Società > No Profit

Stare sedute in modo corretto

La corretta postura per non avere problemi alla schiena!

Mantenere la giusta postura dona certamente eleganza, perché diciamolo sinceramente: se siete invitate ad un party esclusivo, magari in una delle più belle sale per feste, come quelle proposte da Il Giardino dei Demar, e vedete una ragazza seduta non proprio da “signora”, siete le prime ad osservare questa cosa. La postura è importante, a dirlo è proprio il Bon Ton!

 

Come se non bastasse è scientificamente provato che stare sedute in modo corretto fa bene alla nostra salute. Mal di schiena e cervicale, infatti, sono spesso causa del modo di sedersi che, a lungo andare, genera disturbi di varia natura.

Sedute ergonomiche

Se per motivi di lavoro state spesso sedute le sedie ergonomiche sono l’ideale, pensate proprio per le vostre esigenze. Acquistare la sedia giusta per lavorare non risolve comunque il problema, è necessario infatti usarla adeguatamente: fianchi indietro, schiena dritta e spalle adese allo schienale. Quando invece vi trovate su una poltrona o su un divano, state bene attente alla posizione dei piedi. Questi ultimi devono stare ben fissi al pavimento.

 

La colonna vertebrale, anche quando si sta seduti, deve mantenere la sua naturale forma, motivo per cui è indispensabile regolare non solo lo schienale ma anche l’altezza della seduta. A tal fine è possibile utilizzare dei cuscini poco ingombranti e dei supporti per consentire ai piedi di stare nella posizione indicata. Evitate, anche se lo trovate comodo o favorevole alla concentrazione di stare sedute con le gambe incrociate.

 

Il discorso chiaramente non cambia quando siete fuori dall’ufficio e vi trovate a casa o in un locale. Anche qui: piedi a terra e schiena dritta. Se non siete abituate a ciò, all’inizio troverete scomoda questa posizione, ma vi possiamo garantire che con il tempo i benefici ottenuti saranno via via sempre più evidenti e la posizione sempre più naturale da assumere.

L’importanza di una pausa

Certamente stare sedute nella stessa posizione per molto tempo non giova, motivo per cui vi invitiamo ad alzarvi all’incirca ogni mezz’ora o al massimo un’ora. È importante riposarsi e come si suol dire sgranchirsi un po’. Fare quattro passi per la stanza, allontanarsi per prendere un po’ d’aria può essere la soluzione ideale per rilassare anche spalle, schiena, collo e anche la mente.


Ricordiamoci inoltre che esistono degli esercizi, non impegnativi, che svolti giornalmente possono aiutarci a stare meglio e di conseguenza a vivere la nostra quotidianità in maniera più serena e operativa.  


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Successo inatteso per la cena di beneficenza Banca Interprovinciale - Rock No War

Saranno due, e non uno come preannunciato, i parchi giochi realizzati con i fondi raccolti durante l'evento

La solidarietà non si ferma mai e questo Banca Interprovinciale e Rock No War lo sanno bene.
Questa volta però, la sua forza ha superato le attese.
È pari a 204.000 euro il risultato incredibile della raccolta fondi della cena di beneficenza 2017.
Un successo tale che ha permesso di ampliare il progetto per il Centro Italia, che è stato colpito dal terremoto dello scorso anno: saranno non uno, ma ben due i parchi giochi finanziati e donati alle p [...]

Continua a leggere

Cremazione, l’opinione del Papa

Qual è l'opinione del papa, e della chiesa in generale, su questo delicato argomento?

Quello sulla cremazione dei defunti è sempre stato un dibattito aperto: inizialmente, infatti, la chiesa non accettava tale gesto.
Oggi, quello che è il pensiero del Papa e della congregazione vaticana in generale è diverso.
La cremazione a Roma, così come nel resto d’Italia, infatti, non è contraria alla fede, però la dispersione delle ceneri non è permessa.
Non bisogna disperdere le ceneri nell’aria E ciò, come riporta l’istruzione dell’ex Sant [...]

Continua a leggere

Volontariato: assicurazioni, bandi e altre novità

Il Terzo Settore in Italia è in costante cambiamento

Censimenti alla mano, in Italia si contano più di sei milioni di volontari che si prestano ad attività benefiche in modo gratuito e spontaneo; migliaia sono poi le organizzazioni di volontariato (OdV) che operano in specifici ambiti territoriali o sociali.
Non stupisce che dunque il settore sia estremamente dinamico: prova ne è il fatto che, ad esempio, attualmente si parla della riforma della Legge Quadro sul Volontariato del 1991 che, dopo 25 a [...]

Continua a leggere