Scienza e Tecnologie

Quanto costano gli occhiali da presbite?

La presbiopia, difetto visivo molto diffuso ed inevitabile, richiede lenti specializzate e delle accortezze, affinché il problema non peggiori. Vedremo anche i prezzi degli occhiali da vista per presbiopia.

Che cosa è la presbiopia?

È necessario porre le basi per capire quando e se si parla di presbiopia. Non è che un disturbo oculare, nonché condizione para-fisiologica. Si manifesta inizialmente come il bisogno di dover allontanare dagli occhi un oggetto che si sta osservando da vicino, o un testo di un giornale o di uno schermo (del pc) che si stava leggendo: le cose iniziano a sembrare sfuocate alla vista. Interessa tutti gli individui a partire dai 40-45 anni di età (aggravandosi fino ai 60 anni) quando, in via del tutto normale, il cristallino (che regola la messa a fuoco) perde la sua elasticità. Ovviamente non è sempre uguale, varia in base ai casi e, proprio per questo, anche i prezzi degli occhiali da vista per presbiopia sono molto diversi.

Presbiopia, prevenzione e correzione

Per quanto riguarda la presbiopia, purtroppo, non esiste un modo per impedire lo sviluppo di questo disturbo o tardarne la comparsa. Certo, la regola è sempre quella, per quanto possibile, di non sforzare eccessivamente gli occhi, di mantenerli in salute e di portare sempre occhiali o lenti a contatto, in caso di bisogno. La correzione invece è possibile, in due modi: innanzitutto portare gli occhiali, dopo aver eseguito una visita da un medico oculista, che indicherà la lente più giusta per il caso in questione. Non tutti necessitano di occhiali per presbiopia per tutto il giorno, ciò avviene solo nel caso in cui la presbiopia sia associata ad altri disturbi visivi, e in questo caso anche i prezzi degli occhiali da vista per presbiopia salirà. Nel caso in cui ci si trovasse in difficoltà nella semplice vista a distanza ravvicinata, si potrà optare per gli occhiali cosiddetti ""da lettura"", ai quali si ricorre appunto in una casistica più limitata, quando ci si deve concentrare su un oggetto molto vicino, come le righe di una pagina, o svolgere un lavoro minuzioso a breve distanza dagli occhi. Esiste anche la possibilità di intervenire chirurgicamente sul problema, ipotesi nettamente sconsigliata perché c’è comunque un alto rischio (come qualsiasi altro intervento) e poi, appunto, chi porta gli occhiali sempre è qualcuno già abituato a conviverci, chi non era già un utilizzatore di occhiali, li userà solo in determinati e ridotti momenti della giornata.

Quanto costano

I prezzi degli occhiali da vista per presbiopia sono molto vari e dipendono sicuramente dai casi diversi e dai tipi diversi di lenti che vengono prese in considerazione. Gli occhiali meno costosi sono quelli detti ""da vicino"" o con lenti monofocali, indicati quindi per il presbite e per la sola visione di oggetti ravvicinati. Utili anche per chi non ha altre condizioni patologiche oculari o disagi visivi. Il costo può partire dai €50, fino ad un massimo di 150€ di media; ovviamente il prezzo finale dipende dalla scelta della montatura: scegliendone una di un brand di lusso, il prezzo salirà notevolmente. Gli occhiali indicati per coloro che, oltre alla presbiopia, hanno anche altri difetti visivi, come il non riuscire a vedere a tutte le distanze (da lontano e da vicino), sono quelli con le lenti progressive. Questi permettono all’interessato di smettere di usare due tipi di occhiali diversi, uno per leggere da vicino o comunque guardare qualcosa da una distanza ravvicinata, ed uno per tutte le altre occasioni quotidiane, come fare una passeggiata, guidare o guardare la tv. Questi occhiali non costano mai meno di 400€, che è sicuramente un prezzo oneroso ma che, se consideriamo la comodità pratica e la sicurezza psicologica che danno, diventa un buon investimento ed a lungo termine.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere