Edilizia e Costruzioni

Perché sono importanti i pavimenti antitrauma

I pavimenti e rivestimenti antitrauma sono per definizione dedicati a salvaguardare gli utenti ambienti particolari in cui il rischio di lesioni a seguito impatti al suolo, deve essere minimizzato. Si tratta principalmente delle aree destinate ai giochi dei bambini, ma anche di palestre, asili, scuole e cliniche per persone anziane o affette da morbo di Alzheimer. Poiché per le aree gioco dei bambini questo tipo di pavimentazione è obbligatoria, occorre che il pavimento venga fornito da un’azienda specializzata ed in grado di fornire un materiale le cui caratteristiche soddisfino quanto stabilito dalle normative EN 1177 e EN 71-3. Il materiale deve essere innanzitutto atossico ed avere uno spessore minimo di 3 cm e massimo di 10 cm. Per stabilire in che modo l’energia cinetica della testa di una eventuale vittima (sono proprio gli urti alla testa i più frequenti e quelli con maggiore incidenza di fatalità, dunque su questi ci si basa) venga dispersa attraverso la deformazione da un pavimento antiurto è stato ideato un coefficiente che si chiama HIC – Head Injury Criterion, ovvero Criterio delle Lesioni alla Testa: sulla base dell’energia cinetica posseduta dalla testa nel momento di un urto è stabilito in 1000 il limite oltre il quale una lesione può essere fatale. I test effettuati per verificare la capacità di ammortizzazione dell’urto da parte dei diversi materiali sottoposti alla prova hanno permesso di arrivare al risultato che stabilisce un’altezza massima dalla quale un soggetto può cadere sul materiale al centro del test senza riportare gravi traumi. Questa altezza è fissata in 60 cm. Un pavimento di questo tipo può essere costituito da mattonelle ad incastro o da rotoli interi, può essere posato con un’operazione molto semplice e non richiede nessun tipo di colla chimica. Il materiale che lo compone, in ottemperanza alla normativa, è completamente atossico, impermeabile, antimuffa, repellente, anallergico e dotato di proprietà antibatteriche e fonoassorbenti. Se posto in all’aperto, mostrerà anche un’elevata resistenza ai raggi UV ed una grande robustezza rispetto alla prolungata esposizione alle intemperie. Minima è la manutenzione necessaria e con una costante e poso faticosa pulizia, si preverrà ed impedirà l’accumulo di polvere e sporcizia. Sul mercato sono disponibili molti tipi di pavimentazione e rivestimenti antitrauma, per ambienti interni ed esterni, con colori e forme differenti, in grado di raggiungere elevati livelli di personalizzazione e di sposare così le esigenze del cliente. Gli esperti di Keloo www.keloo.eu possono fornire una consulenza gratuita e senza impegno per valutare quale tipo di pavimentazione applicare alla vostra struttura.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Architetti e natura: quando il lavoro di uno imita quello dell’altra

Da sempre gli architetti si ispirano ai capolavori della natura per trarre ispirazione per alcune loro creazioni.

Architetti: l’aiuto viene dalla tecnologia Come per altri lavori più tradizionali, negli ultimi anni la tecnologia ha offerto un importante aiuto anche al settore dell’architettura.
Oltre a velocizzare lavori che un tempo venivano compiuti manualmente, sottraendo un grande quantitativo di tempo, oggi la tecnologia offre un aiuto concreto nella riproduzione veritiera del mondo naturale.
Oggi grazie alla tecnologia lo studio delle forme più autenti [...]

Continua a leggere

Manutenzione impianto elettrico abitazione: a chi affidarsi?

La manutenzione dell’impianto elettrico è fondamentale per la nostra vita e per risparmiare sensibilmente in bolletta. Ma è meglio il fai da te o il lavoro del professionista?

Ogni impianto elettrico, per rispettare i parametri imposti dalla legge e per scongiurare il rischio di incidenti gravi, deve essere realizzato secondo precise regole e con materiali di altissima qualità.
Inoltre, è necessaria una manutenzione periodica che accerti la sicurezza e la stabilità dell’impianto.
La sicurezza è indispensabile, ovviamente, ma anche una buona dose di risparmio energetico non guasta: un impianto elettrico revisionato peri [...]

Continua a leggere

Progettazione di edifici passivi: la nuova frontiera del comfort abitativo

Gli edifici passivi (Passive House) sono costruzioni che assicurano il benessere termico senza produrre energia sfruttando i combustibili fossili, o comunque utilizzandoli in maniera trascurabile.

Gli edifici passivi sono chiamati in questo modo perché la somma degli apporti passivi di calore dell'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore interno generato dagli elettrodomestici e dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda.
  Ma allora, come funziona una casa passiva? Un edificio passivo ricava l’energia necessaria a pareggiare il bilancio termico con siste [...]

Continua a leggere