Edilizia e Costruzioni

Realizzare case in Xlam

Tutti i vantaggi di questo innovativo materiale a base di legno

Quando si pensa alle case in legno, magari vengono in mente le abitazioni che si possono vedere nei film western, costruite con tronchi a vista. Quest’idea un po’ romantica e che richiama ai bei tempi andati tuttavia è quanto di più lontano possa esistere rispetto alle soluzioni costruttive moderne realizzate col legno.


Innanzitutto, per la loro messa in opera non si utilizzano tavole o tronchi, bensì dei pannelli in laminato composti da diversi strati sovrapposti, che presentano diversi benefici il cui mix non ha eguali in altri materiali da costruzione: tra i migliori in circolazione troviamo i pannelli “Xlam”.


A seconda dello spessore di questi pannelli è possibile ottenere proprietà maggiori di insonorizzazione rispetto ai rumori molesti provenienti dall’esterno, ma soprattutto una migliore capacità di isolamento termico, particolarmente apprezzata nei climi rigidi come possono essere, nel nostro paese, quelli montani o dell’Italia settentrionale.


Grazie alla loro modularità, i pannelli Xlam possono essere conformati e dimensionati a piacimento, fino alla realizzazione di parti di abitazioni prefabbricate (es. porzioni di tetto o intere pareti) per cui non si dovrà fare altro che trasportarle in loco e assemblarle con le altre.


I pannelli Xlam, essendo asciutti, non portano alcuna umidità all’interno della struttura, come invece accade quando vengono realizzate abitazioni in cui c’è del cemento che si deve asciugare.


Qualcuno potrebbe pensare che il legno sia un materiale pericoloso dal punto di vista degli incendi, ma per mezzo di opportuni trattamenti è possibile renderlo ignifugo e altamente resistente nei confronti del calore; inoltre, esistono trattamenti che permettono di proteggerlo efficacemente dalle minacce biologiche, rendendolo quindi un materiale estremamente durevole e affidabile nel tempo.


I pannelli in Xlam permettono di costruire case realmente ecologiche non solo grazie ai minori consumi energetici, ma anche perché il legno di cui sono fatti “intrappola” la CO2 ed è allo stesso tempo un materiale sostenibile e rinnovabile.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Progettazione di edifici passivi: la nuova frontiera del comfort abitativo

Gli edifici passivi (Passive House) sono costruzioni che assicurano il benessere termico senza produrre energia sfruttando i combustibili fossili, o comunque utilizzandoli in maniera trascurabile.

Gli edifici passivi sono chiamati in questo modo perché la somma degli apporti passivi di calore dell'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore interno generato dagli elettrodomestici e dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda.
  Ma allora, come funziona una casa passiva? Un edificio passivo ricava l’energia necessaria a pareggiare il bilancio termico con siste [...]

Continua a leggere

Cos’è una scaffalatura cantilever e a cosa serve

La scaffalatura cantilever è la soluzione ideale per i magazzini che devono stoccare oggetti lunghi e pesanti.

Chi ha un magazzino e deve stoccare merci lunghe e pesanti si sarà sentito proporre una scaffalatura cantilever.
Di cosa si tratta esattamente? Di una struttura in acciaio molto salda e resistente, pensata appositamente per tubi, tavole, profilati, lamiere, matasse e travi.
Questa scaffalatura, infatti, permette una perfetta sistemazione orizzontale, grazie ai suoi bracci, sui quali i carrelli elevatori possono caricare la merce.
L’altro grosso v [...]

Continua a leggere

Progettazione casa: lo studio a cui rivolgersi

Quando si prende l’importante decisione di mettere su casa è importante rivolgersi a degli esperti del settore che comprendano le nostre esigenze e ci guidino nelle giuste scelte.
Non stiamo infatti parlando solo di un impegno in termini economici, ma che può influire sulla buona riuscita del nostro progetto e sulla nostra vita in generale.
Sappiamo infatti che non c'è niente di più intimo della propria bitazione.
Ma come riconoscere un buon stud [...]

Continua a leggere