Ambiente e Natura

Recinzioni e staccionate in plastica riciclata: qualità ed eleganza garantite dalla Profilmi

Le staccionate in plastica riciclata rappresentano la soluzione migliore per delimitare le aree verdi e razionalizzare gli spazi in modo pratico e sicuro.

Negli ambienti di campagna e nelle zone urbane, le staccionate in plastica riciclata rappresentano la soluzione migliore per delimitare le aree verdi e razionalizzare gli spazi in modo pratico e sicuro.

La forte somiglianza con le classiche staccionate di legno tipiche dei paesaggi bucolici rende le staccionate in plastica riciclata anche particolarmente gradevoli alla vista, in quanto si integrano perfettamente con il contesto e danno un valore aggiunto al panorama più emozionante.

Il Wood Plastic Composite è un materiale innovativo interamente prodotto e lavorato in Italia in maniera artigianale, che garantisce l’altissima qualità del prodotto, la massima resistenza e la lunga durata; inoltre, essendo ottenuto dal riciclo di materiali di scarto, come il PVC rigenerato espanso e la farina di legno, il WPC è 100% eco-sostenibile.

Recinzioni e staccionate in plastica riciclata sono un prodotto classificato e certificato Plastica Seconda Vita, caratterizzato da una struttura modulare di profilati in materiale composito, completamente zero manutenzione e zero schegge.

Utili in qualunque contesto urbano e nelle aree di campagna, garantiscono massima resistenza, estrema durata e non comportano alcun intervento di manutenzione, in quanto sono un prodotto Green ad altissimi standard; una volta installate, le staccionate in plastica riciclata non marciscono, non si deformano e non scoloriscono a contatto con il sole e la pioggia.

Per le loro straordinarie caratteristiche tecniche, le recinzioni in plastica riciclata vengono sempre più utilizzate come elementi di arredo urbano per delimitare le aree verdi pubbliche, le piste ciclabili e i canali, ma sono anche particolarmente indicate in campagna come recinti per gli animali: infatti, sono un prodotto antibatterico assolutamente immune dall’attacco di funghi e muffe, esente da metalli pesanti, resistente alle alte e basse temperature, completamente ignifugo, con ottime capacità isolanti ed elevate proprietà meccaniche.

La Profilmi è una giovane azienda che si afferma sul mercato del compound rigenerato con una gamma interamente dedicata a prodotti ecologici per esterni, concepiti nell’ottica del riciclo e dell’eco-sostenibilità. Disponibili in diversi modelli e a richiesta anche su misura, le staccionate in plastica riciclata Profilmi sono versatili e ideali per completare gli spazi esterni in sicurezza, in maniera ecologica ed in armonia con il contesto.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il vino fa bene all'integrazione e viceversa

Intervista a Piero Mastroberardino

Nessun altro gruppo del vino italiano può vantare la lunga storia ,siamo alla decima generazione, di Mastroberardino in Campania.la famiglia ha sempre gestito direttamente questa attività con scelte innovative e talvolta coraggiose, sempre mantenendo inalterato il rispetto per le tradizioni e per il territorio.
Un percorso fatto di tradizione, passione e intuizione, qualità trainanti che hanno condotto Mastroberardino ad affermarsi come uno dei p [...]

Continua a leggere

Shopper Personalizzate Biodegradabili:Tutto ciò che c’è da sapere

Buste Biodegradabili: che c’è da sapere

Per Shopper biodegradabili si intendono Shopper On Line Personalizzate con almeno il 40% della materia prima derivante da una fonte rinnovabile, cifra che salirà al 60% nel 2021 e tutte le buste per alimenti compostabili dovranno essere adatte anche a fungere da primo incarto se il prodotto in questione è un alimento.
In questo senso il mercato delle aziende alimentari e non si è evoluto e oggi fornitori come Rifipack propongono ai loro clienti d [...]

Continua a leggere

Edifici a consumo quasi zero di energia: cosa sono?

Gli edifici a energia quasi zero sono ad altissima prestazione energetica. In queste costruzioni, il bilancio tra energia consumata e prodotta è vicina allo zero!

Entro il 2021, tutti gli edifici nuovi o soggetti a una ristrutturazione importante di primo livello dovranno essere a fabbisogno di energia quasi zero (Near Zero Energy Building o NZEB).
Per i nuovi edifici pubblici, comprese le scuole, la scadenza è anticipata al 2019.
Ma cosa sono gli edifici NZEB? Sono considerati a consumo quasi zero gli edifici ad altissima prestazione energetica, nei quali il bilancio tra energia consumata e prodotta è vic [...]

Continua a leggere