Economia e Lavoro > Marketing

Scegliere i colori per la campagna marketing

Pubblicità colorata

In pubblicità, soprattutto ai giorni nostri in cui è presente ovunque martellante e invadente, è necessario riuscire ad attirare l'occhio del cliente e il suo interesse. Non è impresa facile, proprio perchè siamo continuamente distratti da messaggi pubblicitari e per questo motivo la soglia d'attenzione è spesso bassa in questo senso. Le immagini, più delle parole, riescono a colpire. Per questo motivo è importante scegliere colori, anche per il testo, che riescano a catturare l'occhio.

Come scegliere un colore da marketing
Innanzitutto il colore del logo, del testo o del disegno deve riportare, idealmente, a ciò che si sta pubblicizzando. La memoria umana opera anche per immagini ed è fondamentale che l'impatto visivo si connetta con l'intenzione di marketing. Una volta scelta la base bisognerà cercare una variazione sul tema abbastanza originale ed interessante da potersi distinguere tra tutte le altre proposte. Se si sceglie un verde, per esempio, per pubblicizzare servizi ecologici o di energia alternativa, considerando tutte le campagne già presenti sul mercato che hanno utilizzato lo stesso colore, bisognerà trovare una sfumatura adatta allo scopo ma non già vista. Anche gli abbinamenti sono importanti e hanno il loro peso. Utilizzare due tonalità dello stesso colore, molto in contrasto tra loro, ad esempio chiarissimo e scurissimo, può creare un effetto piacevole ed esteticamente bello, in modo da fissarsi facilmente nella memoria delle persone. Evitare di utilizzare lo stesso colore per disegno e testo: le parole è bene che spicchino, che si distinguano nettamente dal logo o dal disegno. Evitare anche troppe decorazioni: una campagna marketing punta ad essere ricordata. L'oggetto o il servizio da comprare dovrà tornare in mente al pubblico nel momento in cui lo cercherà. Più semplice, chiara e pulita sarà l'immagine e meglio sarà ricordata in seguito. Quindi l'obiettivo deve essere: un disegno semplice ed originale, una frase dal font ben leggibile e colori brillanti, poco comuni ma coerenti col prodotto da pubblicizzare.

Gli abbinamenti
Il monocolore, nel marketing, non è la scelta d'eccellenza perchè tende a rimanere piuttosto anonimo ed a passare inosservato. Meglio abbinare due o tre colori, non di più, possibilmente in forte contrasto tra loro, per creare ""rumore visivo"". E' consigliato utilizzare per i disegni un solo colore in due diverse sfumature e per il testo una tinta completamente diversa ed in netto contrasto col colore dell'immagine. I colori devono essere sempre decisi e brillanti, anche se si sceglie una tonalità pastello o molto chiara. Cercare sempre di mantenere un buon equilibrio estetico, senza perdere di vista le funzionalità di marketing, non trascurare la piacevolezza del lavoro finito.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La produzione di accappatoi per l'azienda di alta qualità

Parlando della produzione di accappatoi per un'azienda di qualità potrebbe, certamente, scaturire un sorriso.
Del resto, perché a un'azienda di alta qualità servirebbero degli accappatoi? Eppure, per promuovere la propria azienda e fornirle una grande visibilità non c'è metodo migliore.
Ecco perché.
Accappatoi per l'azienda: davvero servono? Gli accappatoi, come anche molti altri oggetti, possono risultare ottimi per pubblicizzare un marchio, un [...]

Continua a leggere

Spille personalizzate per il marketing: come sfruttarle

Le spille personalizzate rappresentano un accessorio di stile per caratterizzare il proprio look ma possono anche essere una leva di marketing e merchandising.

La spilla è un accessorio antichissimo.
Si tratta di un elemento di abbellimento utilizzato, da sempre, a scopo ornamentale su giacche, bluse, camicie ma anche su tracolle, borse e zaini.
L’utilizzo di spille per caratterizzare il proprio look era in voga già nell’Antica Grecia e, in seguito, durante l’Impero Romano, quasi sempre con funzione decorativa.
D’altra parte, se l’utilizzo di fermagli è accreditato persino durante l’Età del Bronzo e il [...]

Continua a leggere

Il laccio per non perdere il badge

Il laccio porta badge, un accessorio indispensabile

Il laccio porta badge da collo è uno di quegli accessori la cui utilità spesso è data per scontata, almeno finché non ci si ritrova coinvolti in un evento affollato e caotico.
Tenere d'occhio i propri tesserini badge, evitando di perderli nella confusione, diventa in questi casi un'autentica impresa.
Alcuni utilizzano a questo proposito delle pinze o delle mollette per fissare i badge ai vestiti, ma soprattutto se c'è molta folla può capitare che [...]

Continua a leggere