Edilizia e Costruzioni

Quando e come richiedere un APE

(Attestato Prestazione Energetica)

Quando e perché bisogna ottenere un APE, Attestato Prestazione Energetica? Come si fa ad ottenerlo? In molti non sanno nemmeno cosa sia questo attestato. Ecco perché L’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) ha sviluppato una breve guida per tutti i cittadini, con tutte le informazioni utili a comprendere cosa sia e perché e quando richiederlo. Tutte queste nozioni sono già in possesso di ogni professionista, ma è utile che ognuno le conosca.

 L’APE può essere richiesto per l’accesso a incentivi economici ed agevolazioni fiscali per lavori di ristrutturazione, ma si può anche richiedere volontariamente per analizzare le caratteristiche di efficienza energetica della propria abitazione e capire quali possano essere eventuali interventi di riqualificazione energetica da effettuare, così da approfittare di agevolazioni fiscali come l’Ecobonus per interventi di risparmio energetico prima che queste scadano.

Una definizione di APE

L’Attestato di Prestazione Energetica è il documento che attesta la prestazione energetica (cioè la quantità di energia necessaria ad alimentare un anno di riscaldamento, raffrescamento, produzione di acqua calda sanitaria, illuminazione, etc.) e, quindi, la classe energetica di un immobile e indica quali interventi possono essere attuati in una prospettiva di riqualificazione energetica. Con questo documento il proprietario dell’immobile può verificarne il fabbisogno energetico, la qualità energetica e le emissioni di anidride carbonica mentre un possibile compratore o affittuario può compiere una scelta più consapevole.

Quando diventa obbligatorio?

L’APE è obbligatorio nei seguenti casi:

  • per gli edifici nuovi o demoliti e poi ricostruiti, caso in cui il rispetto dei requisiti minimi di prestazione energetica è richiesto per ottenere il permesso di costruire;
  • per gli edifici esistenti in caso di compravendita e nuovo contratto di locazione, quando cioè deve essere presentato in fase di trattativa (ma anche negli annunci immobiliari) e consegnato alla del contratto;
  • se vengono effettuati lavori di ristrutturazione su elementi dell’involucro esterno per una superficie complessiva superiore al 25% dello stesso involucro.

In caso di inadempienza a questi obblighi sono previste sanzioni dai 1.000 ai 18.000 euro.

L’APE non è obbligatorio invece per fabbricati isolati con superficie inferiore a 50 mq, fabbricati agricoli, industriali e artigianali senza impianti di climatizzazione, garage, locali caldaia, cantine e depositi, ruderi o i fabbricati in costruzione senza abitabilità.

Responsabilità, oneri e tempi

L’Attestato di Prestazione Energetica deve essere redatto da un esperto indipendente e accreditato ai sensi del DPR 75/2013, il quale si assume la responsabilità di quanto dichiarato nel documento.

Per avere preventivi elettricisti clicca qui.

Il professionista deve firmare l’APE in quarta pagina e inviarlo alla Regione o Provincia autonoma competente. Entro 15 giorni una copia dovrà poi essere consegnata al richiedente a cura del professionista.

Per quanto riguarda gli oneri economici, nel caso di edifici di nuova costruzione l’APE deve essere richiesto dal costruttore a sue spese. Nel caso di edifici esistenti invece gli adempimenti e le spese sono a carico del proprietario dell’immobile.

Dal momento del rilascio, l’APE ha validità per 10 anni e deve essere aggiornato ogni qualvolta venga effettuato un intervento di ristrutturazione o riqualificazione e energetica che modifichi la classe energetica dell’immobile. Tale validità è legata comunque al rispetto dei controlli di manutenzione ed efficienza energetica degli impianti termici dell’edificio previsti dalla normativa (DPR 74/2013). In caso di mancata ottemperanza, l’Attestato di Prestazione Energetica decade il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui è prevista la prima scadenza non rispettata (per questi motivi il documento deve essere allegato ai libretti degli impianti).


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cos'è l'ossitaglio

Precisione del taglio, velocità di esecuzione e costi interessanti: ecco perché l'ossitaglio è la tecnica migliore per il taglio delle lamiere.

Con la parola "ossitaglio" si indica l'attività di taglio delle lamiere e dei profilati in metallo con l'uso di una fiamma acetilenica e un getto di ossigeno puro.
Questa tecnica di taglio sfrutta il fatto che i materiali ferrosi dotati di un certo contenuto di carbonio, se portati a incandescenza, bruciano se inseriti in un'atmosfera con ossigeno.
Questo significa che l'ossitaglio è un metodo applicabile solo agli acciai al carbonio, anche noti [...]

Continua a leggere

Architettura: lo stile dei nuovi spazi abitativi

L’avevi mai pensato? La tua abitazione può accrescere i propri spazi e concederti metrature più ampie anche solo ripensando zone e stanze già esistenti.
Reduci dai lunghi mesi di lockdown durante l’epidemia di Corona virus, gli italiani hanno infatti iniziato a ripensare alla propria abitazione come un giaciglio sicuro e confortante.
Molti però hanno iniziato a pensare che gli spazi abitativi a loro disposizione non sono sufficienti.
Un’idea semp [...]

Continua a leggere

La gestione dei carichi pesanti in magazzino

Una soluzione efficace e sicura fornita da Kardex Remstar

Il principale problema di chi lavora all’interno di un magazzino ed è chiamato quotidianamente a prelevare e riporre prodotti dagli scaffali, è legato alle difficoltà che delle volte l’eccessivo peso o volume degli articoli comportano.
Quando arriva un ordine da parte di un cliente infatti, diventa necessario andare ad individuare l’esatto scaffale in cui si trova la merce, salire sulla scala e portarla a terra rapidamente nonostante il peso.
Ciò [...]

Continua a leggere