Viaggi e Vacanze > Destinazione

Ostuni e le suggestioni dell’archeologia locale

Non solo mare, monumenti e attrattive paesaggistiche, Ostuni è anche una città ricca di suggestioni antichissime, reperti storici risalenti a oltre 30.000 anni fa.

Hotel, residence, case vacanze e b&b Ostuni restano aperti per tutto l’anno, alimentando un turismo che nel borgo del brindisino dimostra un certo dinamismo per tutto l’anno, svincolandosi dalle logiche di turismo balneare tipiche di tante altre zone della Puglia. Ostuni è una città poliedrica, ricca di seduzioni in grado di attrarre a sé un pubblico vario; la città può contare su un paesaggi marino eccezionale, su un’arte ricca e trasversale, su fascinazioni paesaggistiche meravigliose e su una archeologia tra le più ricche del Mezzogiorno.

I lavori di recuperi del Prof. Coppola

Nei primi anni ‘90 del secolo scorso, il monumentale lavoro di ricerca compiuto dal Prof. Donato Coppola, docente dell’Università Aldo Moro di Bari, portò alla scoperta di una serie di reperti storici risalenti al periodo dell’uomo di Neanderthal. Ostuni, fin dall’antichità, era stata terreno adatto ad accogliere le popolazioni di nomadi messapi che, grazie all’abbondanza di grotte e all’assetto collinare del posto, si presentava come luogo perfetto di accampamento.

La Donna di Ostuni

La più grande scoperta del team di ricerca fu la cosiddetta Donna di Ostuni, lo scheletro di una donna di circa 20 anni risalente a 28.000 anni fa e del suo feto. Assieme ai resti della puerpera vennero rinvenuti anche resti di denti animali, le ossa di un  bue, utensili di vario genere, tutte tracce di una ritualità funeraria già matura per gli uomini dell’epoca.

Il parco e il museo

La sepoltura è stata preservata e trasformata in un luogo di visita denominato Ostuni 1 e inserito all’interno della Grotta di Santa Maria d’Agnano, all’interno dell’omonimo parco archeologico e naturalistico.

Il parco sorge a metà del percorso che congiunge Ostuni con il comune di Fasano, un’area che si estende per 13 ettari ai piedi delle Murge Meridionali. I lavori di scavi che resero possibile il rinvenimento della Donna di Ostuni e di altri importantissimi reperti vennero avviati nel 1987 e 4 anni fu tardi fu inaugurato il parco, assieme all’altro centro di riferimento dell’archeologia ostunese, ovvero il Museo di civiltà preclassiche della Murgia Meridionale.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Vacanze in Salento

Il tallone d'Italia Il tallone del tacco d'Italia si presenta con un gran numero di spiagge che contano la bandiera blu.
La sua gastronomia meravigliosa e i suoi villaggi semplici sono notevoli.
La Costa del Salento parla con le sue acque trasparenti e le sue spettacolari scogliere.
Troverete la Grotta Zinzilusa, la Grotta della Poesia, la Riserva Naturale di Torre Guaceto o il Parco Naturale di Porto Selvaggio.
Tra le migliori spiagge: Torre San [...]

Continua a leggere

Scoprire le spiagge bianche del Salento

Spiagge da sogno, acque cristalline e paesaggi incontaminati.
Questo scenario non è un'esclusiva di mete esotiche come i Caraibi e le Maldive.
I paradisi naturali sono molto più a portata di mano di quanto non si pensi, e la Puglia, in particolare il Salento, offre un'ampia varietà di paesaggi di questo tipo a prezzi decisamente più economici.  Va dove ti porta il vento Un famoso slogan che si trova anche sulle t-shirt vendute in loco, è "Salento [...]

Continua a leggere

Vacanze: 4 regole per una valigia perfetta

Organizzare la valigia per le vacanze può rappresentare una notevole fonte di stress.
Basta un minimo di organizzazione e 4 semplici regole per preparare dei bagagli completi e ben organizzati.
Pianificare La prima delle 4 regole per una valigia perfetta è la pianificazione.
È inutile iniziare a riempire i nostri borsoni con vestiti leggeri se le previsioni meteo annunciano un improvviso calo delle temperature.
Una rapida occhiata alla situazione [...]

Continua a leggere