Economia e Lavoro

Progettare una scaffalatura: cosa serve?

Le regole che definiscono e stabiliscono gli standard per l’installazione e l’utilizzo di sistemi di scaffalature metalliche ed industriali sono inserite all’interno del documento EN 15635:2008, elaborato dal Comitato Europeo per la Standardizzazione nell’ambito del tavolo tecnico 344. La segreteria è stata affidata quindi all’Uni, Ente Nazionale di Normazione.

Le norme, valevoli per i paesi all’interno dell’Unione Europea e per quelli dell’EFTA (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera), sono state adottate all’interno delle legislazioni nazionali di tutti gli stati entro e non oltre il maggio 2009. Oltre all’EN 15635, sono attive e valide anche le normative EN 15512 (specifiche alla scaffalatura portapallet), la EN 15620 (Tolleranze, deformazioni e interspazi) e la EN 15629 (Sistemi di stoccaggio statici di acciaio, relative all’attrezzatura di immagazzinaggio).

Le linee guida fornite dalla normativa EN 15635 riguardano gli aspetti operativi e pertinenti alla sicurezza strutturale dei sistemi di immagazzinaggio, relativi anche all’utilizzo di apparecchiature di movimentazione meccanica pesanti, al fine di ridurre al minimo il rischio e le conseguenze derivanti da un possibile funzionamento non sicuro o dei conseguenti ipotetici danni alla struttura.

Partendo da queste normative che regolano la progettazione di un impianto di scaffalature metalliche, per iniziare la progettazione della scaffalatura industriale, il cliente deve comunicare alcuni fondamentali al fornitore che predispone il progetto:

  • Le specifiche dei locali nelle quali saranno installate le scaffalature.
  • In che maniera e modalità sia composto il pavimento che farà da fondazione sia per le scaffalature metalliche che per i muletti e i carrelli elevatori che movimenteranno la merce.
  • Quale tipologia di merce sarà stoccata sui ripiani delle scaffalature e che tipologia di pallet sarà utilizzata.
  • Quali saranno i carichi ammissibili.
  • Quale tipologia di carrelli e strumenti per la movimentazione verranno usati.
  • Eventuali previsioni di futuri cambiamenti nel magazzino.

Infine occorrerà stabilire se vi siano spazi sufficienti per depositare e prelevare in sicurezza tutte le merci e si rispetteranno i requisiti di protezione contro le collisioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il nuovo centro di tornitura con torretta inferiore: scopriamo PUMA SMX

Doosan Machine Tools ha recentemente annunciato che i suoi centri di tornitura super multitasking PUMA SMX sono ora disponibili con in dotazione una torretta inferiore che possa aumentarne la versatilità e la produttività.
La torretta sarà disponibile per entrambi i modelli con mandrino da 10 "(PUMA SMX2600ST) e con mandrino da 12" (PUMA SMX3100ST).
Facciamo un passo indietro.
La serie PUMA SMX di Doosan è un centro di tornitura multitasking a do [...]

Continua a leggere

Decodificare al meglio il ciclo di lavoro dei compressori

Diverse tipologie di compressori, come per esempio quelli a vite e quelli centrifughi, sono sviluppati per funzionare in continuazione e a velocità massima, pur mantenendo il flusso d'aria di picco.
I loro motori e i loro sistemi di raffreddamento sono dunque progettati per operare al 100% nel tempo e senza pericolo di surriscaldamento.
Tuttavia, questo non vale per tutte le tipologie di compressori.
Nel caso ad esempio dei compressori a pistoni, [...]

Continua a leggere

Guida alla smussatura degli ingranaggi interni

La smussatura svolge un ruolo fondamentale all'interno della catena del processo di produzione degli ingranaggi e il processo si verifica dopo la lavorazione morbida dei denti.
Con la smussatura, gli spigoli vivi lungo le facce del pezzo da lavorare vengono eliminati e possono essere realizzate forme di bordo definite.
La generazione di uno smusso può avvenire per differenti motivi.
Ad esempio, per evitare che diventi più fragile l’area del bordo [...]

Continua a leggere