Scienza e Tecnologie

Rigenerare i toner HP

 

Se l'inchiostro del vostro toner HP è finito, non dovete necessariamente acquistarne uno nuovo. Lo potete anche rigenerare, in maniera semplice e soprattutto economica. Ecco alcune linee guida per avere un perfetto toner rigenerato HP, sia per le stampanti tradizionali che per quelle laser.

Rigenerare toner con tappo esterno


 
I toner con il tappo esterno sono senza dubbio quelli più diffusi. La prima cosa da fare per procedere alla rigenerazione della cartuccia, è quella di smontare il toner che contiene l'inchiostro. Il procedimento è semplice e simile per la maggior parte dei modelli di stampante in commercio. Posizionate la cartuccia con la protezione rivolta verso l'alto e rimuovete il tappo in plastica che fissa il rullo, svitando le due viti presenti. Svuotate l'eventuale inchiostro residuo su di un panno assorbente, facendo attenzione a non sporcarvi. A questo punto non vi resta che versare il nuovo inchiostro all'interno del serbatoio e richiudere il tappo con le viti. In pochi minuti ecco pronto il vostro toner rigenerato HP.


Rigenerare toner senza tappo 

 
La procedura, nel caso in cui il toner della vostra stampante non abbia un tappo esterno, è un pochino più complessa ed occorrono pazienza e precisione. In questi casi, dopo aver rimosso le viti che si trovano sotto all'adesivo di sicurezza ed estratto la borchia (procedimento simile al precedente illustrato), dovrete realizzare un foro di piccole dimensioni, per inserire l'inchiostro. Per praticare il foro potete utilizzare sia un punteruolo che uno strumento a caldo, che non lasci residui al'interno del toner. A questo punto, per avere il vostro toner rigenerato HP, non vi resta che richiudere il foro con un nastro adesivo resistente (come quello americano ad esempio) ed inserire l'inchiostro, sempre dopo aver eliminato accuratamente i residui presenti.

 

Rigenerare toner nelle stampanti laser

 

E' possibile realizzare un toner rigenerato HP anche nelle stampanti laser. In questo caso la vostra stampante avrà non la classica cartuccia, ma una specie di tubo dotato di uno sportellino, facilmente apribile. Girate il tubo per fare fuoriuscire l'inchiostro residuo, inserite il nuovo prodotto e richiudete il tutto con cura. 

 

Fate attenzione alle polveri

 

Le polveri dei toner sono particolarmente tossiche, pertanto fate attenzione a non inalarle e ovviamente, a non ingerirle mentre lavorate. Lo stesso dicasi per l'inchiostro che utilizzerete per il vostro toner rigenerato HP: le perdite di polvere sono piuttosto frequenti ma difficili da individuare. Per evitare di venirne a contatto e macchiarvi, vi basterà indossare un paio di guanti usa e getta, avendo cura di non sporcare i vestititi e la stampante stessa. Infine, ricordate di smaltire correttamente nelle apposite isole ecologiche, i toner e le cartucce che non si possono rigenerare. Non vanno assolutamente buttati nella spazzatura!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere