Salute e Benessere > Medicina

Rimedi per occhi stanchi e gonfi

Il passare del tempo, la carenza di sonno e l'eccessivo stress possono far apparire i nostri occhi estremamente stanchi e gonfi, andando ad intaccare il benessere del nostro viso. Scopriamo assieme quali semplici rimedi possono aiutarci a rivitalizzare ed illuminare il nostro sguardo.

Cetriolo e sacchetti di alimenti congelati contro gli occhi gonfi e stanchi

I primi due alleati per contrastare l'insorgenza di borse sotto agli occhi e illuminare nuovamente il nostro sguardo, sono un cetriolo ed un sacchetto congelato, contenente preferibilmente piselli surgelati. Il cetriolo è ricco di acidi deboli che contribuiscono a combattere la ritenzione idrica. Una volta che avremo tagliato a fettine il cetriolo queste dovranno essere messe nel congelatore. Più il cetriolo sarà freddo, più sarà efficace. In alternativa è bene munirci di un sacchetto di alimenti congelati, meglio se contenente piselli. Ricordiamo di avvolgere il sacchetto all'interno di un panno asciutto per proteggere la pelle. Teniamo il sacchetto sugli occhi per un massimo di quindici minuti.

Il latte come alleato nella battaglia contro gli occhi gonfi

Basta che non sia scremato ed anche il latte può aiutarci a migliorare l'aspetto dei nostri occhi. Basterà versare del latte all'interno di una ciotola piena di ghiaccio ed intingere un panno asciutto che andremo poi a poggiare sugli occhi. Appena ci accorgiamo che il panno diventa caldo andremo ad immergerlo nuovamente nella ciotola. L'applicazione del panno intriso di latte freddo sugli occhi può durare fino a circa quindici minuti.

Aumentare l'intensità dell'umidificatore e ridurre l'utilizzo di smartphone e PC

Se siamo spesso a contatto con dispositivi come Pc e smartphone oltre a ridurre il loro utilizzo, che stanca notevolmente gli occhi, cerchiamo di mantenere acceso l'umidificatore. Questo perché una stanza eccessivamente secca può far apparire gli occhi gonfi e poco idratati.
Un altro ottimo rimedio può essere quello di dormire applicando un panno umidificato sugli occhi durante tutta la notte.
Se lavoriamo a stretto contatto con tablet e Pc dovremmo riposare lo sguardo ogni venti minuti per circa venti secondi. In questo modo gli occhi si rilasseranno. Anche diminuire la luminosità dello schermo risulta essere molto utile.

Riposare bene è uno dei rimedi basilari contro gli occhi stanchi e gonfi

La prima regola d'oro da non dimenticare mai è riposare almeno sette ore a notte. E' buona regola poggiare sempre la nuca su un cuscino che tenga la testa rialzata, contribuendo a ridurre il gonfiore oculare. Al risveglio ricordiamoci di applicare un panno freddo sugli occhi per circa sessanta secondi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La chirurgia del polso

L'importanza di una corretta gestione post chirurgica

Su lachirurgiadelpolso.it trovi le risposte alle tue domande circa i dolori che avverti al polso e che non hai ancora deciso di iniziare a curare.
La tempestività di una diagnosi è infatti molto importante perché consente certamente un recupero più veloce ed evita che una situazione preesistente possa peggiorare o cronicizzarsi.
Quella del polso è infatti una struttura molto complessa, e le patologie che possono presentarsi possono interessare ar [...]

Continua a leggere

Riabilitazione della mano

Gli esercizi con la pallina sono veramente efficaci?

Ogni patologia che interessi la mano necessita di un adeguato trattamento riabilitativo con lo scopo di consentirle di acquisire nuovamente il miglior range articolare, nonché il massimo scorrimento tendineo.
Nel periodo immediatamente successivo all’immobilizzazione della mano o all’intervento chirurgico, il terapista dovrà gestire diverse problematiche relative alla patologia quali ad esempio una certa rigidità articolare o gonfiore della mano. [...]

Continua a leggere

La malattia di Peyronie

Cause e cure

La malattia di Peyronie è una patologia benigna che interessa il pene, della quale ancora si ignora l’origine.
In particolare, questa condizione altro non è che una alterazione del rivestimento del tessuto erettile, sulla quale si forma una placca che può essere facilmente scoperta al tatto.
Questa condizione è in grado di causare del dolore durante l’erezione a causa della deformazione all’asta del pene che essa comporta.
In determinati casi è p [...]

Continua a leggere