Scienza e Tecnologie

Processo di fabbricazione della carta

Carta e lavoro

La carta è un elemento che prende molti secoli di storia (vedi fino quando) e ha avuto molto significato in arti grafiche e, in generale, nel comunicare testi, messaggi e immagini così scioccante. Merita una menzione storicamente importante perché anche se tutto è digitale e interattiva, esistono ancora mailing, grandi manifesti, libri e molti più mezzi di comunicazione su carta.

Ci sono molti tipi di carte. ma in linea di massima, si fa a sapere qual è il processo mediante il quale la carta industriale è fatta?

Le procedure per la fabbricazione della carta sono quelle che vanno dalla materia prima per la carta (di solito legno) fino che non viene candeggiato, levigato e confezionato  .  spieghiamo in dettaglio questi passaggi.

Prendere il legno:
Tagliare alberi e rimuovere tutti i rami, lasciando solo il tronco principale.


Scortecciatura:
La rimozione della corteccia degli alberi. Ciò equivale a rimuovere tutto lo strato esterno lasciando solo lo stelo.


Dalla corteccia  ottenere la fibra:
i tronchi vengono tagliati in piccoli pezzi per rendere più facile  ottenere il massimo da fibre vegetali nelle successive reazioni chimiche.

 macero:
Il trattamento con sostanze chimiche per formare una pasta. Questo può essere fatto in diversi modi e con diversi prodotti, ma uno dei più economico è l'acqua, anche se è comunemente magnesio solfato di sodio è usato. L'intenzione di questi prodotti è quello di eliminare le fibre del legno indesiderate, come lignina, lasciando solo la cellulosa   il principale responsabile della preparazione della carta.


sbiancamento:
Una pasta passa attraverso vari processi aggiuntivi di lavaggio, filtrazione, essiccazione e qualche altro fino a quando il processo di candeggio per ottenere la tonalità desiderata.

Inclusione O3 Cl
Introduzione Tabella di immissione:
la pasta più spessa va sul movimento di rete metallica, dove sarà formato gradualmente il ruolo di pasta e l'acqua libera essiccata,  sono raccolte per sfruttare il loro contenuto di cellulosa in altre fasi di recupero è posto, che esso contribuirà allo sviluppo di più carta.

Raddrizzare carta pressata:
La carta ottenuta con lo spessore desiderato  passa tra   rulli rotanti in grado di stampare alcuni marchi  a seconda del produttore. Poi si preme la carta tra due rulli in panno per rimuovere ulteriormente acqua e poi passa attraverso un altro gruppo di rulli che sono responsabili nel dare la giusta consistenza.

Asciugatura:
rulli caldi sono responsabili di una fase di asciugatura finale.

Trattamento superficiale:
Poi passano attraverso altri rulli freddi che danno una finitura, oltre a fornire la luminosità in base al tipo di carta. Tipicamente prima del suo passaggio attraverso il rivestimento viene eseguita una calandratura.

Avvolgimento e taglio carta

imballaggio

trasporto
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Matrici per presse piegatrici: chi le produce a Parma

Scopri l'ampio catalogo di Mora Costruzioni Meccaniche

In numerose aziende del settore meccanico e manifatturiero vengono attualmente impiegate le presse piegatrici, delle particolari tipologie di macchine utensili che – come dice il nome – schiacciano e piegano il materiale di partenza per mezzo di una pressione elevata.
Queste lavorazioni consistono, in pratica, in una deformazione controllata che ha come target la lamiera di metallo.
A tale materiale, che inizialmente è allo stato piano, per mezzo [...]

Continua a leggere

Scale mobili vs. ascensori: qual è l’impianto più efficiente?

In diversi contesti pubblici si possono incontrare simultaneamente due tipi di impianti destinati al trasporto verticale delle persone: gli ascensori da una parte, e le scale mobili dall’altra.
Ognuno può avere le sue preferenze personali nei confronti dell’uno o dell’altro impianto, ma a livello gestionale qual è il sistema di trasporto più efficiente per fare in modo che le persone possano arrivare comodamente dal punto A al punto B nel più bre [...]

Continua a leggere

Pompe sommerse per i pozzi artesiani: ecco le tecnologie più evolute

Sin dagli albori della sua storia l’uomo ha sempre sfruttato le risorse idriche superficiali, come fiumi e laghi, per soddisfare i propri fabbisogni; le civiltà antiche furono le prime a mettere a punto i pozzi per accedere all’acqua presente nel sottosuolo, una fonte ben più stabile di quella legata alle precipitazioni atmosferiche e all’andamento delle stagioni.
Per estrarre l’acqua da questi pozzi occorreva un intenso impegno fisico, oppure si [...]

Continua a leggere