumulata grazie alla forte crescita economica, sostenuta anche da una moneta debole che favoriva l’esportazione del made in italy.
In pochi anni grazie l'export italiano crebbe rapidamente facendo accumulare allo stato italiano cospicue quantità di valuta estera.
A causa degli accordi di Bretton Woods parte di queste valute straniere furono utilizzate per varie operazioni di acquisto oro per mezzo dell' Ufficio Italiano Cambi, ente controllato da Bankitalia.
Già nel 1960 la quantità d'oro accumulata dallo stato italiano arrivò a quasi 2000 tonnellate, nello stesso anno e nel 1965 l'oro dell'ufficio cambi fu trasferito in Bankitalia.
Negli anni successivi fino al 1970 vi furono altri aumenti delle riserve d'oro italiane che nel 1973 raggiunsero le 2.565 tonnellate.
Da allora le riserve d’oro sono rimaste pressoché invariate permettendo così al paese di essere ancora oggi uno dei maggiori detentori di oro.
In realtà sulle riserve d’oro italiane detenute da Banca Italia da sempre aleggia una sorta di mistero per quanto riguarda la sua reale disponibilità in caso di necessità.
Banca d’Italia afferma che solo la metà delle riserve auree sono detenute nel paese al sicuro in Palazzo Koch, per quanto riguarda il restante è detenuto presso i depositi di Federal Reserve, Bank of England e Banca per i Regolamenti Internazionali.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Trattato commerciale UE-Mercosur, svolta storica o polpetta avvelenata?

A fine giugno è stato raggiunto uno storico accordo tra la UE e Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay

Dopo quasi vent'anni di trattative, l'UE e i paesi del Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay) sono molto vicini a firmare un trattato commerciale, che creerà un mercato di 780 milioni di persone.
Vent'anni per un trattato commerciale A fine giugno infatti è stato raggiunto a Bruxelles un accordo che aprirà le porte dell'Europa a un mercato di oltre 260 milioni di persone e ad un PIL che rappresenta l'80% dell'America latina.
In una fas [...]

Continua a leggere

Risparmio gestito, l'Italia conferma un trend in crescita

Nel primo trimestre del 2019 la raccolta ha toccato nuovo massimo storico a 2.161 miliardi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma se si presenta l'occasione di investire preferiscono affidarsi ai professionisti del settore.
E' questo il quadro che emerge dall'ultima indagine di Assogestioni, che ha evidenziato un nuovo record assoluto di raccolta per il risparmio gestito.
Risparmio gestito, gli ultimi report Secondo gli ultimi dati infatti, alla fine del mese di marzo il risparmio gestito italiano è giunto a 2.161 miliardi di [...]

Continua a leggere

Valute digitali, UE e Fisco italiano non sono d'accordo su come tassarle

La legge italiana è ancora molto lacunosa riguardo al trattamento fiscale delle crypto-plusvalenze

Quando il mondo della finanza apre a nuovi strumenti, anche il Fisco si muove per capire se e come applicare imposte e tasse.
Non c'è dubbio che nell'ultimo anno mezzo, l'elemento nuovo nel panorama finanziario siano state le valute digitali.
Ma se uno decidesse di investire in quest ambito e ottenesse un guadagno, va tassato? Le "non" valute digitali Bisogna sottolineare subito che il quadro normativo in Italia è zeppo di lacune e incertezze, pr [...]

Continua a leggere