Edilizia e Costruzioni

Perché sono importanti i pavimenti antitrauma

I pavimenti e rivestimenti antitrauma sono per definizione dedicati a salvaguardare gli utenti ambienti particolari in cui il rischio di lesioni a seguito impatti al suolo, deve essere minimizzato. Si tratta principalmente delle aree destinate ai giochi dei bambini, ma anche di palestre, asili, scuole e cliniche per persone anziane o affette da morbo di Alzheimer. Poiché per le aree gioco dei bambini questo tipo di pavimentazione è obbligatoria, occorre che il pavimento venga fornito da un’azienda specializzata ed in grado di fornire un materiale le cui caratteristiche soddisfino quanto stabilito dalle normative EN 1177 e EN 71-3. Il materiale deve essere innanzitutto atossico ed avere uno spessore minimo di 3 cm e massimo di 10 cm. Per stabilire in che modo l’energia cinetica della testa di una eventuale vittima (sono proprio gli urti alla testa i più frequenti e quelli con maggiore incidenza di fatalità, dunque su questi ci si basa) venga dispersa attraverso la deformazione da un pavimento antiurto è stato ideato un coefficiente che si chiama HIC – Head Injury Criterion, ovvero Criterio delle Lesioni alla Testa: sulla base dell’energia cinetica posseduta dalla testa nel momento di un urto è stabilito in 1000 il limite oltre il quale una lesione può essere fatale. I test effettuati per verificare la capacità di ammortizzazione dell’urto da parte dei diversi materiali sottoposti alla prova hanno permesso di arrivare al risultato che stabilisce un’altezza massima dalla quale un soggetto può cadere sul materiale al centro del test senza riportare gravi traumi. Questa altezza è fissata in 60 cm. Un pavimento di questo tipo può essere costituito da mattonelle ad incastro o da rotoli interi, può essere posato con un’operazione molto semplice e non richiede nessun tipo di colla chimica. Il materiale che lo compone, in ottemperanza alla normativa, è completamente atossico, impermeabile, antimuffa, repellente, anallergico e dotato di proprietà antibatteriche e fonoassorbenti. Se posto in all’aperto, mostrerà anche un’elevata resistenza ai raggi UV ed una grande robustezza rispetto alla prolungata esposizione alle intemperie. Minima è la manutenzione necessaria e con una costante e poso faticosa pulizia, si preverrà ed impedirà l’accumulo di polvere e sporcizia. Sul mercato sono disponibili molti tipi di pavimentazione e rivestimenti antitrauma, per ambienti interni ed esterni, con colori e forme differenti, in grado di raggiungere elevati livelli di personalizzazione e di sposare così le esigenze del cliente. Gli esperti di Keloo www.keloo.eu possono fornire una consulenza gratuita e senza impegno per valutare quale tipo di pavimentazione applicare alla vostra struttura.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

I principali legni utilizzati per porte e serramenti

Casa nuova? Necessità di rinnovare? Tra i dilemmi più ricorrenti uno riguarda il materiale da utilizzare per la realizzazione di porte e serramenti.
Qualora li vogliate di legno, si apre dinanzi ai vostri occhi un'infinità di alternative.
Esaminiamo ora nel dettaglio alcune tra le tipologie più comuni e consigliate.
  Il legno di castagno Il castagno è una pianta arborea dalla cima rigogliosa e tondeggiante: la sua altezza varia dai 10 ai 30 metr [...]

Continua a leggere

Fonderie Evolution

Stampi Pressofusione Alluminio ad Ancona

Fonderie Evolution è un’azienda impegnata nel settore degli stampi pressofusione alluminio e pressofusione leghe leggere con sede a Castelfidardo, in provincia di Ancona.
Questa importante realtà del settore ha maturato grande esperienza in questo ambito ed è in grado di soddisfare in maniera efficace le necessità individuali dei clienti tramite la progettazione e realizzazione di stampi pressofusione di grande qualità, perfetti per realizzare og [...]

Continua a leggere

Cosa sta facendo l’edilizia contro i cambiamenti climatici?

Il clima cambia, in peggio: dobbiamo farcene una ragione. Ma non dobbiamo rassegnarci a soccombere: è ora di mutare radicalmente il modo di vivere, consumare, costruire.

Il clima sta cambiando, nonostante c’è ancora chi sostiene il contrario: non è a rischio la vita del pianeta, ma quella degli esseri umani.
Tutti, nel nostro piccolo, dobbiamo fare qualcosa per fermare il declino e garantire alle generazioni future una vita degna di essere vissuta e risorse sufficienti.
Ma soprattutto, dobbiamo insegnare alle nuove generazioni a non compiere gli sbagli che abbiamo fatto noi: dobbiamo tramandare l’etica del vivere [...]

Continua a leggere