Economia e Lavoro > Finanza

Polizze Vita: trend 2020

I dati 2019 fanno ben sperare per il segmento vita

Polizze assicurative vita sempre piu ricercate, stando ai dati 2019, come tappeto d'atterragio comodo e sicuro per i rispiarmiatori interessati a investimenti a basso rischio. Almeno questa è la lettura che emerge dai dati dell'anno appena concluso: chi ha scelto le aasicurazioni vita sembra aver fatto la scelta giusta.

In termini di rendimento non si può certo dire il contrario: come emerge da un articolo de La Stampa , le polizze assicurative vita nell'anno 2019 hanno garantito un ritorno superiore al 3%: gli occhi dunque sono già rivolti con estream attenzione ed attesa alle performance che può riservare il 2020. La prospettiva pare possa essere simile per il segmeto vita.

Le polizze vita non sempre sono state apprezzate dal mercato, in ottica risparmio e investimento sono state piu volte valutate con diffidenza. La polizza vita può rappresentare uno strumento importante per affrontare eventuali problemi economici derivanti da imprevisti incidentali , ma alcune soluzioni sono rivolte proprio a strumento di investimento, come sistema alternativo da valutare nel caso di una pensione integrativa, o soluzioni di investimento a medio lungo termine. Sul mercato sono disponibili prodotti in grado di rispondere alle esigenze più diversificate dei consumatori e investitori.

I trend ci dicono che negli ultimi anni, questo tipo di prodotto assicurativo vita è tornato ad essere sempre più interessante e presente anche nei portafogli dei risparmiatori italiani. I motivi dietro questa scelta possono essere moltepolici: un primo fattore sicuramente è rappresentato dal bass livello di rischio economico, poi di certo perche le assicurazioni vita consentono di unire aspetti di protezione ma anche investimento. Entrambe le caratteristiche stanno a cuore del consumatore medio. 

I trend sono speranzosi: se si pensa che solo nello 2018 si sono raccolti circa 90 miliardi di euro nel segmento vita, il 2019 ha chiuso con un ritorno lordo superiore al 3%, per il 2020 la tendenza potrebbe essere ulteriormente positiva. Le migliori performance sono state registrate dalle cosiddette “unit linked”, polizze vita di ramo III: con questo prodotto è possibile investire nei fondi comuni. Buoni risultati anche per le polizze di ramo I: circa il 65% del mercato italiano.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere