Economia e Lavoro > Finanza

Rincari dei Conti Correnti degli ultimi mesi: quali sono le Banche che hanno aumentato i costi del c

La corsa al rincaro delle spese gestionali dei conti correnti non si ferma: solo nel 2018 si è registrato un aumento medio di 7,5 Euro. Un’impennata fino al +30% non indifferente che è stata messa in luce da un report della Banca d’Italia. Secondo l’indagine condotta, mantenere i propri soldi in banca diventa di anno in anno sempre più oneroso. Nel mirino anche i conti correnti postali e soprattutto i conti correnti online.

Ecco le ragioni dell’aumento

Da quanto emerso nell’indagine economica, gli istituti di credito sono corsi ai ripari per coprire i costi dei cd. tassi negativi, i quali hanno eroso in maniera preoccupante la loro redditività. Ma le motivazioni dei rincari si spingono anche oltre, fino a raggiungere la compensazione dei costi sostenuti dalle banche per il salvataggio di altri istituti in difficoltà. L’esito di queste ragioni è piuttosto nefasto per i correntisti anche online, i quali avrebbero visto lievitare i propri costi di gestione anche del 30% annuo.

I nomi delle banche che hanno aumentato le spese del conto corrente

Le segnalazioni sui rincari delle spese di gestione del conto corrente, in verità, hanno iniziato a diventare più insistenti nel 2016. Dall’autunno di quell’anno molte banche, in difformità rispetto a quanto disposto dal Testo Unico Bancario, avevano aumentato i tassi delle spese di gestione applicabili all’offerta dei loro conti correnti con motivazioni piuttosto generiche. Tra i nomi di tali istituti di credito figuravano BPM, Intesa San Paolo e Deutsche Bank.

Oggi, il novero delle banche che ha aumentato i costi di gestione del conto corrente si è espanso. A questi tre nomi, infatti, vanno aggiunti:

Banco BPM S.p.A.
BPER Banca
Credito Valtellinese
Banca Popolare di Sondrio.

Secondo le stime degli aumenti per i conti deposito entro il 2021 ci saranno ulteriori rincari che andranno dall’1% fino al 16%.

Aumenti anche per i conti correnti online

L’Economia del Corriere della Sera e altri siti come www.contocorrentezerospese.net è stata molto chiara nel riportare l’entità degli aumenti di alcuni conti correnti. L’analisi mostra un tangibile aumento, così sintetizzabile:

gli utenti single, che prima pagavano mediamente 74,00 € l’anno, adesso pagano circa 91,00 € con un +22.77%

le coppie che per il proprio conto pagavano circa 106,00 €, adesso ne pagano 129,00 € con un +22,14%

le famiglie sono passate da un costo di 123,00 € annuo a 150,00 € con un +22,96%

A questo va aggiunto che i costi di gestione più cari provengono dalle operazioni compiute allo sportello. Si sottolinea, inoltre, che le tasse per l’uso delle carte di debito sono aumentate complessivamente del 468% in questi ultimi anni.

Ma il vero balzo in su proviene proprio dalle banche online, le quali dal conto corrente a costo nullo sono passate all’applicazione dei primi canoni mensili. Fineco, ad esempio, dal 1° Febbraio passerà dal suo conto zero al canone mensile di 3,95 €. Altre rilevazioni ci dicono che per un conto online:

un single paga mediamente il +28,85%, rispetto un anno fa

una coppia il +32,93%,

una famiglia il +26,97%.

L’era del vantaggio dell’apertura di un conto web sembra, dunque, essersi conclusa. Tuttavia nomi come Widiba e Banca Sella sembrano resistere ancora, attenderemo nuovi risvolti.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere