Economia e Lavoro > Marketing

Scegliere i colori per la campagna marketing

Pubblicità colorata

In pubblicità, soprattutto ai giorni nostri in cui è presente ovunque martellante e invadente, è necessario riuscire ad attirare l'occhio del cliente e il suo interesse. Non è impresa facile, proprio perchè siamo continuamente distratti da messaggi pubblicitari e per questo motivo la soglia d'attenzione è spesso bassa in questo senso. Le immagini, più delle parole, riescono a colpire. Per questo motivo è importante scegliere colori, anche per il testo, che riescano a catturare l'occhio.

Come scegliere un colore da marketing
Innanzitutto il colore del logo, del testo o del disegno deve riportare, idealmente, a ciò che si sta pubblicizzando. La memoria umana opera anche per immagini ed è fondamentale che l'impatto visivo si connetta con l'intenzione di marketing. Una volta scelta la base bisognerà cercare una variazione sul tema abbastanza originale ed interessante da potersi distinguere tra tutte le altre proposte. Se si sceglie un verde, per esempio, per pubblicizzare servizi ecologici o di energia alternativa, considerando tutte le campagne già presenti sul mercato che hanno utilizzato lo stesso colore, bisognerà trovare una sfumatura adatta allo scopo ma non già vista. Anche gli abbinamenti sono importanti e hanno il loro peso. Utilizzare due tonalità dello stesso colore, molto in contrasto tra loro, ad esempio chiarissimo e scurissimo, può creare un effetto piacevole ed esteticamente bello, in modo da fissarsi facilmente nella memoria delle persone. Evitare di utilizzare lo stesso colore per disegno e testo: le parole è bene che spicchino, che si distinguano nettamente dal logo o dal disegno. Evitare anche troppe decorazioni: una campagna marketing punta ad essere ricordata. L'oggetto o il servizio da comprare dovrà tornare in mente al pubblico nel momento in cui lo cercherà. Più semplice, chiara e pulita sarà l'immagine e meglio sarà ricordata in seguito. Quindi l'obiettivo deve essere: un disegno semplice ed originale, una frase dal font ben leggibile e colori brillanti, poco comuni ma coerenti col prodotto da pubblicizzare.

Gli abbinamenti
Il monocolore, nel marketing, non è la scelta d'eccellenza perchè tende a rimanere piuttosto anonimo ed a passare inosservato. Meglio abbinare due o tre colori, non di più, possibilmente in forte contrasto tra loro, per creare ""rumore visivo"". E' consigliato utilizzare per i disegni un solo colore in due diverse sfumature e per il testo una tinta completamente diversa ed in netto contrasto col colore dell'immagine. I colori devono essere sempre decisi e brillanti, anche se si sceglie una tonalità pastello o molto chiara. Cercare sempre di mantenere un buon equilibrio estetico, senza perdere di vista le funzionalità di marketing, non trascurare la piacevolezza del lavoro finito.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Articoli promozionali: il valore aggiunto delle shopper personalizzate

Tra gli articoli promozionali, le shopper personalizzate sono tra i prodotti migliori per unire utilità e capacità di esposizione del brand.

La prima regola degli articoli promozionali è: “L’utilità crea visibilità”.
Infatti, se un gadget promozionale risulta utile, viene usato spesso e, se viene usato spesso, dà maggiore visibilità al logo dell’azienda.
Ecco perché è importante lo studio dell’articolo giusto.
  Per chi è in difficoltà a trovare una soluzione che garantisca questa qualità, un’opzione sempre valida è data dalle shopper personalizzate.
Proprio così, delle semplici borse [...]

Continua a leggere

Strategie di marketing sul colore

Nel grande capitolo della 'brend identity strategy', cioè la creazione di un mood importante attorno al proprio marchio, alla propria persona, identità commerciale, il colore ha una sua importanza da non sottovalutare.
Un'identità costruita nei dettagli Nella società dell'E-commerce 2.0, nel quale i clienti mostrano scrupoli diversi rispetto al passato, il valore della 'brend identity strategy' assume i connotati di una ricerca specifica al fine [...]

Continua a leggere

Viaggi bleisure: fanno bene ad aziende e dipendenti

C’è una nuova forma di viaggio lavorativo che sta interessando sempre più aziende: il viaggio bleisure. A metà tra un viaggio di lavoro e uno di piacere, piace ai dipendenti e fa bene alle imprese.

Per chi conduce una vita lavorativa sedentaria, viaggiare per lavoro è considerato un vantaggio, un plus che porterebbe addirittura 3 impiegati su 10 ad accettare un compenso più basso a fronte di una maggiore possibilità di viaggiare.
Molte aziende oggi hanno capito l’importanza del viaggio, non solo come strategia incentive e legata a qualche premio di produzione annuale.
Incoraggiare i viaggi bleisure (neologismo che unisce le parole business [...]

Continua a leggere