Scienza e Tecnologie

Pompe sommerse per i pozzi artesiani: ecco le tecnologie più evolute

Sin dagli albori della sua storia l’uomo ha sempre sfruttato le risorse idriche superficiali, come fiumi e laghi, per soddisfare i propri fabbisogni; le civiltà antiche furono le prime a mettere a punto i pozzi per accedere all’acqua presente nel sottosuolo, una fonte ben più stabile di quella legata alle precipitazioni atmosferiche e all’andamento delle stagioni.

Per estrarre l’acqua da questi pozzi occorreva un intenso impegno fisico, oppure si sfruttava il lavoro degli animali; i pozzi di oggi, per fortuna, sono ben più evoluti di quelli di una volta! Sono infatti a disposizione diversi tipi di sistemi di pompaggio che permettono di prelevare l’acqua in modo automatico, sfruttando ad esempio la potenza di un motore elettrico.

Di queste elettropompe si possono incontrare molti diversi modelli, che differiscono in termini di caratteristiche costruttive, dimensioni, profondità massima di pompaggio, portate, materiali di cui sono fatte e, in generale, dotazioni tecnologiche. Esistono poi sistemi di pompaggio che si possono utilizzare per il prelievo idrico dai corsi o dagli specchi d’acqua superficiali, e altri invece specifici per l’acqua presente nel sottosuolo, come ad esempio le pompe sommerse per pozzi artesiani.

Per farsi un’idea dei modelli di pompe sommerse in circolazione, e per scegliere il dispositivo giusto da un ampio catalogo di prodotti, si consiglia di visitare il sito pompezanni.it. L’azienda Pompe Zanni srl, con sede a Rubiera (RE), è apprezzata sia a livello italiano che internazionale per la qualità dei suoi sistemi di pompaggio.

Adatte per usi agricoli, industriali, antincendio e per molte altre applicazioni, le elettropompe che portano la firma di Pompe Zanni sono realizzate con materiali a elevata resistenza e durata nel tempo. Scopri i modelli radiali (da 4” o 6”), la vasta gamma di elettropompe semiassiali (da 6”, 7” 8” e 10”) e la qualità dei prodotti Pompe Zanni nei cataloghi online disponibili liberamente sul sito.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere