Cucina > Cibi

Scaloppine al vino bianco

Capita spesso di doversi preparare un pasto al volo per non far tardi ai nostri impegni quotidiani. Non sempre, però, è necessario sacrificare gusto e nutrimento per sbrigarci velocemente in cucina. Ci sono pietanze, infatti, che pur richiedendo poco tempo nella preparazione, assicurano un ottimo sapore e la giusta alimentazione.

Le scaloppine al vino bianco sono sicuramente un ottimo esempio tra i secondi piatti: questa semplice e gustosa portata sarà pronta in appena dieci minuti, lasciandosi preannunciare anche da un ottimo profumo durante la preparazione.

Originaria della cucina milanese, la ricetta delle scaloppine al vino è ormai molto diffusa in tutta Italia, magari con qualche piccola variante. Nella sua versione originale lombarda, il prezzemolo tritato la fa da padrone, come accompagnamento della fettina opportunamente infarinata.

Il vino bianco regala a questa portata sapore e prestigio; per sfumare le scaloppine, il vino ideale è un bianco secco, ad esempio:
• un Soave;
• un Pinot;
In alcune parti d'Italia c'è chi preferisce utilizzare del marsala, per ottenere un effetto più dolce.

Perfette per i nostri pasti di ogni giorno, le scaloppine al vino rappresentano comunque una soluzione perfetta anche per delle cene organizzate. Inoltre, il suo sapore semplice ma accattivante fa risultare questo piatto molto gradito anche da ragazzi e bambini.

La carne più indicata per la preparazione di questa portata è sicuramente quella di vitello, ma anche dei leggeri petti di pollo si prestano perfettamente a questa ricetta; un pizzico di limone conferirà un piacevole accento aspro al nostro piatto. Abbastanza diffuso nelle cucine di tutta Italia è anche l'utilizzo di fettine di maiale.

Il contorno indicato per questa pietanza può essere tranquillamente rappresentato da una porzione di patate al forno. Anche un vellutato purè può fare degnamente da accompagnamento, mentre delle verdure grigliate si legheranno perfettamente al sapore delle nostre scaloppine, assicurando il giusto apporto di vitamine senza eccedere in calorie.

Questa semplice ricetta si presta, poi, alle interpretazioni personali dello chef che è in ognuno di noi. Perché non provarle, ad esempio, con un esotico contorno di zucchine speziate al curry? Una varietà mediamente piccante di questa spezia indiana conferirà un inaspettato carattere al nostro piatto.

Semplice, veloce, delizioso: le scaloppine al vino sono una portata perfetta per ogni occasione.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il rito del brunch

Il brunch è una moda sempre più presente nella cultura italiana, già a partire da qualche anno.

E’ un rito riservato al week-end, quando lontani dalle preoccupazioni della settimana lavorativa, ci si concedono ritmi più rilassati alzandosi più tardi e consumando un pasto unico a mattinata inoltrata che sazia fino alla cena.
  Le origini e la diffusione del nuovo pasto Il termine brunch è un neologismo che deriva dalla fusione delle parole inglesi breakfast e lunch, ovvero colazione e pranzo.
Le radici concettuali del termine risalgono alla [...]

Continua a leggere

Un viaggio fra i sapori della Sardegna

La Sardegna è un’isola ricca di storia e cultura.

Chi ha avuto la fortuna di conoscere questa terra spettacolare ricca di paesaggi mozzafiato, sa anche che la Sardegna offre una quantità di piatti e bevande eccellenti.
Andiamo a scoprire alcuni dei cibi più gustosi e rinomati della tradizione sarda: La fregola, che in sardo vuol dire mollica di pane, è una pasta secca a forma di palline.
Si può condire in molti modi, ma sicuramente la ricetta migliore è quella con le telline e lo zafferano che s [...]

Continua a leggere

Spaghetti cacio e pepe

Origini ed evoluzione di una ricetta senza tempo

La nascita della ricetta degli spaghetti cacio e pepe affonda nella tradizione contadina e pastorale della campagna romana, quando i pastori impegnati nella transumanza usavano portarsi dietro dei semplici ingredienti a lunga conservazione e fonte di energia per ristorarsi e riscaldarsi dopo una lunga giornata di cammino con il bestiame.
Assieme a carbonara, gricia e amatriciana costituisce i primi piatti tipici della gastronomia romana, passando [...]

Continua a leggere