Scienza e Tecnologie

Rigenerare i toner HP

 

Se l'inchiostro del vostro toner HP è finito, non dovete necessariamente acquistarne uno nuovo. Lo potete anche rigenerare, in maniera semplice e soprattutto economica. Ecco alcune linee guida per avere un perfetto toner rigenerato HP, sia per le stampanti tradizionali che per quelle laser.

Rigenerare toner con tappo esterno


 
I toner con il tappo esterno sono senza dubbio quelli più diffusi. La prima cosa da fare per procedere alla rigenerazione della cartuccia, è quella di smontare il toner che contiene l'inchiostro. Il procedimento è semplice e simile per la maggior parte dei modelli di stampante in commercio. Posizionate la cartuccia con la protezione rivolta verso l'alto e rimuovete il tappo in plastica che fissa il rullo, svitando le due viti presenti. Svuotate l'eventuale inchiostro residuo su di un panno assorbente, facendo attenzione a non sporcarvi. A questo punto non vi resta che versare il nuovo inchiostro all'interno del serbatoio e richiudere il tappo con le viti. In pochi minuti ecco pronto il vostro toner rigenerato HP.


Rigenerare toner senza tappo 

 
La procedura, nel caso in cui il toner della vostra stampante non abbia un tappo esterno, è un pochino più complessa ed occorrono pazienza e precisione. In questi casi, dopo aver rimosso le viti che si trovano sotto all'adesivo di sicurezza ed estratto la borchia (procedimento simile al precedente illustrato), dovrete realizzare un foro di piccole dimensioni, per inserire l'inchiostro. Per praticare il foro potete utilizzare sia un punteruolo che uno strumento a caldo, che non lasci residui al'interno del toner. A questo punto, per avere il vostro toner rigenerato HP, non vi resta che richiudere il foro con un nastro adesivo resistente (come quello americano ad esempio) ed inserire l'inchiostro, sempre dopo aver eliminato accuratamente i residui presenti.

 

Rigenerare toner nelle stampanti laser

 

E' possibile realizzare un toner rigenerato HP anche nelle stampanti laser. In questo caso la vostra stampante avrà non la classica cartuccia, ma una specie di tubo dotato di uno sportellino, facilmente apribile. Girate il tubo per fare fuoriuscire l'inchiostro residuo, inserite il nuovo prodotto e richiudete il tutto con cura. 

 

Fate attenzione alle polveri

 

Le polveri dei toner sono particolarmente tossiche, pertanto fate attenzione a non inalarle e ovviamente, a non ingerirle mentre lavorate. Lo stesso dicasi per l'inchiostro che utilizzerete per il vostro toner rigenerato HP: le perdite di polvere sono piuttosto frequenti ma difficili da individuare. Per evitare di venirne a contatto e macchiarvi, vi basterà indossare un paio di guanti usa e getta, avendo cura di non sporcare i vestititi e la stampante stessa. Infine, ricordate di smaltire correttamente nelle apposite isole ecologiche, i toner e le cartucce che non si possono rigenerare. Non vanno assolutamente buttati nella spazzatura!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Matrici per presse piegatrici: chi le produce a Parma

Scopri l'ampio catalogo di Mora Costruzioni Meccaniche

In numerose aziende del settore meccanico e manifatturiero vengono attualmente impiegate le presse piegatrici, delle particolari tipologie di macchine utensili che – come dice il nome – schiacciano e piegano il materiale di partenza per mezzo di una pressione elevata.
Queste lavorazioni consistono, in pratica, in una deformazione controllata che ha come target la lamiera di metallo.
A tale materiale, che inizialmente è allo stato piano, per mezzo [...]

Continua a leggere

Scale mobili vs. ascensori: qual è l’impianto più efficiente?

In diversi contesti pubblici si possono incontrare simultaneamente due tipi di impianti destinati al trasporto verticale delle persone: gli ascensori da una parte, e le scale mobili dall’altra.
Ognuno può avere le sue preferenze personali nei confronti dell’uno o dell’altro impianto, ma a livello gestionale qual è il sistema di trasporto più efficiente per fare in modo che le persone possano arrivare comodamente dal punto A al punto B nel più bre [...]

Continua a leggere

Pompe sommerse per i pozzi artesiani: ecco le tecnologie più evolute

Sin dagli albori della sua storia l’uomo ha sempre sfruttato le risorse idriche superficiali, come fiumi e laghi, per soddisfare i propri fabbisogni; le civiltà antiche furono le prime a mettere a punto i pozzi per accedere all’acqua presente nel sottosuolo, una fonte ben più stabile di quella legata alle precipitazioni atmosferiche e all’andamento delle stagioni.
Per estrarre l’acqua da questi pozzi occorreva un intenso impegno fisico, oppure si [...]

Continua a leggere