Economia e Lavoro > Finanza

Significato di offshore

Il significato di offshore in senso ecomomico

Il termine offshore si traduce letteralmente con "al largo" o "in mare aperto". Questo termine viene utilizzato in molti settori, ad esempio in quello sportivo, dove indica un particolare tipo di competizione nautica praticata con barche a motore. Con questo termine si fa spesso riferimento anche alle piattaforme pertolifere (che spesso si trovano, per l'appunto, in mare aperto, lontane dalla costa).
Il significato di offshore viene però sempre più spesso affidato all'economia: in termini economico/fiscali, infatti, è un vocabolo molto utilizzato per riferirsi a società che svolgono la propria attività in un Paese, ma che sono state registrate in un altro, generalmente un cosiddetto ""paradiso fiscale"".
Si tratta molto spesso di isole bellissime (per questo definiti ""paradisi""): Antigua, Mauritius, Seychelles, Aruba, Isole Vergini, Isole Cook, Isole Cayman, Bahamas e Cipro. Gli altri Paesi più conosciuti come sedi di società offshore sono Andorra, Principato di Monaco e Svizzera.

Quelle elencate sono solo alcuni dei Paesi con fiscalità agevolata. Se infatti la società ha sede in uno di questi Paesi sta sotto la giurisdizione dello stesso e pagherà lì le tasse dovute. Chiaramente il vero significato di offshore sta nel fatto di poter pagare tasse molto basse, pur svolgendo il tutto secondo i limiti di legge del proprio Paese d'origine.  Anche la legge Italiana regolamenta le società offshore e lo fa attraverso una norma del 2005, la norma sulla tutela del risparmio. Le società che hanno sede fiscale in un Paese offshore hanno degli obblighi verso l'italia, che sono, tra gli altri, quello di documentare i movimenti patrimoniali ingenti, indicare dove sono stati generati i profitti aziendali e dichiarare dove sono state pagate le tasse. I controlli da parte di alcuni Paesi vengono effettuati per evitare che i cosiddetti paradisi fiscali diventino sede di illeciti finanziari, dove vengono trasferiti ingenti capitali per evitare la tassazione del Paese d'origine o per mascherare le società con dei prestanome.

Il significato di offshore fa proprio riferimento all'allontamaneto dall'imposizione fiscale, cercando un modo lecito per abbassare al minimo le imposte aprendo la propria società in Paesi che consentono anche di mantenere riservatezza e snellimento delle procedure burocratiche.
La riservatezza è però anche l'altra faccia della medaglia di questo tipo di attività: i Paesi cosiddetti offshore non forniscono i dati dei propri clienti, proprio per il vantaggio di continuare ad acquisire capitali stranieri, e cò fa anche in modo che molti ne approfittino per effettuare operazioni illecite e illegali, effettuando operazioni vietate. Esistono quindi Paesi segnalati in determinate liste nere stilate dagli uffici tributari di alcuni Stati (l'Italia è tra questi)


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere