Economia e Lavoro > Finanza

Risparmio gestito, l'Italia conferma un trend in crescita

Nel primo trimestre del 2019 la raccolta ha toccato nuovo massimo storico a 2.161 miliardi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma se si presenta l'occasione di investire preferiscono affidarsi ai professionisti del settore. E' questo il quadro che emerge dall'ultima indagine di Assogestioni, che ha evidenziato un nuovo record assoluto di raccolta per il risparmio gestito.

Risparmio gestito, gli ultimi report

Secondo gli ultimi dati infatti, alla fine del mese di marzo il risparmio gestito italiano è giunto a 2.161 miliardi di euro. Alla fine di dicembre 2018 la cifra era di 2.017 miliardi di euro. La raccolta netta del primo trimestre di quest'anno è stata pari a 55,76 miliardi di euro, mentre la raccolta complessiva netta di sistema è stata pari a 55,53 miliardi di euro. Da segnalare che il risultato è influenzato dall’operazione straordinaria avvenuta lo scorso mese di gennaio, quando nel perimetro delle rilevazioni di Assogestioni è entrato anche SGR di Poste Italiane, che ha così portato "in dote" un volume di 53 miliardi di euro.

Riguardo alla singole categorie dei fondi comuni, il risultato migliore lo hanno avuto quelli obbligazionari, saliti di 2,21 miliardi. A incidere in modo forte è stata la minore preoccupazione relativa al potenziale rialzo dei tassi di interesse. Bene anche i prodotti di liquidità, che hanno ottenuto un incremento di 1,43 miliardi di euro. Bene anche i bilanciati, + 567 milioni. Sul versante negativo invece ci sono i fondi comuni sui trend degli azionari (-1,7 miliardi di euro) e dei flessibili (- 2,8 miliardi di euro).

I dati delle singole SGR

Per quanto riguarda i risultati delle singole SGR (società gestione risparmio), in vetta alla classifica migliori piattaforme di trading online c'è il gruppo Generali con masse per 487,99 miliardi di euro, e raccolta netta positiva per 3,11 miliardi. Negativo il saldo di Intesa Sanpaolo, - 3,55 miliardi di euro a 393,71 miliardi di euro di asset. Tra i principali operatori male anche Amundi (- 4,41 miliardi di euro a 189,22 miliardi di euro). tra gli stranieri, Morgan Stanley cresce di 936 milioni di euro, JP Morgan di 349 milioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Valute digitali, UE e Fisco italiano non sono d'accordo su come tassarle

La legge italiana è ancora molto lacunosa riguardo al trattamento fiscale delle crypto-plusvalenze

Quando il mondo della finanza apre a nuovi strumenti, anche il Fisco si muove per capire se e come applicare imposte e tasse.
Non c'è dubbio che nell'ultimo anno mezzo, l'elemento nuovo nel panorama finanziario siano state le valute digitali.
Ma se uno decidesse di investire in quest ambito e ottenesse un guadagno, va tassato? Le "non" valute digitali Bisogna sottolineare subito che il quadro normativo in Italia è zeppo di lacune e incertezze, pr [...]

Continua a leggere

La piattaforma cloud - L’innovazione che porta commercialista e cliente in un solo gestionale

La piattaforma cloud commercialista è la soluzione gestionale che mette in condivisione i dati tra l’azienda e il commercialista – Sai come funziona?

Con la piattaforma cloud commercialista rivoluzioni il tuo rapporto con il commercialista, perché ti consente di dedicare maggior tempo al tuo business e lasciare al commercialista tutte le noie amministrative L’obbligo della fatturazione elettronica ha dato l’avvio ad un’opera di aggiornamento di tutta l’attività contabile dell’impresa e, con la piattaforma in cloud, puoi fare un ulteriore balzo in avanti, perché la piattaforma in cloud consente [...]

Continua a leggere

Oro di Banca di Italia, Come Sono State Accumulate le Riserve Auree Italiane

Le riserve d'oro italiane ammontano a circa 2450 tonnellate di lingotti d'oro, una quantità che pone l'italia ad essere il quarto paese al mondo per quantità d'oro

Oro di Bankitalia, alla fine della seconda guerra mondiale poteva contare solo su poche decine di tonnellate di lingotti, una quantità che toccò i minimi storici a causa delle spese dello sforzo bellico e di alcune confische che i tedeschi fecero dopo la firma dell'armistizio.
Da questo si evince che la stragrande maggioranza delle attuali 2450 tonnellate di oro sono state accumulate dal dopoguerra ad oggi.
Nell'attuale situazione in cui versa l' [...]

Continua a leggere