Economia e Lavoro > Marketing

Produzione corilicola in difficoltà, oltre al danno climatico c'è anche la minaccia turca

Le nocciole, uno dei prodotti di eccellenza dell'Italia, hanno vissuto un 2019 da incubo

Quello che sta per chiudersi verrà ricordato come uno degli anni peggiori per la coltivazione del nocciolo. La produzione corilicola è stata infatti duramente colpita da eventi climatici che hanno impredito la impollinazione del nocciolo. Come se non bastasse il contraccolpo dal lato dell'offerta, sono aumentate le importazioni di nocciole "straniere" che hanno peggiorato il quadro.

I danni alla produzione corilicola

Secondo le ultime stime, la produzione corilicola si attesterebbe in calo del 40-50%. Poco consola il fatto che le nocciole raccolte in quest’ultima annata siano di buona qualità, e che i prezzi siano cresciuti nettamente rispetto allo scorso anno.

La preoccupazione è forte, visto che l'Italia è il secondo produttore al mondo (dopo la Turchia), e questo calo del ciclo produttivo si ripercuote negativamente su un'intera vastissima filiera, che va dall’impresa agricola alle grandi aziende di trasformazione. Inoltre parliamo di una eccellenza del nostro paese, visto che siamo gli unici a vantare tre marchi europei di qualità: la Nocciola Piemonte Igp, la Nocciola Romana Dop e la Nocciola di Giffoni Igp.

La minaccia dell'import turco

Come detto, la produzione corilicola guarda con timore all'incremento di quantità di nocciole importate. La crescita dell'import è stata da 29,8 a 33 tonnellate, mentre in valore parliamo di 152 milioni di euro contro i 182 spesi nel 2019. Principale fornitore è la Turchia, primo produttore al mondo, favorito anche dal deprezzamento della lira che rende l'import meno costoso. Peraltro le previsioni del cambio Euro Lira turca sono ancora a svantaggio della valuta di Ankara (nel senso che perderà ancora valore). Lo scenario potrebbe quindi peggiorare.

All'orizzonte inoltre c'è una nuova minaccia per la nostra produzione corilicola, che aggiunge la beffa al danno. Le imprese tedesche che richiesdono grandi quantitativi di nocciole a imprese agricole italiane, non avendo avuto piena soddidsfazione (per la suddetta carenza di prodotto), stanno sollecitando il Governo tedesco a chiedere di concedere a Turchia ed Azerbaigian la possibilità di importare a dazio zero maggiori quantità di nocciole nella UE. Sarebbe un ennesimo durissimo colpo per il prodotto italiano.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Idee Gadget

Cosa fare e cosa non fare nella promozione tramite oggetto

Un gadget aziendale riuscito è quello che riesce ad essere al contempo gradevole ed utile, valorizzando al contempo l'identità dell'azienda.
La promozione tramite oggetto mira infatti a creare un'impressione buona e duratura nel destinatario del gadget.  Questi articoli promozionali possono essere acquistati in grandi quantità per essere distribuiti in seminari, mostre, road show e lanci di prodotti come estensione dei tuoi sforzi pubblicitari.  [...]

Continua a leggere

DreamSposa.it abiti da sposa a Roma firmati dalla stilista Sabrina Maietta

Dream Sposa Atelier abiti da sposa Roma su misura - Negozio vestiti da sposa e accessori

Sin dalle sue prime armi la celebre stilista di abiti da sposa Sabrina Maietta si è posta come obiettivo professionale la personalizzazione delle sue creazioni, in grado di interpretare il carattere specifico di ogni donna, la sua essenza.
Dream Sposa Atelier ha saputo rimanere sul mercato in una posizione di leadership, interpretando le esigenze e le inclinazioni stilistiche delle spose moderne al passo con i tempi, con abiti da sposa sexy e mai [...]

Continua a leggere

Marketplace virtuale: in 10 anni è triplicata la presenza delle aziende Made in Italy

Nel 2009 meno di 6mila aziende vendevano online. Alla fine del 2018 erano salite a 20mila

L'ultimo decennio ha segnato il boom del commercio online.
Se i colossi globali come Amazon, eBay o Alibaba hanno tracciato la direzione, le imprese di ogni genere e dimensione hanno raccolto la sfida, tuffandosi nel "marketplace" virtuale.
Sempre più aziende nel marketplace virtuale In realtà, la vera sfida l'hanno lanciata i clienti.
La perdurante crisi dei consumi e i veloci cambiamenti nelle abitudini di spesa hanno infatti modificato il luog [...]

Continua a leggere