Economia e Lavoro > Finanza

Protezione del patrimonio

Il patrimonio: ecco come proteggerlo.
Che anche al giorno d'oggi sia necessaria la protezione il proprio patrimonio, non è affatto un segreto. Si tratta, bensì, di una solida certezza. Del resto i pericoli che tutt'ora popolano il mondo sono davvero tanti, e non si sa mai quando anche a noi potrebbero capitare dei guai. Per questo è meglio proteggere il proprio patrimonio. Come farlo? Il modo più facile è, sicuramente, l'assicurazione sulla casa. Certamente, nessun'assicurazione riuscirà a dare alla persona interessata una casa completamente nuova. Tuttavia, un'assicurazione sulla casa è un ottimo modo per non restare senza un tetto nel momento di maggiore necessità. Le compagnie assicurative, per quanto piccole possano essere, troveranno sicuramente un'altra sistemazione alle persone che la necessitano. D'altro canto, per proteggere i soldi si può pensare a una banca, a un ente di finanziamento oppure a un istituto di credito, che non necessariamente dev'essere italiano.

Si potrebbe prendere in considerazione una banca inglese, tedesca, oppure, - e perché no? - svizzera. In tutto questo bisogna ricordarsi: più è basso il tasso d'interesse della banca in cui si vuole depositare i propri soldi, e più è da considerarsi sicura la banca stessa. Basti pensare che in Svizzera e in Giappone alcune banche hanno dei tassi d'interesse addirittura negativi. Però non bisogna dimenticarsi di proteggere il proprio patrimonio, o il proprio denaro, anche legislativamente. Sebbene per la legge italiana tutto ciò che possiede una persona gli appartiene di diritto, al più se si tratta di soldi o case, in alcuni casi sono possibili varie modifiche. Per questo è meglio contattare un notaio per chiarire tutti gli aspetti riguardanti il patrimonio. A chi è destinato, a quanto ammonta, cosa accadrebbe se la persona dovesse morire e così via. L'atto notarile potrebbe, certamente, costare un po', ma ne sarà sicuramente valsa la pena ai fini della protezione.

In altri casi gli interessati a proteggere il proprio patrimonio, potrebbero inventarsi qualcosa di più fantasioso, anche se le banche, il notaio e l'assicurazione sono tutti fattori che bastano in toto a proteggere i soldi o la casa. E' possibile, per esempio, nascondere il proprio vero patrimonio. Nel caso in cui si tratti di macchine o altri veicoli di spostamento, si può prendere in considerazione l'idea di darli in affidamento ad altre persone. In questo modo si può sfuggire ai controlli della finanza, qualora non si voglia pagare il bollo sull'auto, e in contempo far sì che l'automobile sia comunque di proprietà della persona interessata. Come si è visto, insomma, i metodi per proteggere il patrimonio dalle mani indiscrete sono davvero tanti. Non ci vuole che un po' di fantasia e del tempo: il resto verrà con l'esperienza e con la conoscenza delle normative vigenti in materia.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come aprire un conto in Austria

Chi espatria e si trasferise in Austria troverà un passaggio senza intoppi.
L'Austria è una nazione ricca e conosciuta per la sua ospitalità e il multiculturalismo.
Vienna, la capitale austriaca, detiene un quarto della popolazione del paese.
Una delle prime cose che ti serve quando arrivi è un conto bancario austriaco.
  Quali documenti servono per aprire un conto corrente in Austria? L'apertura di un conto bancario in Austria è abbastanza sempl [...]

Continua a leggere

Conto online svizzero

Molti si chiederanno come aprire conto un corrente online in Svizzera.
Questo è molto semplice, basta contattare una banca svizzera e chiedere di aprire un conto presso di loro, tutte hanno l'e-banking che permette anche di risparmiare sui costi di gestione dello stesso.
Solamente si può fare solo da residenti.
Quindi se si risiede in Svizzera o se si ha una ditta in Svizzera si può tranquillamente procedere all'apertura di un conto come si fa an [...]

Continua a leggere

Società offshore a Panama

Ogni paese per conformarsi al cartello OCSE dei paesi con tasse elevate ha installato lo scambio automatizzato di informazioni come obbligo per le banche, che funzionerà almeno in Europa, così come in alcuni mercati emergenti.
Naturalmente, il costrutto può anche - in alcuni casi - non riuscire.
Poi ci sono gli accordi internazionali in materia di reciproca assistenza in materia fiscale - la cosiddetta "assistenza amministrativa reciproca in mate [...]

Continua a leggere