Economia e Lavoro > Finanza

Risparmio gestito, l'Italia conferma un trend in crescita

Nel primo trimestre del 2019 la raccolta ha toccato nuovo massimo storico a 2.161 miliardi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma se si presenta l'occasione di investire preferiscono affidarsi ai professionisti del settore. E' questo il quadro che emerge dall'ultima indagine di Assogestioni, che ha evidenziato un nuovo record assoluto di raccolta per il risparmio gestito.

Risparmio gestito, gli ultimi report

Secondo gli ultimi dati infatti, alla fine del mese di marzo il risparmio gestito italiano è giunto a 2.161 miliardi di euro. Alla fine di dicembre 2018 la cifra era di 2.017 miliardi di euro. La raccolta netta del primo trimestre di quest'anno è stata pari a 55,76 miliardi di euro, mentre la raccolta complessiva netta di sistema è stata pari a 55,53 miliardi di euro. Da segnalare che il risultato è influenzato dall’operazione straordinaria avvenuta lo scorso mese di gennaio, quando nel perimetro delle rilevazioni di Assogestioni è entrato anche SGR di Poste Italiane, che ha così portato "in dote" un volume di 53 miliardi di euro.

Riguardo alla singole categorie dei fondi comuni, il risultato migliore lo hanno avuto quelli obbligazionari, saliti di 2,21 miliardi. A incidere in modo forte è stata la minore preoccupazione relativa al potenziale rialzo dei tassi di interesse. Bene anche i prodotti di liquidità, che hanno ottenuto un incremento di 1,43 miliardi di euro. Bene anche i bilanciati, + 567 milioni. Sul versante negativo invece ci sono i fondi comuni sui trend degli azionari (-1,7 miliardi di euro) e dei flessibili (- 2,8 miliardi di euro).

I dati delle singole SGR

Per quanto riguarda i risultati delle singole SGR (società gestione risparmio), in vetta alla classifica migliori piattaforme di trading online c'è il gruppo Generali con masse per 487,99 miliardi di euro, e raccolta netta positiva per 3,11 miliardi. Negativo il saldo di Intesa Sanpaolo, - 3,55 miliardi di euro a 393,71 miliardi di euro di asset. Tra i principali operatori male anche Amundi (- 4,41 miliardi di euro a 189,22 miliardi di euro). tra gli stranieri, Morgan Stanley cresce di 936 milioni di euro, JP Morgan di 349 milioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Erronea segnalazione alla centrale dei rischi della Banca d'Italia

Cosa fare per risolvere e accedere nuovamente al credito

Tutti sanno che la centrale dei rischi della Banca d'Italia ha il compito di acquisire e fornire le informazioni relative alle posizioni debitorie e rischi creditizi di coloro i quali ti chiedono di accedere al credito.
Questo è dunque un enorme sistema che racchiude tutte quelle informazioni relative ai rapporti tra gli enti finanziari e i propri clienti.
Tale scambio di informazioni, tra gli intermediari e la Banca Centrale d'Italia, avviene su [...]

Continua a leggere

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere