Cucina > Cibi

Profumo al ragù: vietato assaggiare!

Un regalo originale per una data importante

Se avete un’amica un po’ particolare che sta per dare una festa di 18 anni a Roma, se siete stanche dei classici regali che vengono messi da parte dopo essere stati scartati, allora non potrete non amare questa idea regalo del tutto originale e fuori dai soliti schemi: il profumo al ragù! Provare, ma non assaggiare, per credere!  

Il pranzo della nonna, in boccetta

Forse non tutte sanno o non hanno avuto modo di provare il profumo alla marijuana e lo smalto al Prosecco. Pensavamo che nulla potesse più sorprenderci, prima di sapere che la scoperta di nuove e originali fragranze non si ferma davanti a nulla. Ecco quindi che il mondo della bellezza ci regala questo fantastico prodotto, certamente goloso. La sua fragranza racchiude in sé tutta la magia delle domeniche casalinghe, trascorse a casa della nonna, che come sempre è intenta a preparare un “leggero” pranzo domenicale per l’intera famiglia.

Gabriella Chieffo: ideatrice della fragranza

Gabriella Chieffo, ideatrice della fragranza e ingegnere ambientale, è nata a Napoli. Tale profumo trova il suo essere nel desiderio di ricordare e riportare alla memoria una delle pietanze tipiche, e più conosciute, della tradizione napoletana: il ragù che come storia e nonna insegnano deve cuocere per diverse ore a fuoco lento, diffondendo in tutta la casa un profumo inconfondibile e genuino.

 

Come sottolinea la stessa Gabriella Chieffo, il desiderio, ora una riuscita realtà, era quello di dare vita ad «una fragranza che sprigioni un aroma di festa, speziata quanto basta per ricordarmi i weekend nella casa di Napoli, che iniziavano con la preparazione del ragù classico che deve cuocere molto lentamente fino alla fine dei pranzi della domenica». Benvenuto profumo al ragù.

Le note del profumo al ragù

Le note di testa del profumo sono: arancio, bergamotto e pepe rosa. Alle quali si aggiungono pepe nero, noce moscata, chiodi di garofano, elemi, cardamomo, zafferano. Il cuoio, legno di cedro, legno di cashmere, patchouli, cypriol, muschio, cumino, vaniglia sono invece le note che si distinguono dal profondo.

Il successo di questo prodotto è stato così grande che l’ingegnere di Napoli ha dato vita anche alla Variazione di ragù, che tiene a sottolineare Gabriella: «È una fragranza diversa, più morbida, più avvolgente, più calda del Ragù originale. Racconta di un amore più consapevole e meditato, la cui passione è mitigata dall’esperienza e dalla vita. Più comprensivo perché


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il rito del brunch

Il brunch è una moda sempre più presente nella cultura italiana, già a partire da qualche anno.

E’ un rito riservato al week-end, quando lontani dalle preoccupazioni della settimana lavorativa, ci si concedono ritmi più rilassati alzandosi più tardi e consumando un pasto unico a mattinata inoltrata che sazia fino alla cena.
  Le origini e la diffusione del nuovo pasto Il termine brunch è un neologismo che deriva dalla fusione delle parole inglesi breakfast e lunch, ovvero colazione e pranzo.
Le radici concettuali del termine risalgono alla [...]

Continua a leggere

Un viaggio fra i sapori della Sardegna

La Sardegna è un’isola ricca di storia e cultura.

Chi ha avuto la fortuna di conoscere questa terra spettacolare ricca di paesaggi mozzafiato, sa anche che la Sardegna offre una quantità di piatti e bevande eccellenti.
Andiamo a scoprire alcuni dei cibi più gustosi e rinomati della tradizione sarda: La fregola, che in sardo vuol dire mollica di pane, è una pasta secca a forma di palline.
Si può condire in molti modi, ma sicuramente la ricetta migliore è quella con le telline e lo zafferano che s [...]

Continua a leggere

Spaghetti cacio e pepe

Origini ed evoluzione di una ricetta senza tempo

La nascita della ricetta degli spaghetti cacio e pepe affonda nella tradizione contadina e pastorale della campagna romana, quando i pastori impegnati nella transumanza usavano portarsi dietro dei semplici ingredienti a lunga conservazione e fonte di energia per ristorarsi e riscaldarsi dopo una lunga giornata di cammino con il bestiame.
Assieme a carbonara, gricia e amatriciana costituisce i primi piatti tipici della gastronomia romana, passando [...]

Continua a leggere