Scienza e Tecnologie

Stampanti automatiche

Stampanti di etichette automatiche

L'importanza di possedere una stampante Dymo.
Dymo è un marchio leader nel settore della produzione di etichettatrici e di stampanti di etichette automatiche, strumenti che che risultano di molta utilità in svariati tipi di situazione, sia casa, sia a scuola, sia in ufficio. Le etichettatrici manuali sono degli attrezzi che prevedono l'inserimento di un rotolo di nastro all'interno e la composizione della parola desiderata mediante una rosa di lettere e un incisore che le scolpisce sul nastro. Una volta tagliato il pezzo di nastro inciso, ci si ritrova con un'etichetta adesiva, con la parola scritta in rilievo, applicabile su un qualsiasi oggetto: può essere utile ad esempio per contraddistinguere la proprietà di un oggetto ed evitare rischi di confusione o di smarrimento dello stesso. Le etichettatrici automatiche sono una variante più moderna di quelle manuali e prevedono la composizione e stampa elettronica delle etichette: sono particolarmente utili in un contesto lavorativo dove sia necessario produrre grandi quantitativi di etichette in poco tempo.

Acquistare una stampante Dymo: le etichettatrici consumer.
La prima gamma di etichettatrici che si può valutare sul sito ufficiale di Dymo è quella rivolta al consumatore finale: in questa categoria si potranno trovare due modelli: uno automatico ed uno manuale (quest'ultimo, data la natura del suo funzionamento, è l'unico che permette di creare etichette a rilievo). Le etichettatrici Dymo consumer sono i modelli più semplici, indicati per le piccole attività di etichettatura in casa, a scuola e in ufficio: sono utilizzabili per organizzare in modo più efficace i propri oggetti. Tra i modelli manuali a rilievo si ritrovano il Junior e l'Omega: la differenza tra i due è minima, cambia l'impugnatura, il design (che rende il Junior più rivolto ad un target giovane) e qualche lettera componibile in più nell'Omega (che è un modello più incentrato su un target adulto lavorativo). Tra i modelli automatici si ritrovano invece quelli della gamma LetraTAG, che sono dotati di un comodo display, il quale ci permette di vedere esattamente quale sarà il risultato finale della stampa dell'etichetta. Sono modelli elettronici a tutti gli effetti e necessitano quindi di batteria. Per un uso domestico la differenza tra usare una LetraTAG e una manuale non è molta: cambia se si hanno esigenze di stampa di etichette in minor tempo, con effetti tra cui grassetto, corsivo e sottolineato e anche con possibilità di stampare l'etichetta su due righe. Se si hanno queste esigenze una LetraTAG è la soluzione migliore, altrimenti è molto consigliabile ripiegare sul Junior o sull'Omega, che non necessitano di batteria e hanno un prezzo minore. Si ricorda infine che le etichettatrici manuali e quelle LetraTAG necessitano di due diversi tipi di nastro, ordinabili insieme al prodotto.

Acquistare una stampante Dymo: le soluzioni professionali.
Le soluzioni professionali ed industriali sono ottimizzate per uffici e negozi (offrendo, ad esempio, soluzioni da banco) e per la produzione di etichette da applicare in un contesto di produzione in fabbrica. Il concetto di fondo (la differenza tra manuali e LetraTAG) non cambia, cambiano invece i modelli.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Matrici per presse piegatrici: chi le produce a Parma

Scopri l'ampio catalogo di Mora Costruzioni Meccaniche

In numerose aziende del settore meccanico e manifatturiero vengono attualmente impiegate le presse piegatrici, delle particolari tipologie di macchine utensili che – come dice il nome – schiacciano e piegano il materiale di partenza per mezzo di una pressione elevata.
Queste lavorazioni consistono, in pratica, in una deformazione controllata che ha come target la lamiera di metallo.
A tale materiale, che inizialmente è allo stato piano, per mezzo [...]

Continua a leggere

Scale mobili vs. ascensori: qual è l’impianto più efficiente?

In diversi contesti pubblici si possono incontrare simultaneamente due tipi di impianti destinati al trasporto verticale delle persone: gli ascensori da una parte, e le scale mobili dall’altra.
Ognuno può avere le sue preferenze personali nei confronti dell’uno o dell’altro impianto, ma a livello gestionale qual è il sistema di trasporto più efficiente per fare in modo che le persone possano arrivare comodamente dal punto A al punto B nel più bre [...]

Continua a leggere

Pompe sommerse per i pozzi artesiani: ecco le tecnologie più evolute

Sin dagli albori della sua storia l’uomo ha sempre sfruttato le risorse idriche superficiali, come fiumi e laghi, per soddisfare i propri fabbisogni; le civiltà antiche furono le prime a mettere a punto i pozzi per accedere all’acqua presente nel sottosuolo, una fonte ben più stabile di quella legata alle precipitazioni atmosferiche e all’andamento delle stagioni.
Per estrarre l’acqua da questi pozzi occorreva un intenso impegno fisico, oppure si [...]

Continua a leggere