Economia e Lavoro > Finanza

Protezione del patrimonio

Il patrimonio: ecco come proteggerlo.
Che anche al giorno d'oggi sia necessaria la protezione il proprio patrimonio, non è affatto un segreto. Si tratta, bensì, di una solida certezza. Del resto i pericoli che tutt'ora popolano il mondo sono davvero tanti, e non si sa mai quando anche a noi potrebbero capitare dei guai. Per questo è meglio proteggere il proprio patrimonio. Come farlo? Il modo più facile è, sicuramente, l'assicurazione sulla casa. Certamente, nessun'assicurazione riuscirà a dare alla persona interessata una casa completamente nuova. Tuttavia, un'assicurazione sulla casa è un ottimo modo per non restare senza un tetto nel momento di maggiore necessità. Le compagnie assicurative, per quanto piccole possano essere, troveranno sicuramente un'altra sistemazione alle persone che la necessitano. D'altro canto, per proteggere i soldi si può pensare a una banca, a un ente di finanziamento oppure a un istituto di credito, che non necessariamente dev'essere italiano.

Si potrebbe prendere in considerazione una banca inglese, tedesca, oppure, - e perché no? - svizzera. In tutto questo bisogna ricordarsi: più è basso il tasso d'interesse della banca in cui si vuole depositare i propri soldi, e più è da considerarsi sicura la banca stessa. Basti pensare che in Svizzera e in Giappone alcune banche hanno dei tassi d'interesse addirittura negativi. Però non bisogna dimenticarsi di proteggere il proprio patrimonio, o il proprio denaro, anche legislativamente. Sebbene per la legge italiana tutto ciò che possiede una persona gli appartiene di diritto, al più se si tratta di soldi o case, in alcuni casi sono possibili varie modifiche. Per questo è meglio contattare un notaio per chiarire tutti gli aspetti riguardanti il patrimonio. A chi è destinato, a quanto ammonta, cosa accadrebbe se la persona dovesse morire e così via. L'atto notarile potrebbe, certamente, costare un po', ma ne sarà sicuramente valsa la pena ai fini della protezione.

In altri casi gli interessati a proteggere il proprio patrimonio, potrebbero inventarsi qualcosa di più fantasioso, anche se le banche, il notaio e l'assicurazione sono tutti fattori che bastano in toto a proteggere i soldi o la casa. E' possibile, per esempio, nascondere il proprio vero patrimonio. Nel caso in cui si tratti di macchine o altri veicoli di spostamento, si può prendere in considerazione l'idea di darli in affidamento ad altre persone. In questo modo si può sfuggire ai controlli della finanza, qualora non si voglia pagare il bollo sull'auto, e in contempo far sì che l'automobile sia comunque di proprietà della persona interessata. Come si è visto, insomma, i metodi per proteggere il patrimonio dalle mani indiscrete sono davvero tanti. Non ci vuole che un po' di fantasia e del tempo: il resto verrà con l'esperienza e con la conoscenza delle normative vigenti in materia.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere