Economia e Lavoro > Finanza

Quali sono i paradisi fiscali in Europa

Paradisi fiscali in Europa: di cosa si tratta

In questo periodo la tassazione in molti Stati europei è davvero diventata qualcosa di insostenibile: per rimanere in casa nostra, basta pensare che il livello di tassazione è di una percentuale del 65% rispetto ai redditi medi pro capite conseguiti dai cittadini del Bel Paese.
Questo ha spinto moltissime persone ed aziende ad emigrare in uno dei paradisi fiscali in Europa: basta pensare ai pensionati che cercano uno stile di vita più consono rispetto al loro cedolino mensile e che, per esempio, si trasferiscono alle Canarie per godere del meritato riposo senza dover stringere la cinghia fino all'inverosimile.
Lo stesso identico discorso vale per le imprese italiane strozzate dal Fisco: sono molti gli imprenditori che si sentono defraudati della propria attività dalla morsa delle tasse, e che per questo motivo puntano ad emigrare in un Paese con tassazione agevolata.
In questo senso, quando si parla di luoghi con tassazione agevolata, si pensa sempre a luoghi con ambiente tropicale, palme e clima ottimo tutto l'anno. Vero, le Canarie sono molo simili a questa descrizione, ma esistono anche altri paradisi fiscali in Europa che consentono di ottenere benefici a livello fiscale.
 
Quali sono i paradisi fiscali in Europa
 
Una ricerca di Oxfam nel 2017 ha stabilito quali sono i quattro Paesi europei che attuano una tassazione minore rispetto alla media dell'Unione. Il risultato di questo report ha individuato in questi Stati l'Irlanda, il Lussemburgo, la Svizzera ed i Paesi Bassi.
Oltre a questi Paesi ce ne sono comunque anche altri che garantiscono addirittura un trattamento migliore: le sopra citate Isole Canarie ad esempio, oltre a garantire un clima eccellente per gran parte dell'anno, applicano un'aliquota IVA che può ridursi fino al 13,5% permettendo ai cittadini residenti di godere di un regime di tassazione che permette un risparmio fino al 40% rispetto a quello che viene applicato in Italia.
Un altra isola piena di possibilità a livello fiscale è quella di Cipro che, anche se non gode di una tassazione molto vantaggiosa, permette ai residenti di subire controlli meno severi da parte delle autorità competenti.
 
Isola di Jersey, di Man e Malta: quando le isole diventano paradisi
 
Sembra proprio che, oltre a Cipro ed alle Canarie, anche altre isole possono ritenersi paradisi fiscali in Europa e possiedono la facoltà di far vivere alle persone residenti una vera e propria favola fiscale. L'Isola di Jersey applica una ritenuta sul reddito netto del 27% o sul lordo del 20%, l'Isola di Man un'aliquota sulle persone fisiche del 10% con un massimale soggetto ad imposta pari a 140.000€ (120.000 sterline), mentre Malta ha un Fisco molto vantaggioso per partecipazioni e royalties oltre che per l'aliquota del 35% come tetto massimo sulle persone fisiche.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere