Scienza e Tecnologie

Scale mobili vs. ascensori: qual è l’impianto più efficiente?

In diversi contesti pubblici si possono incontrare simultaneamente due tipi di impianti destinati al trasporto verticale delle persone: gli ascensori da una parte, e le scale mobili dall’altra.

Ognuno può avere le sue preferenze personali nei confronti dell’uno o dell’altro impianto, ma a livello gestionale qual è il sistema di trasporto più efficiente per fare in modo che le persone possano arrivare comodamente dal punto A al punto B nel più breve tempo possibile?

La risposta è “dipende” e varia in funzione non solo del preciso contesto di utilizzo, ma anche dei flussi di passeggeri presenti in loco. Iniziamo dai pro e dai contro degli ascensori tradizionali: questi impianti sono apprezzati per i notevoli dislivelli verticali che riescono a superare (anche dell’ordine di grandezza delle decine di piani), ma presentano lo svantaggio di funzionare in modo discontinuo.

Ciò significa che, inevitabilmente, un ascensore farà dei viaggi a vuoto e costringerà delle persone ad aspettare il proprio turno per potervi salire a bordo, con spreco di tempo e di energia. Ciò invece non accade con le efficienti scale mobili, che presentano l’indubbio vantaggio di funzionare a ciclo continuo e di trasportare le persone senza alcun tempo morto; ecco che dunque questi impianti si candidano come sistemi di movimentazione numero uno quando i flussi di utenti sono continui e di notevole entità. Ciò avviene, ad esempio, in luoghi affollati come stazioni della metropolitana e aeroporti.

Quanto alle questioni del risparmio energetico, si ricorda che esistono scale mobili dotate di sistemi di arresto automatici che si azionano quando non c’è nessuno a bordo. Tuttavia le scale mobili presentano lo svantaggio di non poter competere con gli ascensori in termini di dislivello massimo superabile, dal momento che la maggior parte dei modelli arriva a circa una decina di metri massimi di scarto verticale.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere