Viaggi e Vacanze > Destinazione

Scoprire Santa Maria di Leuca, profondo Salento

Santa Maria di Leuca è il luogo ideale in cui trascorrere una vacanza diversa, fuori dagli schemi e immersi negli incanti di una dimensione magica e indimenticabile.

Prenotare un residence Santa Maria di Leuca e, da lì, partire alla volta di una delle terre più ricche e particolari del Belpaese. Un itinerario di viaggio fuori dagli schemi più convenzionali, per un soggiorno che non è mera villeggiatura in spiaggia ma, a chi sa guardare bene, molto di più.

La vera gente del sud

Terra aspra ma genuina, rude ma cordiale, selvaggia ma ospitale. Nessun ossimoro, Santa Maria di Leuca abbraccia i valori più autentici del vero Sud Italia, in essa convergono l’autenticità e l’apertura allo straniero, la voglia di accoglienza e la diffidenza, in un unico paradigma sociale.

Lì dove le acque si baciano

Ma, in particolare, Santa Maria di Leuca è e resta prima di tutto il nido dei due mari, il punto di incontro in cui le acque del Mare Adriatico e quelle dello Ionio si incontrano. Lì, dove le correnti si ritrovano faccia a faccia, le acque si squarciano a metà, mantenendo le rispettive posizioni fino all’orizzonte perdendosi nell’infinito. Il colpo d’occhio è eccezionale e assolutamente unico, la mattina presto si accende di riflessi, il panorama si concede con facilità e la sensazione è quella della natura che si rivela agli uomini in tutta la propria magica fascinazione.

Arte e storia

Leuca è anche terra di frontiera, sul cui tessuto urbano sono state scritte pagine di storia che si perdono fin nell’antichità. Essere finibus terrae in epoca Romana significava fare da argine ultimo contro le invasioni barbariche. Il faro di Leuca ne preserva la memoria, Poco meno di 50 metri di altezza e un secolo e mezzo di storia, infiniti significati per un elemento che non è solo funzionale ma anche vessillo identitario.

E poi le grotte scolpite nell’acqua e che cingono il profilo costiero, le Grotte del Diavolo, quelle di Levante e quelle di Ponente, roccia modellata dalle maree per secoli e ora eccellenze paesaggistiche imperdibili. La Torre dell’Omomorto, le ville ottocentesche che colorano la città, la Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae che, da ormai trecento anni, troneggia nella piazza principale.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

4 giorni a Barcellona

Tour di Barcellona in 4 giorni

GIORNO 1.
Gaudí Il primo giorno si prende una "Barcelona Card" e cosi si può iniziare la giornata.
La prima opzione da visitare ed da non perdersi assolutamente è l'imponente chiesa della Sagrada Familia.
Se ti servono dei consigli per la visita turistica, puoi farlo presso lo stand delle informazioni turistiche.
La seconda opzione è una passeggiata fino al vicino quartiere di Gràcia, dove è possibile pranzare in una delle sue piazze meravigliose [...]

Continua a leggere

Castel del Monte

Castel del Monte è uno dei tanti castelli costruiti nel sud Italia nel XIII secolo da Federico II, imperatore del Sacro Romano Impero.
È considerato il più grande dei suoi castelli ed è un sito patrimonio mondiale dell'UNESCO.  Come raggiungere Castel del Monte con i mezzi pubblici La città più vicina a Castel del Monte è Andria, circa dodici miglia a nord.
È una città abbastanza piacevole, ma Bari o Trani sono migliori basi durante la notte.
Da [...]

Continua a leggere

Visitare Alberobello

Alberobello e i trulli Alberobello è un noto paese della Puglia famoso per i suoi trulli, tipiche costruzioni di pietra a forma di cono.
Intorno alla zona turistica principale ci sono molti piccoli bar e negozi.
Ci sono anche diversi ristoranti e pizzerie, alcuni anche nei trulli e con terrazza esterna.
Sulla strada principale, Largo Martellotta, ci sono tipici bar italiani e alcuni piccoli negozi di alimentari.
Il giovedì c'è un grande mercato d [...]

Continua a leggere