Economia e Lavoro

Scaffalatura industriale: come scegliere quella giusta

La scelta del giusto scaffale è una delle priorità per una buona logistica, ma non sempre siamo di fronte a una decisione semplice.

Tra i fattori da prendere in considerazione per la giusta scelta della scaffalatura industriale ci sono la sicurezza e la portata richiesta.

 

Vediamo insieme alcuni degli elementi chiave da tenere in considerazione.

 

A ogni merce il suo supporto

Sembra banale, ma nella scelta della scaffalatura industriale adeguata, il primo elemento da considerare è la merce che questa dovrà supportare. Nel caso di carichi di grande dimensione e peso ci si dovrà dotare di una scaffalatura apposita e non di una comune.

 

Nel caso di prodotti pallettizzati il carico supportato dagli scaffali dovrà essere ancora maggiore per consentire la giusta movimentazione e il giusto supporto.

 

Se ci troviamo di fronte a merce che necessita di essere conservata all’interno di celle frigorifere, o comunque in ambienti umidi e a temperature inferiori, la scaffalatura dovrà seguire le giuste norme igieniche del settore.

 

Uno sguardo al magazzino

Come sappiamo, le attività di movimentazione e stoccaggio vengono effettuate all’interno del magazzino. Per questo motivo quando scegliamo la scaffalatura dobbiamo tenere in considerazione le caratteristiche del magazzino, come la sua capacità a livello di spazio e le sue condizioni ambientali.

 

In base alle capacità del nostro magazzino sapremo indicare lo spazio a disposizione adibito alla scaffalatura e saperci muovere di conseguenza nella scelta di quella più adatta a noi.

 

I mezzi utilizzati

Un altro fattore che non deve passare inosservato è senza dubbio la tipologia di mezzo che viene utilizzato all’interno del magazzino per l’attività di movimentazione e stoccaggio. Tra questi:

 

  • Carrello elevatore
  • Carrello trilaterale
  • Transpallet elettrico

 

È chiaro che a seconda del mezzo utilizzato la scaffalatura dovrà essere differente. Prima di tutto occorre considerare che ogni attività deve essere compiuta nella più totale sicurezza, quindi dovranno essere considerati spazi di manovra e movimenti sicuri e rapidi per lo spostamento dei carichi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Lavorare come Investigatore

I passaggi per diventare investigatore privato

Se sei qui, è perché ti stai chiedendo come diventare un Investigatore Privato , ecco le risposte che cercavi.
Come in tutti i settori lavorativi, bisogna aver compiuto un percorso specifico di studi per diventare un detective, oltre che aver ottenuto una licenza che ti autorizzi ad eseguire indagini per conto di clienti privati.
Di seguito i passaggi necessari per diventare un Investigatore Privato Roma.
  I passaggi per diventare investigatore [...]

Continua a leggere

Aria compressa: piccola azienda, grande spesa

Sembra paradossale, ma quando si parla di aria compressa spesso le piccole aziende spendono molto di più di quelle di grande dimensione. Perchè? E soprattutto: si può cambiare rotta?

La situazione nel nostro Paese Molte aziende ancora oggi devono fare i conti con bollette davvero onerose.
Sebbene infatti il tessuto economico del nostro Paese sia formato perlopiù da imprese di piccole dimensioni, non possiamo dire che i loro consumi rispecchino le loro dimensioni.
Non solo: sembra che oltre il 50% dei loro consumi sia rappresentanto dall’elettricità.
Una spesa senz’altro elevata e che in proporzione supera quello relativo alle [...]

Continua a leggere

Il lavoro di un Investigatore Privato?

In cosa consiste...

In cosa consiste il lavoro di un Investigatore Privato? Oggi andremo a vedere di cosa si occupa un’investigatore Privato e come svolge la sua professione, un’investigatore privato è colui che si mette a disposizione di un privato o di un’azienda per risolvere dubbi che possono essere l’infedeltà del proprio partner, il bullismo od il contro giovani, per quanto riguarda l’ambito del privato mentre i servizi svolti per le aziende sono molteplici co [...]

Continua a leggere