Economia e Lavoro > Marketing

Spille personalizzate per il marketing: come sfruttarle

Le spille personalizzate rappresentano un accessorio di stile per caratterizzare il proprio look ma possono anche essere una leva di marketing e merchandising.

La spilla è un accessorio antichissimo. Si tratta di un elemento di abbellimento utilizzato, da sempre, a scopo ornamentale su giacche, bluse, camicie ma anche su tracolle, borse e zaini. L’utilizzo di spille per caratterizzare il proprio look era in voga già nell’Antica Grecia e, in seguito, durante l’Impero Romano, quasi sempre con funzione decorativa. D’altra parte, se l’utilizzo di fermagli è accreditato persino durante l’Età del Bronzo e il suo utilizzo è sopravvissuto nel corso dei secoli, un motivo ci sarà. Realizzare spille personalizzate a scopo pubblicitario è un’attività che, anche oggi, non perde di validità, a buon ragione.

 

Simbolo di appartenenza

 

Da sempre, la spilla è considerata un elemento di distinzione e di adesione. Basti pensare all’utilizzo militare di spille e placche in metallo, a quelle diffuse nel corso della storia di regimi totalitari o a quelli indossati da sempre dagli esponenti di qualsivoglia movimento o partito politico. Alla spille è legata anche una simbologia suggestiva, trattandosi di un elemento che si rende visibile sul petto, vicino al cuore, suggerendo l’idea di qualcosa a cui si attribuisce un’importanza emotiva e ideologica.

 

Visibile e appariscente

 

Ogni elemento utilizzato a scopo pubblicitario, sia a livello commerciale che politico, deve rendersi facilmente visibile. La spilla riesce ad attirare l’attenzione su di sé con facilità, facendosi notare anche dagli spiriti più distratti.

 

Facile da portare con sé

 

Inoltre, indossare una spilla non è impegnativo, non aggiunge peso né l’oggetto richiede di essere impugnata o conservata: basta appuntarla alla maglietta o alla giacca ed essa rimane lì, alla portata degli occhi di tutti e senza alcun disturbo per chi la indossa.

 

D’impatto

 

Si tratta, infine, di un oggetto esteticamente piacevole. La spilla non è ingombrante e non urta allo sguardo, dimostrandosi un accessorio sempre apprezzabile, che aggiunge colore e personalizzazione a qualsiasi look. Una soluzione sempre apprezzata per rendere originale il proprio outfit e senza cadere nella banalità. Elaborando una grafica accattivante, si unisce così l’utile al dilettevole: insomma, una risorsa di marketing e di merchandising assolutamente da non sottovalutare!

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Articoli promozionali: il valore aggiunto delle shopper personalizzate

Tra gli articoli promozionali, le shopper personalizzate sono tra i prodotti migliori per unire utilità e capacità di esposizione del brand.

La prima regola degli articoli promozionali è: “L’utilità crea visibilità”.
Infatti, se un gadget promozionale risulta utile, viene usato spesso e, se viene usato spesso, dà maggiore visibilità al logo dell’azienda.
Ecco perché è importante lo studio dell’articolo giusto.
  Per chi è in difficoltà a trovare una soluzione che garantisca questa qualità, un’opzione sempre valida è data dalle shopper personalizzate.
Proprio così, delle semplici borse [...]

Continua a leggere

Strategie di marketing sul colore

Nel grande capitolo della 'brend identity strategy', cioè la creazione di un mood importante attorno al proprio marchio, alla propria persona, identità commerciale, il colore ha una sua importanza da non sottovalutare.
Un'identità costruita nei dettagli Nella società dell'E-commerce 2.0, nel quale i clienti mostrano scrupoli diversi rispetto al passato, il valore della 'brend identity strategy' assume i connotati di una ricerca specifica al fine [...]

Continua a leggere

Viaggi bleisure: fanno bene ad aziende e dipendenti

C’è una nuova forma di viaggio lavorativo che sta interessando sempre più aziende: il viaggio bleisure. A metà tra un viaggio di lavoro e uno di piacere, piace ai dipendenti e fa bene alle imprese.

Per chi conduce una vita lavorativa sedentaria, viaggiare per lavoro è considerato un vantaggio, un plus che porterebbe addirittura 3 impiegati su 10 ad accettare un compenso più basso a fronte di una maggiore possibilità di viaggiare.
Molte aziende oggi hanno capito l’importanza del viaggio, non solo come strategia incentive e legata a qualche premio di produzione annuale.
Incoraggiare i viaggi bleisure (neologismo che unisce le parole business [...]

Continua a leggere