Tempo libero > Hobbies

Patchwork: cos’è e cosa serve per cominciare

Avete la passione per il bricolage e il cucito e siete in cerca di una tecnica originale da imparare? Provate il patchwork. Questa guida, in modo semplice e completo, vi spiegherà cos’è il patchwork, e cosa serve per iniziare ad utilizzare questa tecnica per realizzare bellissime borse, coperte, cuscini, e tutto quello che vi viene in mente.
Soprattutto in estate, con l’arrivo delle tanto agognate ferie dal lavoro, ci si può voler distrarre dalla routine di tutti i giorni e dedicarsi ad un hobby o ad un nuovo passatempo tutto da imparare. Con la guida sul patchwork imparerete cos’è e quanto è semplice realizzare qualcosa con questa tecnica.


Cos’è il patchwork

Il termine patchwork (lett. “lavoro realizzato con pezzi di stoffa” o “stoffa trapuntata”) è una tecnica americana che consiste nell’unione, soprattutto tramite cucitura, di diverse parti di tessuto (cotone, ma non solo), utilizzata soprattutto per la realizzazione di oggetti per l’arredamento domestico, l’abbigliamento o l’accessoristica.
In particolare, la tecnica del patchwork è molto utilizzata nella realizzazione del quilt, coperte la cui parte superiore è composta proprio con questa tecnica.
Cosa serve per iniziare a realizzare in patchwork

Per iniziare a realizzare qualcosa con la tecnica del patchwork, basterà avere a portata di mano:

- matita e gomma

- un righello, o a due squadrette

- un foglio di carta a quadretti)

- della carta trasparente

- dei pennarelli colorati

Prima di passare alla parte pratica per la realizzazione di un lavoro in patchwork, occorre infatti disegnare il motivo che si ha in mente, soprattutto per sapere quanti pezzi di stoffa tagliare e quale forma dare loro. Occorre poi decidere in partenza il metraggio di tessuto necessario, riportarne il perimetro in scala sul foglio e poi iniziare a comporre il proprio ‘puzzle’. Ecco perché la necessità, e la praticità, di un foglio di carta quadrettato.
Riguardo le forme da dare ai pezzi di stoffa, quadrato, rombo, triangolo e rettangolo sono quelle più utilizzate e facili da realizzare, ma è l'esagono la forma più tradizionale usata nel patchwork. Ciò non toglie che si possano anche usare dei motivi patchwork non per forza geometrici, inventando forme e combinazioni geometriche più complesse.
Nella fase progettuale, si può anche già decidere l’accostamento dei diversi tessuti e colori da utilizzare. Riguardo ai tessuti,
Con la carta trasparente, quindi, bisognerà coprire lo schema realizzato e colorare i diversi pezzi. Si possono anche realizzare diversi progetti prima di iniziare, e solo dopo scegliere quello più congeniale in base agli accostamenti che ne vengono fuori.

Si è ora pronti per passare alla parte pratica: largo spazio quindi alla fantasia nella scelta dei tessuti (quelli più utilizzati sono i tessuti americani), a forbici, ago e filo, e ferro da stiro finale per appiattire i margini.
Buon divertimento!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come scegliere il packaging dei cosmetici bio

Un buon packaging è fondamentale per la corretta conservazione dei cosmetici bio.

I cosmetici biologici sono un davvero un toccasana per la nostra pelle: efficaci, profumati e, soprattutto, naturali.
Ma per protegge la nostra salute, anche loro hanno bisogno di essere protetti.
Per questo è necessario scegliere un buon packaging.
  I modelli di flaconi e vasetti, però, sono davvero tanti: come si fa ad individuare quello davvero in grado di aiutarci a far durare più a lungo i nostri prodotti? La risposta è semplice: facendo at [...]

Continua a leggere

Collezionare le saponette degli hotel

Collezionare le saponette degli hotel non è inusuale, tutti almeno una volta ne abbiamo portata una a casa come souvenir.
Queste fanno parte dei kit di cortesia, che tanto piacciono e che costituiscono appunto i più famosi souvenir nel mondo.
Ma da portare a casa una saponetta e magari usarla dopo qualche tempo, a realizzare una vera e propria collezione di saponette hotel c'è differenza.
Ecco alcune informazioni su questo genere di collezionismo [...]

Continua a leggere

Felpe Uomo Firmate: Collezione Autunnale

L’abbinamento più semplice e casual è sicuramente quello del jeans e felpa; semplice, cool e mai fuori moda.

L’abbinamento più semplice e casual è sicuramente quello del jeans e felpa; semplice, cool e mai fuori moda.
La felpa infatti non ha età, non abbandona mai l’abbigliamento maschile ed uno dei motivi del suo successo sono riconducibili alla sua versatilità.
Specialmente le felpe uomo firmate sono un must per l’abbigliamento da uomo.
Come Abbinare la Felpa da uomo Abbinare la felpa non sembra una cosa chissà quanto difficile, basta scegliere un pai [...]

Continua a leggere