Economia e Lavoro > Finanza

Si può aprire un conto corrente in Austria?

conto corrente in Austria

L'Austria come altri paesi in Europa viene considerata un paradiso fiscale.
Infatti in Austria è possibile ad esempio aprire libretti di risparnio o fondi di investimento anche a chi non è residente, dato che il sistema bancario austriaco infatti, offre sicurezza dato che copre indifferentemente tutti i conti fino a 100.000 Euro.

Per aprire un conto corrente in Austria invece solitamente si deve essere residenti anche temporanemente per studio o lavoro ma è anche possibile aprire un conto corrente non essendo residenti, dato che non c’è  nessuna legge che vieta detenzione di capitali all’estero, ma è necessario seguire precise regole ovvero una particolare modalità di trasferimento del denaro dall’Italia all'Austria e viceversa e assolvere  gli obblighi del “monitoraggio fiscale" previste dalla legge.

Secondo l'Ocse anche Svizzera, Lussemburgo, Austria sono paesi definiti paradisi fiscali anche se con recenti normative si sono fatti passi avanti sulla informazione incrociata di dati tra paesi per chi opera su conti esteri ma non risiede nel paese in questione.

Questo per la trasparenza sui dati nell battaglia europea contro la corruzione e l'elusione fiscale.

In definitiva però chi vuole aprire un conto corrente in Austria che prende il nome di “Girokonto” e trova una banca che lo fa lo può fare dall'estero altrimenti si deve risiedere nel paese, e sul conto ci si farà addebitare lo stipendio, si potranno pagare le bollette, il mutuo, finanziamenti di auto ecc e  effettuare e ricevere bonifici,   etc…. Tra le banche più famose troviamo Unicredit Bank Austria e  Erste Bank . Per questo tipo di conto ci sono spesso zero costi di gestione annui.

Come aprire quindi un conto corrente in Austria? Si deve andare fisicamente in filiale, serve ovviamente un documento d’identità e  il Meldezettel, un modulo apposito dove si dichiara la propria residenza nel paese.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il no profit dalle organizzazioni all’economia solidale

Le organizzazioni no profit e l’economia solidale

Il no profit è detto di una società, di un’istituzione o di una fondazione che fornisce servizi a livello sociale, non appropriandosi degli utili che ricava dalle sue attività, ma assegnandoli ad altri progetti sempre a vantaggio della comunità.
Queste attività fanno parte del terzo settore, a cui nella società di oggi si dà molta importanza.
Agire senza scopo di lucro è visto come un ideale nobile, che vuole mettere a disposizione della società [...]

Continua a leggere

Investimenti finanziari pianificati per un minor rischio

Chi non vorrebbe guadagnare buone somme di denaro rischiando poco, se non quasi nulla del proprio capitale? Sembrerebbe un racconto di fantascienza, ma così non è ...
  Il 2017 è l'ennesimo anno in cui si conferma la crisi economica, ma quale sono in realtà le possibilità d'investimento? Purtroppo, anche il 2017, e le previsioni a medio e breve termine non smentiscono le tendenze, appare ancora una volta come anno transitorio.
tutt'ora pensare ad [...]

Continua a leggere

Lista dei paradisi fiscali meno rischiosi

I paradisi fiscali sono tutti quegli Stati che hanno deciso di adottare un regime di imposizione fiscale più basso o addirittura assente rispetto ad altri paesi.
In questo modo attirano una grande quantità di capitale estero assicurando in cambio una tassazione parecchio ridotta.
  Perché si sceglie un paradiso fiscale Oltre ad avere una bassa imposizione fiscale, la convenienza di stabilire la propria azienda in uno dei cosiddetti paradisi fisca [...]

Continua a leggere