Economia e Lavoro > Finanza

Rincari dei Conti Correnti degli ultimi mesi: quali sono le Banche che hanno aumentato i costi del c

La corsa al rincaro delle spese gestionali dei conti correnti non si ferma: solo nel 2018 si è registrato un aumento medio di 7,5 Euro. Un’impennata fino al +30% non indifferente che è stata messa in luce da un report della Banca d’Italia. Secondo l’indagine condotta, mantenere i propri soldi in banca diventa di anno in anno sempre più oneroso. Nel mirino anche i conti correnti postali e soprattutto i conti correnti online.

Ecco le ragioni dell’aumento

Da quanto emerso nell’indagine economica, gli istituti di credito sono corsi ai ripari per coprire i costi dei cd. tassi negativi, i quali hanno eroso in maniera preoccupante la loro redditività. Ma le motivazioni dei rincari si spingono anche oltre, fino a raggiungere la compensazione dei costi sostenuti dalle banche per il salvataggio di altri istituti in difficoltà. L’esito di queste ragioni è piuttosto nefasto per i correntisti anche online, i quali avrebbero visto lievitare i propri costi di gestione anche del 30% annuo.

I nomi delle banche che hanno aumentato le spese del conto corrente

Le segnalazioni sui rincari delle spese di gestione del conto corrente, in verità, hanno iniziato a diventare più insistenti nel 2016. Dall’autunno di quell’anno molte banche, in difformità rispetto a quanto disposto dal Testo Unico Bancario, avevano aumentato i tassi delle spese di gestione applicabili all’offerta dei loro conti correnti con motivazioni piuttosto generiche. Tra i nomi di tali istituti di credito figuravano BPM, Intesa San Paolo e Deutsche Bank.

Oggi, il novero delle banche che ha aumentato i costi di gestione del conto corrente si è espanso. A questi tre nomi, infatti, vanno aggiunti:

Banco BPM S.p.A.
BPER Banca
Credito Valtellinese
Banca Popolare di Sondrio.

Secondo le stime degli aumenti per i conti deposito entro il 2021 ci saranno ulteriori rincari che andranno dall’1% fino al 16%.

Aumenti anche per i conti correnti online

L’Economia del Corriere della Sera e altri siti come www.contocorrentezerospese.net è stata molto chiara nel riportare l’entità degli aumenti di alcuni conti correnti. L’analisi mostra un tangibile aumento, così sintetizzabile:

gli utenti single, che prima pagavano mediamente 74,00 € l’anno, adesso pagano circa 91,00 € con un +22.77%

le coppie che per il proprio conto pagavano circa 106,00 €, adesso ne pagano 129,00 € con un +22,14%

le famiglie sono passate da un costo di 123,00 € annuo a 150,00 € con un +22,96%

A questo va aggiunto che i costi di gestione più cari provengono dalle operazioni compiute allo sportello. Si sottolinea, inoltre, che le tasse per l’uso delle carte di debito sono aumentate complessivamente del 468% in questi ultimi anni.

Ma il vero balzo in su proviene proprio dalle banche online, le quali dal conto corrente a costo nullo sono passate all’applicazione dei primi canoni mensili. Fineco, ad esempio, dal 1° Febbraio passerà dal suo conto zero al canone mensile di 3,95 €. Altre rilevazioni ci dicono che per un conto online:

un single paga mediamente il +28,85%, rispetto un anno fa

una coppia il +32,93%,

una famiglia il +26,97%.

L’era del vantaggio dell’apertura di un conto web sembra, dunque, essersi conclusa. Tuttavia nomi come Widiba e Banca Sella sembrano resistere ancora, attenderemo nuovi risvolti.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Debito (ancora) per finanziare la ripresa: per l'Italia la ricetta è già scritta

Non bastasse l'enorme debito che già grava sul bilancio del Paese, l'emergenza pandemia ci costringerà a farne altro

Già prima che scoppiasse l'emergenza coronavirus in tutta la sua gravità, l'economia italiana aveva i suoi grossi problemi.
Con la pandemia le cose sono peggiorate, e ci aspetta una durissima recessione.
Il modo con cui il Paese prova ad affrontarl, è l'unico disponibile: fare debito.
L'Italia e il ricorso al debito Sia chiaro, non sarà una prerogativa dell'Italia.
Tutti i paesi dovranno indebitarsi per finanziare la ripresa.
Quello che però preo [...]

Continua a leggere

Economia, cicli e la lezione che dovremo imparare dalla crisi da pandemia

La diffusione del coronavirus ha fatto da innesco, ma la situazione grave dei mercati covava già da tempo

La vita economica di un Paese si muove secondo cicli, che durante la fase di espansione sono virtuosi, ma prima o poi imboccano la via dell'avvitamento su se stessi.
Come una macchina che corre avanti ma poi dopo rallenta e mette la marcia indietro.
Il coronavirus ha reso questo processo di ritirata molto più rapido, più accelerato.
Dopo una corsa spedita negli ultimi anni, ha fatto tirare il freno a mano bruciando le gomme e sballottando i passe [...]

Continua a leggere

Consulenti finanziari costretti a cambiare ruolo per i clienti: più psicologi che esperti

Il panico da coronavirus ha imposto un necessario cambiamento nell'approccio con il risparmiatore

La crisi innescata dal coronavirus ha portato i consulenti finanziari ad una diversa interpretazione del proprio ruolo.
Mai prima d'ora avevano dovuto svolgere le funzioni di veri e propri psicologi rispetto ai propri clienti.
Questo vale sia per gli indipendenti che per quelli al servizo di banche e grandi istituzioni finanziarie.
Una veste nuova per i consulenti finanziari Bisogna considerare la base di partenza di questa nuova necessità.
I ris [...]

Continua a leggere