Salute e Benessere > Medicina

Rimodellare il naso con l'intervento di rinoplastica

Rimodellare il naso

Il naso riveste un ruolo da protagonista nel volto di una persona e influenza in maniera incisiva l'aspetto generale di esso. Se il naso è troppo grande o presenta delle curvature strane, esso crea una sorta di asimmetria sul viso. Gli inestetismi del naso hanno una forte ripercussione sulla psicologia dell'individuo che, a causa del disagio , dimostra una scarsa autostima con i relativi problemi che ne scaturiscono.
Per questo motivo molte persone ricorrono all'intervento di rinoplastica, in grado di donare armonia ed equilibrio tra il naso e gli altri componenti del viso.

La rinoplastica è un intervento delicato, proprio perché va ad agire su una parte del corpo particolarmente esposta; di conseguenza è importante che ad eseguire questa procedura sia un chirurgo specializzato, che dovrà analizzare la specifica morfologia del paziente e prestare la massima attenzione alle sue aspettative.
L'obiettivo della rinoplastica è ricercare la naturalezza del viso ed evitare che si intuisca che il paziente è stato operato.

Durante la visita pre-operatoria il chirurgo valuta le strutture interne ed esterne del naso, la qualità della pelle, la forma e le dimensioni del naso; il paziente, da parte sua, deve spiegare quali sono i suoi disagi e quali le aspettative.
In base ad un'accurata anamnesi si valuteranno eventuali limitazioni o controindicazioni dell'intervento.

Gli interventi di rinoplastica più diffusi sono: la rinoplastica chiusa e la rinoplastica aperta. La scelta dell'una o dell'altra procedura dipende dalle preferenze del chirurgo, ma anche dal tipo di modifica che si deve effettuare.

La rinoplastica chiusa è quella più diffusa, si effettua attraverso delle piccole incisioni all'interno del naso. Tramite queste incisioni il chirurgo, avvalendosi dell'utilizzo di appositi strumenti, modifica la componente ossea della struttura nasale.
A seconda del risultato che si vuole ottenere, il dorso del naso può essere abbassato, il setto nasale accorciato, oppure si possono effettuare delle micro fratture alla base delle ossa nasali per ottenere un naso stretto.

La rinoplastica aperta è sicuramente più delicata come procedura ed è indicata nel caso si vogliano cancellare piccoli difetti, senza alterare minimamente la struttura del naso.
Questo tipo di intervento si esegue incidendo il tessuto cutaneo della columella, alla base del naso. Le cartilagini della punta e del dorso del naso sono totalmente esposte; questo permette un'ottima visualizzazione e, di conseguenza, un rimodellamento estremamente preciso.

Entrambe le tipologie di rinoplastica si effettuano in modalità Day Hospital, salvo le dovute eccezioni. Una volta tornati a casa, i pazienti dovranno stare a letto con la testa alzata, con del ghiaccio posizionato sugli occhi e sulla fronte per ridurre i gonfiori.
Di solito il recupero totale avviene dopo 15 giorni, ma già dopo circa 5 giorni dall'intervento si può riprendere l'attività lavorativa, avendo cura di non esporsi a rischi di traumi al naso.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La chirurgia del polso

L'importanza di una corretta gestione post chirurgica

Su lachirurgiadelpolso.it trovi le risposte alle tue domande circa i dolori che avverti al polso e che non hai ancora deciso di iniziare a curare.
La tempestività di una diagnosi è infatti molto importante perché consente certamente un recupero più veloce ed evita che una situazione preesistente possa peggiorare o cronicizzarsi.
Quella del polso è infatti una struttura molto complessa, e le patologie che possono presentarsi possono interessare ar [...]

Continua a leggere

Riabilitazione della mano

Gli esercizi con la pallina sono veramente efficaci?

Ogni patologia che interessi la mano necessita di un adeguato trattamento riabilitativo con lo scopo di consentirle di acquisire nuovamente il miglior range articolare, nonché il massimo scorrimento tendineo.
Nel periodo immediatamente successivo all’immobilizzazione della mano o all’intervento chirurgico, il terapista dovrà gestire diverse problematiche relative alla patologia quali ad esempio una certa rigidità articolare o gonfiore della mano. [...]

Continua a leggere

La malattia di Peyronie

Cause e cure

La malattia di Peyronie è una patologia benigna che interessa il pene, della quale ancora si ignora l’origine.
In particolare, questa condizione altro non è che una alterazione del rivestimento del tessuto erettile, sulla quale si forma una placca che può essere facilmente scoperta al tatto.
Questa condizione è in grado di causare del dolore durante l’erezione a causa della deformazione all’asta del pene che essa comporta.
In determinati casi è p [...]

Continua a leggere