Economia e Lavoro > Finanza

Soldi virtuali, anche Facebook finisce nel mirino per via di Libra

Il vuoto normativo che riguarda le valute virtuali preoccupa le autorità monetarie

Qualche tempo fa, il colosso social Facebook scosse i mercati annunciando l'intenzione di lanciare i propri soldi virtuali. La valuta digitale - col nome di Libra - che dovrebbe vedere la luce nel 2020, finora però non ha incassato grandi consensi. Anzi più che altro ha ricevuto diversi avvertimenti minacciosi.

Le critiche ai soldi virtuali e a Facebook

Il primo arrivò ad inizio estate dalla coppia Powell (capo della Federal Reserve) e Trump (presidente USA), poi ci ha pensato il G7 (con un no compatto: “non può partire”). L'ultimo da Yves Mersch, membro del Consiglio direttivo della BCE. Secondo il funzionario della banca centrale europea, i piani di Facebook per la moneta virtuale Libra sono "affascinanti ma infidi". Ha aggiunto l'auspicio che "i popoli dell'Europa non saranno tentati di preferire alla sicurezza e alla solidità delle soluzioni e dei canali di pagamento ufficiali, le promesse affascinanti ma infide che arrivano dal richiamo della sirena dei soldi virtuali di Facebook".

Senza regole aumentano i rischi

In sostanza, vengono tutti messi in guardia dei rischi che correremmo se abbracciassimo questi asset, che al momento navigano in un vuoto normativo. Del resto non è un caso se le autorità Antitrust Ue stanno esaminando il modo in cui Libra verrà gestita e funzionerà. Rischi che rimangono, anche se Libra sposerà il modello di «stablecoin», ovvero ancorata ad un paniere di asset a bassa volatilità, come depositi bancari e titoli di Stato a breve termine. Teoricamente non dovrebbe quindi avere gli stessi sbalzi di prezzo - che si possono osservare su tutti i siti Forex trading gratis - che caratterizzano Bitcoin e compagnia.

I rischi sulla politica economica

Ma oltre al problema normativo, c'è anche un problema di politica economica. Se ci fosse una forte a Libra, la politica monetaria dell'area dell'euro potrebbe essere messa in difficoltà, perché rallenterebbe il meccanismo di trasmissione della politica monetaria, influenzando la posizione di liquidità delle banche dell’area euro. Inoltre c'è anche un ulteriore motivo di preoccupazione. Libra nascerebbe come moneta altamente centralizzata, perché sotto controllo di Facebook, che però non è un prestatore di ultima istanza (come le banche).


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere