Scienza e Tecnologie

Rotoli per POS e scontrini: i migliori sono quelli che non sbiadiscono mai

Esiste una carta termica speciale che garantisce la stampa fino a 15 anni

Prima di vedere come riconoscere i migliori rotoli per POS, è bene spendere qualche parola per capire cosa sono, e a cosa servono, questi rotoli di carta.

Cosa sono i rotoli per POS e scontrini

I rotoli per POS sono rotoli di carta termica usati per stampare gli scontrini degli acquisti eseguiti con bancomat e carte di credito. Dietro a questo piccolo dispositivo che emette ricevute, c'è una tecnologia che merita qualche spiegazione. I rotoli termici su un lato sono semi-lucidi, poiché, durante il processo di lavorazione, vengono coperti con un'emulsione costituita da due elementi: il colorante e la sostanza reattiva, entrambi indispensabili per poter stampare sul supporto di carta. In pratica, quando il dispositivo riceve il comando di stampa, la testina interna si surriscalda, sfiora la carta e provoca, quindi, la reazione fra colorante e reattivo. Il principio di funzionamento, anche se assai semplificato, è proprio questo.

Rotoli di carta certificata FSC: una mano all’ambiente

In Italia non esistono molte aziende specializzate nella produzione di rotoli termici. Le poche disponibili hanno dotato, ormai da tempo, carta eco-compatibile, contrassegnata dalla certificazione FSC. Questo assicura una particolare attenzione per la sostenibilità ambientale, tema sempre più attuale e urgente. L'acronimo FSC significa Forest Stewardship Council, una ONG internazionale, senza scopo di lucro, attiva nell'opera di tutela del patrimonio mondiale di foreste. Il logo FSC presente sulla carta, quindi, garantisce che la materia prima proviene da foreste controllate e rispettate.

Rotoli per POS e scontrini BPA free

Oltre alla carta, un'altra componente a lungo fondamentale per la carta termica era il bisfenolo A, spesso abbreviato con la sigla BPA. Il bisfenolo A è un composto organico usato come colorante per scontrini e altri supporti in carta termica. Negli ultimi anni il dibattito sul BPA è stato intenso, fino a sfociare nella decisione dell'Unione Europea di proibirne l'impiego nella carta termica a partire da gennaio di quest'anno.

Questa decisione è arrivata dopo che diverse ricerche mediche avevano evidenziato potenziali rischi per la salute, in caso di esposizione prolungato delle persone a questa sostanza - rischi di aritmia, cancro alla prostata e alla mammella e incidenza negativa su diabete e cardiopatie sembrano i rischi più gravi individuati dagli studi scientifici.

Ecco perché, già da anni, le aziende specializzate nella produzione di carta termica hanno eliminato il BPA, per adottare nuove tecnologie che consentissero la stampa di scontrini e altri supporti senza l'uso di composti chimici pericolosi per la salute.

Rotoli per POS e scontrini che non sbiadiscono

Ma qual è il problema più diffuso da chi conserva gli scontrini? Esatto. Spesso, quel che è stampato sulla carta sbiadisce nel tempo, fino a diventare illeggibile Magari, avevi tenuto lo scontrino come garanzia del prodotto acquistato o per inserirlo nella prossima dichiarazione dei redditi per avere diritto a qualche detrazione fiscale.

Per fortuna, ci sono imprese che hanno saputo ovviare a questo problema. Una di queste è italiana e si chiama Errebi - Rotolificio Bergamasco. Questa azienda ha ideato una carta termica di lunga durata, ideale anche per l'uso nei registratori di cassa e, quindi, anche per gli scontrini. Questa carta super-resistente si chiama Sicur e assicura di conservare intatta la stampa dello scontrino per almeno 15 anni, senza alcun rischio di sbiadire.

Oltre a questo vantaggio, di per sé non banale, questo tipo di carta termica ti solleva dal buon uso di fotocopiare gli scontrini e le ricevute fiscali che vuoi conservare. Tutto questo, quindi, si traduce in un risparmio di carta, tempo, energia e inchiostro, a tutto vantaggio tuo e dell'ambiente. Non trovi che sia una bella invenzione?


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere