Economia e Lavoro > Professioni

Prezzo delle ciliegie da record: il clima pazzo le ha rese un frutto extra-lusso

Primavera caratterizzata da freddo e piogge, così è andata persa la metà della prima raccolta

Il freddo anomalo di questa primavera ha reso le ciliegie un frutto di lusso. Il prezzo di cartellino è salito fino al 50% in più rispetto al 2018, e in alcune zone italiane (come Milano ad esempio) è giunto a 20 euro per chilo. Un'enormità.

Cosa sta spingendo il prezzo delle ciliegie

E' la legge del mercato che sta facendo il prezzo. Il frutto è arrivato sul mercato in scarse quantità, perché vittima del maltempo. E di fronte a un'offerta che sta crollando, la valutazione schizza alle stelle. Una cosa che abitualmente succede quando la frutta viene comprata fuori stagione. Nel caso delle ciliegie, provarle a comprare durante il periodo invernale può costare circa il doppio, dal momento che sono disponibili soltanto quelle importate dal Cile. Ma vederle a certi prezzi mentre ci avviciniamo all'estate, è una novità (spaicevole) quasi assoluta.

Il grosso problema è il clima pazzo di questa primavera. Ha fatto così tanto freddo che molti hanno parlato di un inverno-bis. La produzione delle ciliegie ne ha risentito in misura fortissima, tanto che pioggia e grandine hanno messo in discussione il nostro primato europeo (generalmente si aggira sui 120 milioni di chili di ciliegie all’anno). Secondo i dati della Coldiretti la produzione di prima raccolta è andata distrutta per circa il 50%. Peraltro tra le Regioni più colpite dal maltempo ci sono quelle a maggiore densità produttiva (in Italia la coltivazione è svolta su circa 30 mila ettari), come Puglia, Emilia Romagna, Campania e Veneto. Solo in queste regioni il prezzo, benché alto, continua ad essere contenuto (verso i 4-6 euro al chilo). Ma solo perché è proprio qui che si producono.

Tutela del Made in Italy

A sommarsi al danno poi c'è pure la beffa, perché siccome la richiesta continua ad essere forte, i frubetti si sono già messi in azione importando dall'estero prodotti di minore qualità, rivendendoli al mercato come puri Made in Italy. I processi di verifica dell’origine nazionale in molti casi riescono a intervenire, ma in tanti altri no (con un danno non solo economico, ma pure di immagine). La speranza dei coltivatori è che il clima cominci presto a diventare più clemente, e che sui grafici dell'andamaneto produttivo possa vedersi preso un pattern di inversione del trend. Finora infatti sono state danneggiate solo le varietà precoci, quelle che si raccolgono a maggio e che corrispondono a circa il 30% del totale. Il restante 70% potrebbe ancora salvarsi. Ma ci vuole un aituo dall'Alto...


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Spazio in magazzino: come ottimizzarlo?

Sappiamo che lo spazio per le attività commerciali e industriali è fondamentale.
Lo è ancora di più per il magazzino, vero cuore delle attività dell’azienda.
Saper gestire al meglio il proprio magazzino può portare a dei grandi risparmi in termini di costi.
  Magazzino proprio o in affitto: lo spazio conta eccome! Non stiamo parlando solo di magazzini di proprietà dell’azienda, ma anche di magazzini che vengono presi in affitto per il deposito de [...]

Continua a leggere

Logistica per e-commerce: quando il packaging può fare la differenza

L’E-commerce è uno dei settori più in crescita nel nostro mercato e sempre più italiani sono orientati all’acquisto online di prodotti.

I vantaggi dell’e-commerce Tra gli elementi che giustificano questa scelta possiamo elencarne alcuni: la facilità di trovare ciò che si cerca;   l’alto livello di servizi offerti, primo tra tutti la consegna sempre più veloce degli ordini;   la possibilità di tenere traccia in tempo reale della merce;   e quella di resi gratuiti.
  Logistica per e-commerce: quando dietro al servizio c’è molto di più Dietro al fantastico mondo dell’e-commerce c’è [...]

Continua a leggere

L’ossitaglio: informazioni e procedure

Vediamo quali sono le procedure da seguire in una delle operazioni siderurgiche più diffuse

Per chi non lo sapesse, l’ossitaglio è una delle principali operazioni nel campo della siderurgia per il taglio di materiali anche di grande spessore.
Tra le operazioni sostitutive alla cesoiatura è sicuramente quella meno recente.
Obiettivo di tale operazione è il taglio di lamiere o profilati metallici.
La tecnica dell’ossitaglio viene svolta tanto in maniera manuale, quanto in ambito industriale, montato su opportuni pantografi, cioè su specia [...]

Continua a leggere