Economia e Lavoro > Professioni

Prezzo delle ciliegie da record: il clima pazzo le ha rese un frutto extra-lusso

Primavera caratterizzata da freddo e piogge, così è andata persa la metà della prima raccolta

Il freddo anomalo di questa primavera ha reso le ciliegie un frutto di lusso. Il prezzo di cartellino è salito fino al 50% in più rispetto al 2018, e in alcune zone italiane (come Milano ad esempio) è giunto a 20 euro per chilo. Un'enormità.

Cosa sta spingendo il prezzo delle ciliegie

E' la legge del mercato che sta facendo il prezzo. Il frutto è arrivato sul mercato in scarse quantità, perché vittima del maltempo. E di fronte a un'offerta che sta crollando, la valutazione schizza alle stelle. Una cosa che abitualmente succede quando la frutta viene comprata fuori stagione. Nel caso delle ciliegie, provarle a comprare durante il periodo invernale può costare circa il doppio, dal momento che sono disponibili soltanto quelle importate dal Cile. Ma vederle a certi prezzi mentre ci avviciniamo all'estate, è una novità (spaicevole) quasi assoluta.

Il grosso problema è il clima pazzo di questa primavera. Ha fatto così tanto freddo che molti hanno parlato di un inverno-bis. La produzione delle ciliegie ne ha risentito in misura fortissima, tanto che pioggia e grandine hanno messo in discussione il nostro primato europeo (generalmente si aggira sui 120 milioni di chili di ciliegie all’anno). Secondo i dati della Coldiretti la produzione di prima raccolta è andata distrutta per circa il 50%. Peraltro tra le Regioni più colpite dal maltempo ci sono quelle a maggiore densità produttiva (in Italia la coltivazione è svolta su circa 30 mila ettari), come Puglia, Emilia Romagna, Campania e Veneto. Solo in queste regioni il prezzo, benché alto, continua ad essere contenuto (verso i 4-6 euro al chilo). Ma solo perché è proprio qui che si producono.

Tutela del Made in Italy

A sommarsi al danno poi c'è pure la beffa, perché siccome la richiesta continua ad essere forte, i frubetti si sono già messi in azione importando dall'estero prodotti di minore qualità, rivendendoli al mercato come puri Made in Italy. I processi di verifica dell’origine nazionale in molti casi riescono a intervenire, ma in tanti altri no (con un danno non solo economico, ma pure di immagine). La speranza dei coltivatori è che il clima cominci presto a diventare più clemente, e che sui grafici dell'andamaneto produttivo possa vedersi preso un pattern di inversione del trend. Finora infatti sono state danneggiate solo le varietà precoci, quelle che si raccolgono a maggio e che corrispondono a circa il 30% del totale. Il restante 70% potrebbe ancora salvarsi. Ma ci vuole un aituo dall'Alto...


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come avere un magazzino efficiente: la guida completa

Gestire in maniera corretta un magazzino è uno dei primi passi per poter avere un’azienda che lavora in maniera efficiente. Vediamo quali sono i passaggi da seguire per raggiungere tale scopo.

Può essere considerato un aspetto marginale, ma il magazzino è per un’azienda uno dei luoghi cuore dell’intera organizzazione.
Molti però sono le disattenzioni e gli errori che spesso vengono commessi quotidianamente e che possono influire sul rendimento dell’intera attività.
Ma quali sono allora gli accorgimenti fondamentali? Prima di tutto, ordine e pulizia.
Sono gli aspetti fondamentali da cui partire.
Rendere il magazzino pulito, ben ordinato [...]

Continua a leggere

Sicurezza sul lavoro: guida per gli imprenditori

Come assicurare, secondo normativa, la sicurezza ottimale sul luogo di lavoro

La legge chiede la piena tutela della sicurezza e della salute dei tuoi lavoratori: sei in regola con tutti gli adempimenti previsti per la tua tipologia di attività? La nuova e più recente normativa (D.Lgs 81/2008 ex 626/94) relativa alla Sicurezza del Lavoro, sottolinea come la salute e la sicurezza dei lavoratori debbano essere requisito irrinunciabile e imprescindibile per ogni azienda.
Per questo, un’impresa che intenda essere competitiva e [...]

Continua a leggere

Monitoraggio del freddo: l’importanza dell’umidità relativa

Durante il monitoraggio del freddo è importante considerare anche l’umidità relativa, elemento fondamentale nella conservazione dei prodotti freschi.
    Quando si parla di monitoraggio del freddo, spesso si pone troppa poca attenzione su un fattore che risulta invece essere determinante, in particolare nel trasporto di prodotti freschi, come frutta e verdura: l’umidità.
O meglio, l’umidità relativa.
Con questo termine si intende il tasso di umid [...]

Continua a leggere