Ambiente e Natura

Rifiuti, quelli più difficili da smaltire

Da alcuni decenni a questa parte, fortunatamente, il problema dei rifiuti e del loro corretto smaltimento è divenuto una delle priorità delle amministrazioni centrali e soprattutto locali. Queste si stanno sempre più impegnando, assieme a diverse società che offrono consulenza rifiuti a Roma o in altre località, come la Nova Ecologica nella Capitale, nel favorire la raccolta differenziata e il riciclo della maggiore quantità possibile di materiali usati.

Tuttavia, una delle problematiche più complesse da risolvere riguarda lo smaltimento di alcuni tipi di rifiuti. Infatti, se ultimamente i ricercatori hanno inventato prodotti più facilmente biodegradabili o riciclabili, altri materiali invece ancora lo sono difficilmente o più lentamente. Conoscere quali questi siano è importante, per responsabilizzare e sensibilizzare i cittadini ad un loro uso possibilmente corretto.

I rifiuti prodotti dal fumare e le sue conseguenze sull'ambiente

Ormai si ritrovano gettate ovunque, dai marciapiedi alle spiagge, tuttavia i fumatori probabilmente non sanno che le cicche di sigarette rappresentano un materiale che impiega diverso tempo per essere smaltito, almeno dai 6 ai 12 mesi. Infatti, quelle senza filtro sono composte soltanto da fibre vegetali (quale è il tabacco) e da carta e quindi più facilmente biodegradabili. Il filtro, invece, è realizzato in un materiale chimico maggiormennte resistente e più lento a smaltirsi.

Ancora peggiore è la situazione per gli accendini in plastica, utilizzati soprattutto dai fumatori e spesso buttati o dimenticati un pò ovunque. Questo tipo di scarto impiega, infatti, circa un secolo per essere smaltito e assorbito dall'ambiente, con conseguenze facilmente immaginabili. Gli accendini vengono realizzati con un tipo di plastica difficilmente aggredibile dai microrganismi presenti in natura e pertanto è lenta la sua degradazione.

Alimenti, contenitori ed i rifiuti prodotti

Basta semplicemente recarsi in un qualsiasi supermercato per notare come diversi prodotti alimentari utilizzino vari materiali per essere confezionati o conservati. E molti di questi materiali risultano difficili da smaltire o impieghino tanto tempo. Un contenitore in tetrapak, quelli utilizzati per succhi di frutta o latte per intenderci, se non riciclato, tende ad impiegare un anno per essere assorbito dalla natura.

Molto di più ci vuole invece per le scatolette di metallo, come quelle per il tonno ad esempio, che richiedono circa 50 anni per lo smaltimento naturale. Fortunatamente se ne vedono sempre meno in circolazione, tuttavia i vecchi sacchetti di plastica venivano eliminati dall'ambiente solo dopo alcuni secoli. Senza tener conto dei danni subiti da pesci e altri animali, se abbandonati in mare. Medesimo problema sussiste ancora, tuttavia, per altri prodotti in plastica, come bicchieri, piatti o posate, se non riciclati.

Anche l'alluminio, presente sotto forma di lattine contenenti vari alimenti o bevande, non è un materiale facilmente biodegradabile. Infatti esso tende ad impiegare almeno 20 anni prima di essere smaltito dall'ambiente. Ancora più lungo il tempo necessario per i contenitori in polistirolo, utilizzati per la vendita di carne o di formaggi ad esempio, i quali necessitano di decine e decine di anni.  


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rifiuti Speciali, cosa sono

L'avanzare del progresso e dell'industria ha portato innumerevoli vantaggi da diversi punti di vista, tuttavia ha portato anche alla creazione di rifiuti di ogni tipo, tra cui anche alcuni pericolosi per la stessa salute umana.
E' solo negli ultimi decenni, comunque, che autorità ed aziende hanno cercato di controllarne la produzione e un corretto stoccaggio di questi, anche grazie a società specializzate nello smaltimento rifiuti speciali a Roma [...]

Continua a leggere

La Francia Concede Concessioni per Miniera d'Oro nella Foresta Amazzonica

Il sito minerario sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana

La Francia sta per aprire un altro sito minerario che sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana.
Al di la dei proclami e delle iniziative ufficiali che vedano la Francia tra i paesi occidentali che vorrebbero ridurre l'inquinamento climatico la realtà è ben diversa.
Un eredità proveniente dalla colonizzazione francese dell’Amazzonia risalente al XX secolo, ecco il territorio per lo più ricoperto dalla foresta amazzonica che il governo frances [...]

Continua a leggere

Dog.it

Alimentazione corretta per il tuo cane

Una alimentazione corretta ed equilibrata è di fondamentale importanza per far si che il nostro cane possa vivere a lungo ed in salute.
Mangiar bene infatti, consente al nostro amico a quattro zampe di evitare di andare incontro a tutte quelle patologie che solitamente si presentano quando gli si concede di mangiare tutto ciò che vuole, dagli avanzi della nostra tavola a prodotti per lui poco salutari quali cioccolato e snack di vario tipo.
Quand [...]

Continua a leggere