Ambiente e Natura

Rifiuti speciali: cosa sono e come trattarli

Ogni giorno, utilizziamo una miriade di oggetti, che nonostante siano tipici della nostra quotidianità, se non smaltiti correttamente, possono rappresentare un potenziale pericolo, oltre ad essere, altamente inquinanti. Questi oggetti sono detti appunto, rifiuti speciali o particolari.

Fanno parte di questo genere di rifiuti, anche tutti quei materiali, a cui è dedicata una raccolta particolare, che si differenzia dai classici contenitori, dati per un uso esclusivamente domestico, al fine di ottenere un ottimo recupero.

Molto spesso, succede che i cittadini, non conoscendo la pericolosità di ciò che utilizzano, tendono a gettare nei contenitori domestici, rifiuti che andrebbero trattati diversamente: così facendo, non rispettano neanche il regolarmento del Comune, riguardante la corretta gestione dei rifiuti.

Tra i rifiuti speciali, ci sono: pile, batterie, farmaci scaduti e prodotti pericolosi T/F. Al fine di salvaguardare l’ambiente, esistono numerosissime imprese, che si occupano di un corretto smaltimento rifiuti speciali a roma.

Di cosa si occupa un’azienza di smaltimento rifiuti

 

Grazie al supporto di numerosi esperti del settore, strumenti specializzati e alla collaborazione con altre imprese, l’azienda specializzata nello smaltimento di rifiuti speciali, è perfettamente in grado di fronteggiare qualsiasi tipo di esigenza che si presenta a Roma o più in generale, nel Lazio.

L’azienda, in particolare, si occupa di rispondere a tutti i bisogni dei proprio clienti, è inoltre specializzata nella raccolta, nel trasporto e nel recupero e smaltimento, dei rifiuti, compresi quelli speciali. E’ inoltre abilitata alla dismissione di amianto, alla micro raccolta e alla salvaguardia ambientale.

L’amianto, rappresenta uno dei rifiuti più pericolosi esistenti in circolazione. Ecco perché, è fondamentale che una buona impresa di smaltimento rifiuti, sia attrezzata in modo efficiente, al fine di poter trattare con autonomia su siti di amianto. Importante è anche la possibilità di rimozione dei tetti in eternit.

Tutto ciò, può essere realizzato tramite attività quali, la rimozione, lo stoccaggio, l’incapsulamento, la messa in sicurezza dell’ambiente sul quale si sta intervenendo, lo smaltimento di amianto e il ritiro dell’eternit.

Un personale qualificato

Inutile dire, che alle spalle di tutto questo enorme lavoro, è di vitale importanza, la presenza di uno staff altamente preparato. Il personale, deve essere in grado di agire con efficienza e in totale sicurezza, in qualsiasi tipo di situazione che si viene a creare.

Ogni azienda, generalmente, è costituita da due tipologie di personale: quello che opera direttamente sul campo, e quello che si occupa della parte amministrativa, capace di svolgere qualsiasi tipo di pratica


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

MBSolutions: progetti dalla parte della sostenibilità

MBSolutions: innovazione e rispetto per l'ambiente MBSolutions è uno studio di progettazione a Fidenza, in provincia di Parma, che offre servizi completi in campo architettonico e dell'edilizia.
Da sempre attento ai temi della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente, lo studio ha per i suoi progetti un unico obiettivo: fare in modo che case, uffici e negozi commerciali si inseriscano armonicamente nel contesto ambientale circostante.
Per farl [...]

Continua a leggere

Smaltimento rifiuti acciaio: quello che devi sapere

L’acciaio è uno dei materiali più diffusi nel mondo, eppure non tutti conoscono le operazioni che sono alla base del suo smaltimento e del conseguente riciclo.
  Lo smaltimento in cifre Sono quasi 600 mila le tonnellate di rifiuti che ogni anno vengono gettate trai i rifiuti.
Una cifra davvero considerevole, se pensiamo che l’acciaio è il secondo materiale più diffuso al mondo, secondo solo al cemento.
  Smaltimento dell’acciaio: come funziona?   [...]

Continua a leggere

Inquinamento plastica: un’emergenza alimentare

La plastica dispersa nei mari diventa emergenza sanitaria oltre che ambientale

L’uomo mangia 5 grammi di plastica ogni settimana e questa sta diventando un'emergenza sempre più pressante.
Mano a mano che gli scienziati studiano il problema ci si rende conto della gravità della situazione: se fino a qualche anno fa si pensava che il problema principale fosse di natura strettamente ecologica per la vita di flora e fauna, oggi, progressivamente, ci si sta rendendo conto che l'emergenza sta trasformandosi in un problema anche s [...]

Continua a leggere