Economia e Lavoro > Finanza

Soldi virtuali, anche Facebook finisce nel mirino per via di Libra

Il vuoto normativo che riguarda le valute virtuali preoccupa le autorità monetarie

Qualche tempo fa, il colosso social Facebook scosse i mercati annunciando l'intenzione di lanciare i propri soldi virtuali. La valuta digitale - col nome di Libra - che dovrebbe vedere la luce nel 2020, finora però non ha incassato grandi consensi. Anzi più che altro ha ricevuto diversi avvertimenti minacciosi.

Le critiche ai soldi virtuali e a Facebook

Il primo arrivò ad inizio estate dalla coppia Powell (capo della Federal Reserve) e Trump (presidente USA), poi ci ha pensato il G7 (con un no compatto: “non può partire”). L'ultimo da Yves Mersch, membro del Consiglio direttivo della BCE. Secondo il funzionario della banca centrale europea, i piani di Facebook per la moneta virtuale Libra sono "affascinanti ma infidi". Ha aggiunto l'auspicio che "i popoli dell'Europa non saranno tentati di preferire alla sicurezza e alla solidità delle soluzioni e dei canali di pagamento ufficiali, le promesse affascinanti ma infide che arrivano dal richiamo della sirena dei soldi virtuali di Facebook".

Senza regole aumentano i rischi

In sostanza, vengono tutti messi in guardia dei rischi che correremmo se abbracciassimo questi asset, che al momento navigano in un vuoto normativo. Del resto non è un caso se le autorità Antitrust Ue stanno esaminando il modo in cui Libra verrà gestita e funzionerà. Rischi che rimangono, anche se Libra sposerà il modello di «stablecoin», ovvero ancorata ad un paniere di asset a bassa volatilità, come depositi bancari e titoli di Stato a breve termine. Teoricamente non dovrebbe quindi avere gli stessi sbalzi di prezzo - che si possono osservare su tutti i siti Forex trading gratis - che caratterizzano Bitcoin e compagnia.

I rischi sulla politica economica

Ma oltre al problema normativo, c'è anche un problema di politica economica. Se ci fosse una forte a Libra, la politica monetaria dell'area dell'euro potrebbe essere messa in difficoltà, perché rallenterebbe il meccanismo di trasmissione della politica monetaria, influenzando la posizione di liquidità delle banche dell’area euro. Inoltre c'è anche un ulteriore motivo di preoccupazione. Libra nascerebbe come moneta altamente centralizzata, perché sotto controllo di Facebook, che però non è un prestatore di ultima istanza (come le banche).


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Zucchero dolce al palato, ma quanto è amaro il suo mercato

Prezzi in profondo rosso per il dolcificante più famoso al mondo. Colpa dell'eccesso di offerta

Tra le tantissime commodity sulle quali gli investitori tengono i fari accesi, l'attenzione negli ultimi tempi è molto focalizzata sullo zucchero.
I prezzi del dolcificante più noto al mondo stanno sprofondando, schiacciati da un’offerta ingente, che squilibra il mercato.
Mercato squilibrato verso l'offerta Sul mercato delle commodities, i futures sullo zucchero bianco sono in calo per il settimo mese consecutivo.
Ormai i prezzi si stanno avvicin [...]

Continua a leggere

L'authority europea ESMA boccia l'Italia: da noi gli investimenti sono troppo costosi

L'organismo UE che vigila sui mercati e sulla sicurezza finanziaria evidenzia le lacune dell'Italia

Per la prima volta l'autorità Europea per la sciurezza e i mercati (ESMA) ha sviluppato un rapporto che fotografa la situazione degli investimenti retali del Vecchio Continente, destinati alla clientela individuale.
Questa sorta di check-up è arrivato a una bocciatura pesante dell'Italia, che risulta molto indietro rispetto ad altri paesi UE.
L'indagine ESMA sui prodotti finanziari I risultati di questa indagine - voluta dalla Commissione Europea [...]

Continua a leggere

Trattato commerciale UE-Mercosur, svolta storica o polpetta avvelenata?

A fine giugno è stato raggiunto uno storico accordo tra la UE e Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay

Dopo quasi vent'anni di trattative, l'UE e i paesi del Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay) sono molto vicini a firmare un trattato commerciale, che creerà un mercato di 780 milioni di persone.
Vent'anni per un trattato commerciale A fine giugno infatti è stato raggiunto a Bruxelles un accordo che aprirà le porte dell'Europa a un mercato di oltre 260 milioni di persone e ad un PIL che rappresenta l'80% dell'America latina.
In una fas [...]

Continua a leggere