Viaggi e Vacanze > Destinazione

Ostuni e le suggestioni dell’archeologia locale

Non solo mare, monumenti e attrattive paesaggistiche, Ostuni è anche una città ricca di suggestioni antichissime, reperti storici risalenti a oltre 30.000 anni fa.

Hotel, residence, case vacanze e b&b Ostuni restano aperti per tutto l’anno, alimentando un turismo che nel borgo del brindisino dimostra un certo dinamismo per tutto l’anno, svincolandosi dalle logiche di turismo balneare tipiche di tante altre zone della Puglia. Ostuni è una città poliedrica, ricca di seduzioni in grado di attrarre a sé un pubblico vario; la città può contare su un paesaggi marino eccezionale, su un’arte ricca e trasversale, su fascinazioni paesaggistiche meravigliose e su una archeologia tra le più ricche del Mezzogiorno.

I lavori di recuperi del Prof. Coppola

Nei primi anni ‘90 del secolo scorso, il monumentale lavoro di ricerca compiuto dal Prof. Donato Coppola, docente dell’Università Aldo Moro di Bari, portò alla scoperta di una serie di reperti storici risalenti al periodo dell’uomo di Neanderthal. Ostuni, fin dall’antichità, era stata terreno adatto ad accogliere le popolazioni di nomadi messapi che, grazie all’abbondanza di grotte e all’assetto collinare del posto, si presentava come luogo perfetto di accampamento.

La Donna di Ostuni

La più grande scoperta del team di ricerca fu la cosiddetta Donna di Ostuni, lo scheletro di una donna di circa 20 anni risalente a 28.000 anni fa e del suo feto. Assieme ai resti della puerpera vennero rinvenuti anche resti di denti animali, le ossa di un  bue, utensili di vario genere, tutte tracce di una ritualità funeraria già matura per gli uomini dell’epoca.

Il parco e il museo

La sepoltura è stata preservata e trasformata in un luogo di visita denominato Ostuni 1 e inserito all’interno della Grotta di Santa Maria d’Agnano, all’interno dell’omonimo parco archeologico e naturalistico.

Il parco sorge a metà del percorso che congiunge Ostuni con il comune di Fasano, un’area che si estende per 13 ettari ai piedi delle Murge Meridionali. I lavori di scavi che resero possibile il rinvenimento della Donna di Ostuni e di altri importantissimi reperti vennero avviati nel 1987 e 4 anni fu tardi fu inaugurato il parco, assieme all’altro centro di riferimento dell’archeologia ostunese, ovvero il Museo di civiltà preclassiche della Murgia Meridionale.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Approfittare delle offerte last minute nel Salento

Per passare anche a settebre delle belle vacanze in Salento e trovare un albergo che risponde alle tue esigenze puoi consultare online tutte le offerte last minute di alberghi nel Salento, che sono molte ancora adesso che è settembre, come i  viaggi last minute,  dato che in Salento il clima e la temperatura è mite e puoi quindi protrarre le tue vacanze anche fino a fine mese.
 Prenotare online Online nei vari portali turistici trovi di solito un [...]

Continua a leggere

In vacanze in Salento

Il Salento offre tantissime proposte di vacanze   Il mare del Salento offre una scelta impagabile che va all'azzurro Adriatico allo Ionio smeraldino, mare cristallino in ogni spiaggia e spiagge d'incanto.
Ma il Salento ha anche tante proposte per quel che riguarda le proposte culturali o gastronomiche, naturali con  passeggiate  tra campi e colline, e aree protette , antiche rovine archeologiche, torri di avvistamento , città d'arte, insomma una [...]

Continua a leggere

Al mare in Puglia

Se desideri visitare la Puglia, e avere tanti comfort nel tuo soggiorno, puoi prenotare un albergo, un b&b, un residence in Puglia nel Salento sul mare, o ancora un agriturismo nella campagna pugliese, per sfruttre tutti i comfort offerti da queste strutture ai loro ospiti.
Turismo in Salento Infatti in termini di accoglienza turistica negli ultimi anni in salento ha visto un vero e proprio boom di strutture che sono nate per ospitre i numerosi t [...]

Continua a leggere