Motori > Moto

Ricaricare il climatizzatore dell'auto

Il climatizzatore dell’automobile è una componente fondamentale del veicolo, sia d’estate che d’inverno: nei mesi più caldi è necessario per mantenere una temperatura vivibile all’interno dell’abitacolo, nella stagione fredda è utile per evitare l’eccessivo appannamento dei vetri dovuto all’umidità. Tuttavia, a intervalli di tempo più o meno regolari, l’impianto di condizionamento dev’essere controllato ed, eventualmente, ricaricato con l’apposito gas.

 

Come funziona l’aria condizionata?

Il funzionamento del climatizzatore di una vettura è piuttosto semplice: l’impianto è costituito da un serbatoio che contiene il gas refrigerante, un circuito di tubi e un compressore collegato al motore. L’aria calda viene aspirata dall’esterno e cede calore al gas refrigerante, abbassandosi di temperatura e perdendo umidità, subito scaricata all’esterno; così facendo viene rinfrescato l’interno del veicolo.

 

Sono in commercio principalmente due tipologie di condizionatori, con lo stesso principio teorico di funzionamento: un modello manuale (utilizzando apposite manopole è il conducente a impostare e gestire temperatura e flusso dell’aria) e un altro automatico (il climatizzatore, senza necessità di interventi umani, regola autonomamente temperatura, flusso e umidità dell’aria in base a parametri preimpostati). Il circuito di tubi nei quali passa il gas refrigerante è a tenuta stagna: un calo minimo del livello è fisiologico, a meno che non vi siano perdite consistenti nel sistema dei raccordi.

 

Quando bisogna ricaricare il climatizzatore?

A differenza di altri interventi di manutenzione, la ricarica dell’aria condizionata non prevede scadenze regolari. La frequenza dipende dall’utilizzo del veicolo: alcuni effettuano questo controllo ogni 2-3 anni, altri addirittura ogni 6-7.

 

I modelli delle automobili più recenti hanno delle apposite spie luminose che si accendono qualora il livello del gas diventi troppo basso o si sia completamento esaurito. Nelle vetture più datate, invece, la necessità di una ricarica si avverte quando la temperatura nell’abitacolo non è quella impostata e non viene raggiunta nemmeno dopo ore dall’accensione dell’impianto di raffreddamento.

 

A chi è meglio rivolgersi?

Evitare il fai da te è sempre una buona idea quando si parla di manutenzione, nonostante esistano in commercio appositi kit. Recarsi presso un meccanico è la soluzione migliore, in quanto verranno effettuati interventi di igienizzazione dell’impianto e si scongiurerà il rischio di perdite di un certo rilievo. Un’officina specializzata nella ricarica di climatizzatori auto a Parma come Baruchelli è ciò che fa al caso vostro: venite a trovarci!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Interfono moto: quali sono i modelli in commercio?

Un piccolo dispositivo può trasformare il viaggio in moto in un’esperienza unica: parliamo dell’interfono, un sistema per la comunicazione che si connette al casco.

Fino a qualche tempo fa, viaggiare in moto significava isolarsi dal resto del mondo.
Certo, c’era sempre il suono del motore e la bellezza del paesaggio a fare compagnia, ma le comunicazioni tra persone erano molto difficili se non praticamente impossibili, quando si trattava di prendere in mano uno smartphone, ad esempio.
Poi, sono arrivati gli interfoni per moto, che hanno finalmente permesso una comunicazione più rilassata tra pilota e passegg [...]

Continua a leggere

Noleggio auto a lungo termine di vetture e veicoli commerciali

Gimax, dal 1988 protagonista nel noleggio a breve termine di auto e furgoni, si è strutturata per offrirti anche il servizio di noleggio a lungo termine.
Grazie ai suoi successi commerciali e alla copertura territoriale, la Gimax collabora con i principali noleggiatori a lungo termine italiani, riuscendo sempre a trovare la giusta soluzione al giusto prezzo per le tue esigenze di mobilità.
Devi cambiare auto e non sai se optare nuovamente per l’a [...]

Continua a leggere

Controllare la storia di un veicolo usato: ecco come fare

Non commettere errori! Ecco come comportarti prima di acquistare un veicolo usato e come controllare la storia del mezzo.

Se sei intenzionato ad acquistare un’auto usata, scoprire la storia del veicolo è un fattore di fondamentale importanza.
Secondo recenti dati statistici, sono circa un terzo le autovetture controllate che nascondono qualche insidia e, nel caso peggiore, la storia nascosta potrebbe comportare la perdita dell’auto, senza che tu ottenga nemmeno un centesimo della cifra che hai pagato.
Quali informazioni mostrerà un controllo del veicolo? Un controll [...]

Continua a leggere