Cucina > Cibi

Profumo al ragù: vietato assaggiare!

Un regalo originale per una data importante

Se avete un’amica un po’ particolare che sta per dare una festa di 18 anni a Roma, se siete stanche dei classici regali che vengono messi da parte dopo essere stati scartati, allora non potrete non amare questa idea regalo del tutto originale e fuori dai soliti schemi: il profumo al ragù! Provare, ma non assaggiare, per credere!  

Il pranzo della nonna, in boccetta

Forse non tutte sanno o non hanno avuto modo di provare il profumo alla marijuana e lo smalto al Prosecco. Pensavamo che nulla potesse più sorprenderci, prima di sapere che la scoperta di nuove e originali fragranze non si ferma davanti a nulla. Ecco quindi che il mondo della bellezza ci regala questo fantastico prodotto, certamente goloso. La sua fragranza racchiude in sé tutta la magia delle domeniche casalinghe, trascorse a casa della nonna, che come sempre è intenta a preparare un “leggero” pranzo domenicale per l’intera famiglia.

Gabriella Chieffo: ideatrice della fragranza

Gabriella Chieffo, ideatrice della fragranza e ingegnere ambientale, è nata a Napoli. Tale profumo trova il suo essere nel desiderio di ricordare e riportare alla memoria una delle pietanze tipiche, e più conosciute, della tradizione napoletana: il ragù che come storia e nonna insegnano deve cuocere per diverse ore a fuoco lento, diffondendo in tutta la casa un profumo inconfondibile e genuino.

 

Come sottolinea la stessa Gabriella Chieffo, il desiderio, ora una riuscita realtà, era quello di dare vita ad «una fragranza che sprigioni un aroma di festa, speziata quanto basta per ricordarmi i weekend nella casa di Napoli, che iniziavano con la preparazione del ragù classico che deve cuocere molto lentamente fino alla fine dei pranzi della domenica». Benvenuto profumo al ragù.

Le note del profumo al ragù

Le note di testa del profumo sono: arancio, bergamotto e pepe rosa. Alle quali si aggiungono pepe nero, noce moscata, chiodi di garofano, elemi, cardamomo, zafferano. Il cuoio, legno di cedro, legno di cashmere, patchouli, cypriol, muschio, cumino, vaniglia sono invece le note che si distinguono dal profondo.

Il successo di questo prodotto è stato così grande che l’ingegnere di Napoli ha dato vita anche alla Variazione di ragù, che tiene a sottolineare Gabriella: «È una fragranza diversa, più morbida, più avvolgente, più calda del Ragù originale. Racconta di un amore più consapevole e meditato, la cui passione è mitigata dall’esperienza e dalla vita. Più comprensivo perché


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Er Menu' - Piatti tipici della cucina romanesca di un tempo

Romanesca e non romana, è casereccia e non raffinata

Cornucopia - Cibo e abbondanza  Gli amanti della buona cucina non sempre guardano ai raffinati  piatti gourmet dei ristoranti stellati.
Spesso un buon piatto è semplicemente un buon piatto, ricco di sapore, di semplice preparazione e magari  con una porzione abbondante.
Non deve risultare strano se la tendenza degli ultimi anni vede un ritorno in voga della cucina casereccia, rustica corposa e sempre saporita.
In questo articolo parliamo dell’ess [...]

Continua a leggere

Carne Black Angus - Cos'è e perchè è così buona?

Animali allevati nel rispetto della loro vita e nutriti con cibi naturali. Ma non solo...

La razza Black Angus Sulla brace, alla griglia, al piatto circondato da patate e verdure o in un fragrante panino avvolta da fresca insalata.
Esistono mille modi per assaporare un Hamburger.
L’altezza ne determina i tempi di cottura, le spezie aggiunte definiscono un sapore predominante ma c’è una costante che inevitabilmente fa la differenza: il macinato.
La scelta della carne per un buon hamburger non può che essere essenziale; il taglio, il mo [...]

Continua a leggere

Non c’è Nulla di Meglio del Miele Online

Perché Interessarsi al Miele Online

Internet è diventato un modo per trovare qualsiasi cosa è necessaria.
È possibile intercettare qualsiasi prodotti che serva per un dato compito o uno scopo.
Il grande vantaggio del web è che ha aperto le porte alla formazione gratuita, ma più di ogni altra cosa ha dato spazio a tutte quelle piccole realità che si distinguono per un prodotto locale biologico.
È questo il caso del miele, perché le sue proprietà conosciute da migliaia di anni non si [...]

Continua a leggere